Accadeva ad Ovalia: l’Italia ai tempi della Coppa FIRA (e di Jonah Lomu)

Nel 1995 a Bologna l’ala All Blacks doma gli azzurri. Nel 2011 la Nuova Zelanda riporta a casa la Webb Ellis Cup

Jonah Lomu

ph. Action Images

22 ottobre

1983: l’Australia fa tappa a Rovigo nel corso del suo tour europeo. I Wallabies si impongono con 7-29 sull’Italia al Battaglini, davanti a 6.500 spettatori. Per gli azzurri l’unica meta porta la firma di Gianni Zanon.

1997: a Tarbes (Francia), il match tra Italia e Argentina valido per la Latin Cup si conclude sul 18-18. Per gli azzurri sei piazzati di Diego Dominguez.

 

23 ottobre

1977: a Varsavia l’Italia viene sconfitta dalla Polonia per 12-6 durante il Fira Championship 1977/1978. Per gli azzurri meta di Gianni Franceschini.

1996: a Padova l’Italia cede nettamente all’Australia per 18-40, ma dopo aver tenuto testa per tutto il primo tempo fino a chiudere sull’8-13. Mete azzurre di Stefano Bordon e Diego Dominguez, che completa un full house segnando anche una conversione, una trasformazione ed un drop.

1999: nel primo quarto di finale della Rugby World Cup, il Galles viene tramortito nel suo Millennium Stadium dai futuri campioni dell’Australia per 9-24. Per i Wallabies doppietta di Gregan e una di Tune, mentre per i Dragoni tutti i punti deriveranno dal piede di Neil Jenkins.

2011: gli All Blacks mettono fine alla maledizione e tornano a vincere la Coppa del Mondo. Nel loro Eden Park, ad Auckland, i neozelandesi battono la Francia per 8-7 al termine di una battaglia memorabile, decisa da una meta di Woodcock su una splendida giocata da touche dei tuttineri e da un piazzato di Stephen Donald, la quarta apertura prima di quel Mondiale. Per i transalpini Thierry Dusautoir marcherà una meta e sarà eletto Man of the Match, ma non basterà. Di seguito gli highlights del match.

 

24 ottobre

1946: gli All Blacks soffrono più del previsto nel battere la Romania a Bucarest, nel primo test match della storia tra le due nazionali. Finirà 6-14 per i neozelandesi.

1978: l’Italia batte l’Argentina nel corso del tour dei Pumas in Europa. Le mete di Rino Francescato e di Serafino Ghizzoni decidono il match, vinto dagli azzurri 19-6 a Rovigo.

1999: nel quarto di finale tra Inghilterra e Sudafrica, l’apertura degli Springboks Jannie de Beer stabilisce il record per il maggior numero di drop messi a segno in un match di Coppa del Mondo, ben cinque. I 34 punti complessivi di de Beer trascineranno i Boks alla vittoria per 21-44 a Parigi alla semifinale, al pari di All Blacks (30-18 sulla Scozia) e della Francia (46-27 sull’Argentina).

2011: dopo la superba finale giocata contro gli All Blacks, Thierry Dusautoir si aggiudica il premio di miglior giocatore dell’anno battendo i neozelandesi Ma’a Nonu, Jerome Kaino e Piri Weepu e gli australiani David Pocock e Will Genia.

 

25 ottobre

1970: la Romania sbanca il Battaglini di Rovigo nell’ultima giornata del Fira Championship 1969/1970. L’Italia cade 3-14, con l’unica meta marcata da Bollesan.

1975: l’Italia apre con una vittoria il FIRA Trophy 1975/1976. A Treviso, gli azzurri battono 28-13 la Polonia con tripletta di Marchetto e doppietta di Mazzucchelli.

1981:  la trasferta a Mosca contro l’URSS si conclude con un pareggio per l’Italia. Allo Sparta Stadium finisce 12-12 e tutti i punti azzurri portano la firma del piede di Stefano Bettarello.

2003: l’Australia riscrive il record di maggior punti segnati in una partita di Coppa del Mondo. Ad Adelaide, i Wallabies travolgono la Namibia per 142-0 marcando ben ventitré mete. Cinque le marcature per Latham, triplette invece per Tuqiri e Giteau. Di seguito gli highlights del match.

2003: nella stessa giornata, l’Italia viene battuta dal Galles a Canberra per 15-27. I Dragoni marcano tre volte con Dafydd e Mark Jones e Sonny Parker e allargano il divario con il piede di Harris. Per gli azzurri tutti i punti portano la firma del piede di Wakarua.

 

26 ottobre

1991: un drop nei minuti finali di Rob Andrew trascina l’Inghilterra alla semifinale della Rugby World Cup 1991. Il XV della Rosa batte 9-6 la Scozia, il cui uomo di punta Gavin Hastings sbaglia un incredibile piazzato per il possibile pareggio di fronte ai pali. Di seguito il video del clamoroso errore.

