Accadeva ad Ovalia: l’Australia sul tetto del mondo

I Wallabies vincono la RWC 1999. Poi i Test Match dell’Italia e quelle prestazioni di Porta e Wilkinson

australia rugby

ph. Action Images

Nuova settimana e nuovo viaggio alla scoperta del calendario ovale e della storia del rugby.

 

5 novembre

1988: prima partita da capitano per l’Inghilterra di Will Carling, che chiuderà la carriera internazionale con 72 caps dal 1988 al 1997. L’esordio da leader della squadra è la vittoria per 28-19 contro l’Australia a Twickenham.

1999: il tecnico della Nuova Zelanda John Hart lascia la guida degli All Blacks dopo la sconfitta nella finalina iridata ai danni del Sudafrica. Ma il coach era già sotto pressione dopo aver perso la semifinale contro la Francia.

 

6 novembre

1952: all’età di 21 anni e dopo 3 caps con il Galles, Lewis Jones passa al professionismo del rugby league firmando con Leeds. Il costo dell’operazione, al tempo record, è di 5.000 sterline.

1999: l’Australia sale sul trono di Ovalia grazie alla vittoria per 35-12 in finale contro la Francia al Millennium Stadium. Le mete Wallabies arrivano da Owen Finegan e Ben Tune, mentre dal piede di Matt Burke arrivano sette punizioni.

 

7 novembre

1958: l’Italia in tour Oltremanica ottiene a Cork la vittoria contro Highfield Rugby. Finisce 5-3, con calcio decisivo di Nando Barbini.

1987: Hugo Porta realizza 23 punti per l’Argentina nella vittoria per 27-19 contro l’Australia a Buenos Aires. Dopo il pareggio della settimana precedente, i Pumas si aggiudicano così la vittoria nella serie. Ecco l’atmosfera che si respirava quel giorno sugli spalti.

2011: i Saracens e Wigan Warriors (club di rugby League) annunciano una partnership tecnica che riguarda gli staff delle due squadre ma anche i giocatori delle rispettive accademie e l’opportunità per alcuni di questi di cambiare codice per fare nuove esperienze tecniche.

 

8 novembre

1986: in un incontro molto fisico a Tolosa, preludio della prima finale iridata dell’anno successivo, la Nuova Zelanda batte 19-7 la Francia. A segno per i tutti neri vanno Buck Shelford in meta e Kieran Crowley, attuale coach della Benetton, al piede.

1997: a Buenos Aires i Pumas battono 18-16 l’Australia di John Eales, che schiera quel giorno Stephen Larkham, Ben Tune, Owen Finegan, Joe Roff e Tim Horan. Tra i padroni di casa gran prestazione di Agustin Pichot.

2003: ai quarti di finale iridati, la Nuova Zelanda batte 29-9 il Sudafrica a Melbourne. Per i tutti neri vanno in meta Leon MacDonald, Keven Mealamu e Joe Rokocoko. Quello stesso giorno l’Australia batte 33-16 la Scozia e avanza in semifinale.

2008: a Padova l’Australia batte l’Italia 20-30. L’unica meta azzurra è di Mirco Bergamasco, a cui si aggiungono i punti al piede di Marcato e Orquera.

2014: ad Ascoli grazie alle mete di Favaro e Parisse l’Italia batte Tonga 24-13.

 

9 novembre

1969: a Catania l’Italia è battuta 8-22 dalla Francia B nella sfida di Coppa Fira. Per gli Azzurri meta di Conforto e piede di Pacifici e Michelon.

1985: il Galles concede per la prima volta il cap alle Fiji, sconfitte 40-3 a Cardiff.

2002: l’Inghilterra batte 31-28 la Nuova Zelanda a Twickenham in una partita entrata nella storia del rugby inglese. 20 punti per i padroni di casa arrivano dal piede di Jonny Wilkinson (meta, tre conversioni, due punizioni e un drop).

2003: l’irlandese Keith Wood gioca la sua ultima partita internazionale nella sconfitta contro la Francia nella semifinale di Rugby World Cup giocata a Melbourne, dove finisce 43-21 per i Bleus. Per Wood in carriera ci sono 63 caps internazionale (58 con l’Irlanda e 5 con i Lions).

2013: l’Australia batte Italia 50-20 all’Olimpico di Torino, nel match che segna l’esordio di Allan e il cinquantesimo cap di McLean.

 

10 novembre

1933: nasce a Pihama Don Clarke, che verrà soprannominato “The Boot” per la precisione al piede. Collezionerà 31 caps con gli All Blacks dal 1956 al 1964.

1945: a Rapallo le South African Forces battono 30-5 le  beat New Zealand Forces.

1990: dopo 66 caps internazionali, Hugo Porta gioca la sua ultima partita internazionale. A Murrayfield i Pumas sono sconfitti 49-3 dalla Scozia e Porta esce per infortunio dopo appena un quarto d’ora di gioco.

2012: a Brescia l’Italia batte Tonga 28-23. per gli Azzurri mete di Cittadini, Ghiraldini e una di penalità, oltre al piede di Burton.

 

11 novembre

1962: la Francia, campionessa in carica del Cinque Nazioni, è battuta 3-0 dalla Romania a Bucarest.

1978: una penalità assegnata all’ultimo minuto me che scatenò le proteste dei padroni di casa, permette alla Nuova Zelanda di battere 13-12 il Galles all’Arms park di Cardiff.

2000: a Rovigo il Canada batte l’Italia 22-17. L’unica meta azzurra è di Manuel Dallan.

 

 

Puntate precedenti: settimana 1, settimana 2, settimana 3, settimana 4, settimana 5, settimana 6, settimana 7, settimana 8, settimana 9, settimana 10, settimana 11, settimana 12, settimana 13, settimana 14, settimana 15, settimana 16, settimana 17, settimana 18, settimana 19settimana 20, settimana 21, settimana 22, settimana 23, settimana 24, settimana 25,settimana 26, settimana 27, settimana 28, settimana29, settimana 30, settimana 31,settimana 32, settimana 33, settimana 34, settimana 35, settimana 36, settimana 37, settimana 38,settimana 39, settimana 40, settimana 41, settimana 42, settimana 43, settimana 44.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Andrea Masi e la sua battaglia per il passaporto inglese

L'ex azzurro ci ha spiegato nel dettaglio tutte le difficoltà nell'ottenimento dell'ambito documento

13 Febbraio 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

Rugby in diretta: il palinsesto tv e streaming dal 13 al 16 febbraio

Si parte e si arriva col PRO D2, in mezzo Super Rugby, Top 12 e soprattutto le sfide di Zebre e Treviso nel Pro 14

12 Febbraio 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

Slow Motion #63: La meta di Mattia Bellini è una promessa azzurra

La marcatura al 79' di Francia-Italia è paradigmatica di quello che vuole fare l'Italia con il pallone in mano

11 Febbraio 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

80° minuto: il miglior XV della seconda giornata di Sei Nazioni

Carlo Canna si conferma fra i migliori per la seconda settimana consecutiva

11 Febbraio 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

Un senzatetto al Sei Nazioni: il gesto di un tifoso gallese

Un gruppo di tifosi gallesi era rimasto con un biglietto in più per la partita contro gli Azzurri, e hanno pensato di fare un bel regalo

9 Febbraio 2020 Foto e video
item-thumbnail

I complimenti di Joe Marler a Mohamed Haouas

ll pilone degli Harlequins ha portato una birra al giovane avversario negli spogliatoi, rifiutando di scambiare la maglia: "E' il tuo primo cap, tieni...

7 Febbraio 2020 Terzo tempo