Accadeva ad Ovalia: vittorie all’ultimo secondo e campi impraticabili

Nel 1975 Eden Park diventa Lake Eden. E quella vittoria dell’Inghilterra in Nuova Zelanda…

ph. Anthony Phelps/Action Images

ph. Anthony Phelps/Action Images

Nuova settimana e nuovo appuntamento con la rubrica che vi porta alla scoperta del calendario ovale.

 

 

11 giugno

1988: la Nuova Zelanda ottiene la più larga vittoria di sempre con il Galles. Ad Auckland i Dragoni cadono 54-9.

1995: prima che il titolo passasse a Wilkinson per quanto fatto nella finale della RWC 2003, il drop più famoso d’Inghilterra se lo aggiudica Rob Andrew nel 25-22 con cui il quindici della rosa batte l’Australia ai quarti di finale della RWC 1995.

2005: a Salta l’Argentina batte 35-21 l’Italia. Per gli Azzurri punti dal piede di Peens e Griffen.

2006: a Tokyo l’Italia batte il Giappone 52-6.

 

12 giugno

1959: si sollevano polemiche in Nuova Zelanda, dopo che i selezionatori decidono di non convocare i giocatori Maori per il tour in Sudafrica.

1993: un calcio di punizione all’ultimo minuto permette a Grant Fox di andare in piazzola e alla Nuova Zelanda di battere 20-18 i Lions nel primo Test della serie.

2004: il regno di Graham Henry comincia alla grande. A Dunedin l’Inghilterra campione del mondo in carica cade 36-3, dopo che i primi quaranta si erano conclusi sul 30-3 per effetto delle mete di  Carlos Spencer, Doug Howlett and Joe Rokocoko.

 

13 giugno

1959: una prova di netta superiorità per i Lions, che marcano cinque mete e battono 24-3 l’Australia.

1987: in uno dei match internazionali che resteranno alla storia, la Francia batte 30-24 l’Australia e guadagna l’accesso alla prima finale iridata di sempre. Decide allo scadere la meta di Serge Blanco.

 

14 giugno

1975: in un Eden Park che sembra più una piscina, la Nuova Zelanda batte 24-0 la Scozia. Quattro le marcature dei tutti neri. Le immagini testimoniano del perché quel giorno lo stadio venne ribattezzato Lake Eden.

2003: inarrestabile Inghilterra. Nonostante i gialli a  Neil Back e Lawrence Dallaglio, la squadra della rosa esce vittoriosa per 15-13 dalla sfida di Wellington contro la Nuova Zelanda.

2004: dopo 30 settimane, l’Inghilterra cede la vetta del ranking. A scalzarla, la Nuova Zelanda.

 

15 giugno

1963: nasce il gallese Nigel Walker. Rappresenterà la Gran Bretagna nei 110 ostacoli dei Giochi Estivi del 1984, per poi passare al rugby dove collezionerà 17 caps con il Galles.

1968: l’All Blacks Ian Kirkpatrick entra dalla panchina, segna tre mete e permette alla Nuova Zelanda di battere 27-11 l’Australia.

 

16 giugno

1984: debutta in maglia All Blacks un giovane John Kirwan. Per lui in carriera 63 caps (di cui 62 da titolare) e 143 punti con la maglia tutta nera.

2012: un calcio all’ultimo minuto di Mike Harris permette all’Australia di battere 25-23 al Galles ottenendo così il successo nella serie.

2012: a Christchirch serve un drop all’ultimo minuto di Carter per permettere agli All Blacks di battere 22-19 l’Irlanda.

 

17 giugno

1995: la semifinale iridata tra Sudafrica e Francia, cominciata per un’ora di ritardo causa abbondantissima pioggia, vede il successo degli Springboks per 19-15.

2005: a Cordoba le mete di Canale, Parisse, Pez e il piede di Peens permettono all’Italia di battere l’Argentina 30-29.

2006: l’Australia si vendica per la sconfitta nella finale iridata 2003 infliggendo all’Inghilterra una sconfitta per 43-18.

2006: a Lautoka le Fiji battono 29-18 l’Italia davanti a 10.000 spettatori.

 

 

Puntate precedenti: settimana 1, settimana 2, settimana 3, settimana 4, settimana 5, settimana 6, settimana 7, settimana 8, settimana 9, settimana 10, settimana 11, settimana 12, settimana 13, settimana 14, settimana 15, settimana 16, settimana 17, settimana 18, settimana 19settimana 20, settimana 21, settimana 22, settimana 23.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Le cose più belle di un grande weekend per il rugby Azzurro

La strada verso una continuità di rendimento è ancora lunga ma, tra il serio e il faceto, ecco qualche dettaglio

26 Febbraio 2024 Terzo tempo
item-thumbnail

L’Italia torna tra le prime 10 del World Rugby Ranking: la classifica dopo la 3a giornata del Sei Nazioni 2024

Non accadeva dal 2013, e negli ultimi 2 anni gli Azzurri hanno rimontato dalla 15esima posizione: ecco la classifica aggiornata

26 Febbraio 2024 Terzo tempo
item-thumbnail

Inghilterra: ristrutturare Twickenham o spostarsi a Wembley? La RFU ha deciso

La casa del rugby inglese dal 1909 avrebbe bisogno di importanti e costosi interventi di rinnovamento

20 Febbraio 2024 Terzo tempo
item-thumbnail

European OnRugby Ranking: Benetton resiste in top 10 nonostante l’ultima sconfitta

La ripresa dello URC e del Top 14 ha portato a non poche novità nella nostra classifica

20 Febbraio 2024 Terzo tempo
item-thumbnail

Siya Kolisi ha le idee chiare sul suo futuro dopo il ritiro dal rugby

Il capitano degli Springboks ha svelato cosa farà dopo aver smesso di giocare

17 Febbraio 2024 Terzo tempo
item-thumbnail

I cinque giocatori di rugby più pagati del mondo

Nell'elenco, 3 sudafricani campioni del mondo, un inglese e uno scozzese

16 Febbraio 2024 Terzo tempo