1997: nel terzo match della Latin Cup (i primi erano stati giocati contro Francia e Argentina) l’Italia travolge nella ripresa la Romania e vince 55-32, dopo che il primo si era chiuso soltanto sul 23-18 per gli azzurri. Per la nazionale allenata da Coste vanno a segno due volte Ivan Francescato, Manuel Dallan, Ciccio de Carli, Andrea Sgorlon e Paolo Vaccari (più venticinque punti di Dominguez).

2003: il match dei gironi di Coppa del Mondo tra Inghilterra e Samoa, vinto dalla prima per 35-22, è contrassegnato da un bizzarro equivoco che ha portato gli inglesi a giocare per un breve momento in 16 uomini contro 15, con il rischio di venire penalizzati per il resto del torneo. Cosa che poi non avverrà.

 

27 ottobre

1991: gli All Blacks subiscono la prima sconfitta nella loro (breve) storia in Coppa del Mondo. Accade in semifinale, dove i neozelandesi vengono battuti 16-6 dall’Australia in quel di Dublino. Per i Wallabies a segno sia Tim Horan che David Campese, più Michael Lynagh dalla piazzola.

2003: a Gosford, durante la Rugby World Cup australiana, arriva gli Stati Uniti tornano a vincere una partita nella competizione dopo 16 anni  e tre edizioni. La formazione a stelle e strisce batte il Giappone 39-26.

 

28 ottobre

1967: Danny Hearn, nazionale inglese, subisce un gravissimo infortunio al collo durante un tentativo di placcaggio a Ian MacRae nel match Home Counties e Midlands e gli All Blacks. Hearn resterà paralizzato a vita, ma continuerà ad allenare e diventerà grande amico con MacRae.

1979: l’Italia cede all’Unione Sovietica nel secondo match del FIRA Trophy 1979/1980. A Mosca finisce 9-0 per i padroni di casa.

1995: gli All Blacks fanno tappa a Bologna e travolgono l’Italia per 6-70 al Dall’Ara. Per gli azzurri due punizioni di Bonomi, per gli ospiti mete di Jonah Lomu (2), Walter Little (2), Sean Fitzpatrick, Zinzan Brooke, Ian Jones, Michael Jones, Eric Rush e Jeff Wilson. Di seguito gli highlights della straripante performance di Lomu.

2007: Mike Catt, attuale assistant coach dell’Italia, dice addio alla carriera internazionale e alla maglia dell’Inghilterra. L’ala lascia la nazionale dopo 75 caps e con la Coppa del Mondo 2003 in bacheca.

2010: Phil Vickery, pilone campione del mondo con la maglia dell’Inghilterra nel 2003, è costretto a ritirarsi immediatamente su consiglio medico a causa di alcuni infortuni al collo e alla schiena. A livello di club Vickery ha giocato per undici stagioni a Gloucester prima di trasferirsi ai Wasps, con cui ha vinto l’Heineken Cup del 2007 e la Premiership del 2008.

 

 

Puntate precedenti: settimana 1, settimana 2, settimana 3, settimana 4, settimana 5, settimana 6, settimana 7, settimana 8, settimana 9, settimana 10, settimana 11, settimana 12, settimana 13, settimana 14, settimana 15, settimana 16, settimana 17, settimana 18, settimana 19settimana 20, settimana 21, settimana 22, settimana 23, settimana 24, settimana 25,settimana 26, settimana 27, settimana 28, settimana29, settimana 30, settimana 31,settimana 32, settimana 33, settimana 34, settimana 35, settimana 36, settimana 37, settimana 38,settimana 39, settimana 40, settimana 41, settimana 42

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Andrea Masi e la sua battaglia per il passaporto inglese

L'ex azzurro ci ha spiegato nel dettaglio tutte le difficoltà nell'ottenimento dell'ambito documento

13 Febbraio 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

Rugby in diretta: il palinsesto tv e streaming dal 13 al 16 febbraio

Si parte e si arriva col PRO D2, in mezzo Super Rugby, Top 12 e soprattutto le sfide di Zebre e Treviso nel Pro 14

12 Febbraio 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

Slow Motion #63: La meta di Mattia Bellini è una promessa azzurra

La marcatura al 79' di Francia-Italia è paradigmatica di quello che vuole fare l'Italia con il pallone in mano

11 Febbraio 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

80° minuto: il miglior XV della seconda giornata di Sei Nazioni

Carlo Canna si conferma fra i migliori per la seconda settimana consecutiva

11 Febbraio 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

Un senzatetto al Sei Nazioni: il gesto di un tifoso gallese

Un gruppo di tifosi gallesi era rimasto con un biglietto in più per la partita contro gli Azzurri, e hanno pensato di fare un bel regalo

9 Febbraio 2020 Foto e video
item-thumbnail

I complimenti di Joe Marler a Mohamed Haouas

ll pilone degli Harlequins ha portato una birra al giovane avversario negli spogliatoi, rifiutando di scambiare la maglia: "E' il tuo primo cap, tieni...

7 Febbraio 2020 Terzo tempo