“Accadeva ad Ovalia”: l’ingresso nel Sei Nazioni e il saluto a “The Voice”

Il 16 gennaio 1998 inizia ufficialmente l’epoca del Sei Nazioni, dodici anni più tardi se ne va Bill McLaren

ph. Action Images

ph. Action Images

Terza settimana dell’anno e nuovo viaggio in esplorazione del calendario ovale.

 

15 gennaio

1910: Twickenham ospita il suo primo match internazionale. Di fronte Inghilterra e Galles, con i padroni di casa che escono vincitori 11-6. Sugli spalti 18.000 persone, arrivate anche con treni speciali organizzati dalle ferrovie.

1927: BBC Radio trasmette il suo primo match di rugby live. A commentarlo l’ex giocatore Harlequins Teddy Wakelam, al quale viene fatto sedere vicino una persona non vedente con le seguenti indicazioni: comportati come se la stessi raccontando a lui.

 

16 gennaio

1996: nel secondo match di sempre tra Galles e Italia, all’Arms Park di Cardiff gli Azzurri sfiorano l’impresa ma escono sconfitti 31-26. In campo per l’Italia ci sono tra gli altri Troncon, Dominguez, Ivan Francescato, Massimo Cuttitta e Properzi. Nel primo minuto del video le mete subito dagli Azzurri quel giorno.

1997: una decisione della IRB stabilisce che durante l’intervallo i giocatori devono lasciare il campo per un tempo pari a dieci minuti.

1998: per la nostra Nazionale si aprono le porte del Cinque Nazioni. Gli Azzurri vengono inviatati a prendere parte al torneo a partire dall’edizione 2000, anno in cui verrà ribattezzato “Sei Nazioni”.

 

17 gennaio

1981: JPR Williams gioca il suo undicesimo e ultimo test contro l’Inghilterra. La sua percentuale di vittorie contro la squadra di Sua Maestà è del 100%.

 

18 gennaio

1930: il tallonatore inglese Sam Tucker viene convocato per il match contro il Galles due ore prima del kick off. Grazie ad un volo riuscirà ad arrivare in tempo a Cardiff per giocare (e vincere) la partita.

1958: l’Irlanda batte per la prima volta un paese in tour dell’Emisfero Sud. A Dublino l’Australia cade 9-6 di fronte a 30.000 spettatori. Di seguito gli highlights del match.

1964: l’incontro tra Scozia e Nuova Zelanda finisce con il punteggio più basso di sempre. A Murrayfield la partita si chiude infatti sullo 0-0.

 

19 gennaio

1996: la SANZAR introduce un punto di bonus per le squadre che nel Super 12 di quell’anno avessero segnato almeno quattro mete. Oggi 21 gennaio 2016 a vent’anni e due giorni di distanza, si è parlato di una nuova modifica del sistema di punteggio che sarebbe al vaglio della SANZAR.

2010:  Bill “The Voice” McLaren muore all’età di 84 anni. Lo storico commentatore BBC fu inserito nel 2001 nella International Rugby Hall of Fame, al tempo unico non giocatore ad aver ricevuto un simile riconoscimento.

 

20 gennaio

1968: Gareth Edwards segna la sua prima meta con la maglia del Galles, nel corso del match pareggiato 11-11 contro l’Inghilterra. In carriera Edwards collezionerà 53 caps con la maglia dei Dragoni segnando venti mete. Di seguito gli highlight della sfida del 1968.

 

21 gennaio

1990: il gallese Kevin Moseley riceve una squalifica di 32 settimane per stamping. L’episodio si verificò durante la partita contro la Francia del Five Nations.

 

Puntate precedenti: settimana 1, settimana 2

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Ed Slater e la convivenza con SLA

L'ex giocatore di Gloucester ha raccontato com'è venuto a conoscenza della malattia e come si sta preparando ai prossimi mesi

9 Agosto 2022 Terzo tempo
item-thumbnail

Gli All Blacks scenderanno al quinto posto nel ranking mondiale

Il Sudafrica raggiunge la Francia al secondo posto, squadre appaiate

7 Agosto 2022 Terzo tempo
item-thumbnail

Le squadre vincitrici del Trofeo Italiano Beach Rugby 2022

Crazy Crabs e Sabbie Mobili le squadre che si sono aggiudicate il titolo maschile e femminile

31 Luglio 2022 Terzo tempo
item-thumbnail

Il lavoro da sogno di Eddie Jones? Allenare la squadra per la quale è tifoso sin da piccolo

Il coach dell'Inghilterra è rimasto in Australia e ha visitato il camp di allenamento della squadra che guida la NRL

28 Luglio 2022 Terzo tempo
item-thumbnail

Un libro che non è una storia ma “Filosofia del rugby”

Riflessione filosofica e narrazione sportiva al tempo stesso. Comprensibile anche a chi non è esperto delle due discipline

23 Luglio 2022 Terzo tempo
item-thumbnail

Scott Robertson e Ronan O’Gara torneranno ad allenare insieme a novembre

Dopo l'esperienza in comune ai Crusaders il neozelandese e l'irlandese lavoreranno ancora fianco a fianco

22 Luglio 2022 Terzo tempo