Accadeva ad Ovalia: le sfide Italia-All Blacks e gli Springboks passati dall’Italia

Nel calendario ovale l’esordio di Chester Williams e il ritiro di Naas Botha

italia all blacks nuova zelanda

ph. Alessandro Garofalo/Action Images

Nuova settimana e nuovo viaggio alla scoperta del calendario ovale e della storia del rugby.

 

 

12 novembre

1983: una meta in extremis di Jim Pollock permette alla Scozia di pareggiare 25-25 contro gli All Blacks a Murrayfield. Assieme al pareggio del 1964, è il miglior risultato di sempre contro i tutti neri.

1996: a Lansdowne Road detta legge Western Samoa. Gli isolani si impongono con un netto 40-25 frutto di quattro mete.

2005: a Prato l’Italia batte con un largo 48-0 Tonga. Sette le mete segnate dagli Azzurri, di cui due a testa per Bortolami, Sole e Mirco Bergamasco.

 

13 novembre

1906: nel primo incontro giocato sul suolo scozzese da pare del Sudafrica, gli Sprinbgoks si impongono 32-5 contro South of Scotland: per gli ospiti tre mete di Bob Loubser.

1993: nel suo debutto internazionale, Chester Williams segna una delle mete che permettono al Sudafrica di battere l’Argentina 52-23 a Buenos Aires. In 27 presenze marcherà in tutto 14 volte, quattro delle quali nella vittoria del 1995 per 42-14 contro Samoa. Williams fu anche l’uncio giocatore non bianco in campo per gli Springboks nella semifinale mondiale del 1995 e in carriera giocò anche a Casale.

2009: al Beltrametti di Piacenza l’Italia A batte 33-6 la Romania con mete di Buso, Derbyshire, Sepe e Quartarioli.

2010: l’Inghilterra batte 35-18 l’Australia a Twickenham. A segno per i padroni di casa vanno Ashton (due mete) e l’apertura Flood, che realizza 25 punti.

 

14 novembre

1992: per la prima volta dal 1969, il Sudafrica gioca un Test Match in Inghilterra. A Twickenham gli ospiti escono sconfitti 33-16. Al termine del match Naas Botha, due scudetti a Rovigo a fine anni Ottanta, annuncerà il ritiro dal rugby internazionale.

1998: Graham Henry inizia la sua avventura da coach del Galles. La prima uscita dei suoi Dragoni è una sconfitta a testa alta per 28-20 a Wembley contro il Sudafrica. Cinque mesi prima la sfida era terminata con il punteggio record di 96-13 per gli Springboks.

2008: a Torino l’Argentina batte 22-14 l’Italia. L’unica meta azzurra arriva con Masi allo scadere.

2009: a San Siro la Nuova Zelanda batte 20-6 l’Italia nel match che segna il record di spettatori si sempre in Italia. Quel giorno sugli spalti dell’impianto milanese ci sono 80.118 spettatori: che assistono anche alla serie di mischie finali…

 

15 novembre

1969: scene di guerriglia fuori dal St Helen’s Ground di Swansea, dove sono fortissime le proteste anti apartheid in occasione del tour del Sudafrica che gioca contro il club locale.

1997: a Landsdowne Road l’Irlanda esce sconfitta con il pesante punteggio di 63-15 dalla sfida contro la Nuova Zelanda.

2003: a Sydney l’Australia batte 22-10 gli All Blacks nella prima semifinale iridata. A segno per i Wallabies vanno Elton Flatley al piede e Stirling Mortlock di intercetto (subito da King Spencer…).

 

16 novembre

1940: a Bradford 4000 persone assistono alla sfida benefica tra Lancashire e Yorkshire che permette di raccogliere fondi per la Croce Rossa.

1997: dopo un’assenza di 43 anni, il Galles torna a giocare a St Helen’s Ground dove batte 46-12 Tonga.

2002: al Flaminio gli Azzurri sono sconfitti 36-3 dall’Argentina, in meta cinque volte.

2003: nella seconda semifinale iridata, l’Inghilterra batte la Francia 24-7. Tutti i punti inglesi arrivano dal piede di Wilkinson.

2011: dopo una difficile campagna iridata e a otto anni dal successo mondiale australiano, Martin Johnson dà le dimissioni da allenatore dell’Inghilterra, eliminata ai quarti dalla Francia.

 

17 novembre

1962: a Gosforth (Inghilterra) il Canada ferma i Barbarians sul 3-3.

2001: a Twickenham l’Inghilterra batte 134-0 la Romania. 44 punti arrivano dall’apertura Charlie Hodgson (due mete, 14 conversioni e due punizioni).

2012: all’Olimpico la Nuova Zelanda batte 42-10 l’Italia. Quattro le mete neozelandesi, tre delle quali nella ripresa. Per gli Azzurri va in meta Sgarbi.

 

18 novembre

1905: la Nuova Zelanda gioca il primo match sul suolo britannico. A Inverleith la Scozia è battuta 12-7.

2000: l’Inghilterra batte l’Australia campione del mondo in carica con il punteggio di 22-19, nel match passato alla storia per aver segnato l’esordio del TMO, utilizzato in occasione della meta di Dan Luger: ci vorranno sette minuti per prendere la decisione.

2006: al Flaminio passa ancora l’Argentina, che si impone 23-16. Per l’Italia meta si Stanojevic e piede di Bortolussi.

2006: una meta di Phil Vickery a pochi minuti dal termine permette all’Inghilterra di battere 23-21 il Sudafrica a Twickenham.

 

 

Puntate precedenti: settimana 1, settimana 2, settimana 3, settimana 4, settimana 5, settimana 6, settimana 7, settimana 8, settimana 9, settimana 10, settimana 11, settimana 12, settimana 13, settimana 14, settimana 15, settimana 16, settimana 17, settimana 18, settimana 19settimana 20, settimana 21, settimana 22, settimana 23, settimana 24, settimana 25,settimana 26, settimana 27, settimana 28, settimana29, settimana 30, settimana 31,settimana 32, settimana 33, settimana 34, settimana 35, settimana 36, settimana 37, settimana 38,settimana 39, settimana 40, settimana 41, settimana 42, settimana 43, settimana 44, settimana 45

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Una club house per il Magoanine B Rugby

A Maputo, nella capitale del Mozambico, si gioca a rugby. Lo sport alle sue radici: aggregazione e supporto sociale

28 Ottobre 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

Slow Motion #77: Zebre, un lampo nel buio

Antonio Rizzi è il protagonista di una azione di improvvisa bellezza all'interno di un match altrimenti totalmente negativo per la franchigia italiana...

28 Ottobre 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

Rugby in diretta: il palinsesto tv del weekend ovale

Dal Sei Nazioni al Super Rugby Unlocked passando per Pro14 e Mitre 10 Cup

23 Ottobre 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

Maxime Mbandà ha ricevuto l’Onorificenza di Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana

Cavalierato ricevuto dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, senza lasciare il raduno azzurro

20 Ottobre 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

Rugby in diretta: il palinsesto tv del weekend ovale

Si assegnano le Coppe europee, gara-2 della Bledisloe Cup, e molto altro. Un fine settimana imperdibile per ogni appassionato

15 Ottobre 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

La storia dei Cavaliers, vigili del fuoco tre volte campioni del Mondo

Tra spirito speciale, grandi campioni e futuro luminoso

14 Ottobre 2020 Terzo tempo