“Accadeva ad Ovalia”: Galles, dalla Tripla Corona alla tragedia

Nel 1950 un incidente sconvolge il Paese, nel 2001 Jenkins entra nella storia. E quella meta Bleus…

ph. Reuters

ph. Reuters

Undicesima settimana dell’anno e nuovo viaggio alla scoperta del calendario ovale.

 

12 marzo

1950: dal trionfo alla tragedia. Dopo 39 anni il Galles torna a vincere la Tripla Corona battendo a domicilio l’Irlanda, ma proprio un aereo di ritorno da Dublino con 78 tifosi gallesi a bordo più cinque membri dell’equipaggio si schianta al suolo, uccidendo 80 persone. Le cause dell’incidente non sono mai state chiarite, sebbene quelle più probabili siano relative a degli errori del pilota. A quel tempo, l’incidente, avvenuto nella periferia di Llandow (a sud ovest di Cardiff), fu il più catastrofico nella storia dell’aviazione civile.

2000: il Sunday Telegraph rende noto che due giocatori del Galles di quegli anni, Shane Howarth e Brett Sinkinson, sono in realtà ineleggibili per la nazionale dei Dragoni. La rivelazione del giornale inglese (il Grannygate) smaschera le effettive origini di Howarth e Sinkinson, entrambi nati in Nuova Zelanda (Howarth vantava anche 4 caps con gli All Blacks) e divenuti arruolabili per il Galles attraverso un loro presunto nonno nato in Galles. In realtà, il nonno di Howarth era nato proprio nella terra dei kiwi, mentre il parente di Sinkinson era originario di Oldham (Inghilterra) e di non Carmarthen. Entrambi furono esclusi dalla nazionale, anche se Sinkinson poté fare ritorno tra i Dragoni l’anno successivo grazie alle regole sulla residenza.

 

13 marzo

1909: il Galles diventa la prima nazione a completare il Grande Slam per due stagioni consecutive. La vittoria decisiva arriva a Swansea per 18-5 sull’Irlanda, quando i Dragoni rimontano l’iniziale vantaggio degli ospiti marcando tutti i punti nel secondo tempo.

1948: la vittoria sul Galles al Ravenhill di Belfast vale il primo Grande Slam nella storia all’Irlanda, vittoriosa per 6-3. Per i Verdi si tratta anche della prima Tripla Corona dal 1899. Per un’altra edizione di soli successi, tuttavia, la nazionale del trifoglio dovrà attendere addirittura il 2009.

 

14 marzo

1970: l’Irlanda vince una delle partite più sorprendenti dell’era del Cinque Nazioni contro il favoritissimo Galles, per di più con un rotondo 14-0. I Dragoni avevano battuto in precedenza la Scozia e l’Inghilterra, mentre l’Irlanda aveva raccolto due sconfitte (Francia e Inghilterra) ed una sola vittoria contro la Scozia.

 

15 marzo

1913: l’Inghilterra conquista il primo Grande Slam della storia davanti ad un pubblico di 25.000 spettatori occorso a Twickenham per l’occasione. Il XV della Rosa taglia il prestigioso traguardo grazie ad un 3-0 sulla Scozia. Il capitano inglese, Norman Atherton Wodehouse, sarà poi ufficiale d’artiglieria nella Battaglia dello Jutland durante la prima guerra mondiale.

1924: Carston Catcheside diventa il primo giocatore a marcare una meta in tutti e quattro i match del Cinque Nazioni, contribuendo al secondo Grande Slam consecutivo dell’Inghilterra. Catcheside segnò due mete al debutto in Galles, una a Belfast contro l’Irlanda e a Twickenham contro la Francia, mentre realizzò addirittura una triplettta nell’ultima sfida contro la Francia.

 

16 marzo

1974: Twickenham assiste alla prima invasione di campo di un uomo nudo, tale Michael O’Brien, un apprendista contabile australiano. O’Brien entrò in campo nell’intervallo del match tra Inghilterra e Galles (vinto dal XV della Rosa 16-12), dopo aver fatto una scommessa con un tifoso inglese. Il giorno successivo O’Brien venne multato per la stessa cifra vinta grazie alla scommessa.

1991: la Francia esce sconfitta dal match decisivo per il Grande Slam a Twickenham per 21-19, ma la partita passa alla storia anche per una meta segnata da Philippe Saint-André con un’azione sbalorditiva, costruita risalendo tutto il campo alla mano dopo essere partiti dai 22 transalpini. Serge Blanco, nel post partita, commenterà: “E’ istinto, è spontanea. E’ il rugby”. Di seguito il video della meta.

 

17 marzo

1990: la Scozia conquista il suo terzo Grande Slam della storia (e anche l’ultimo, fino a questo momento) battendo 13-7 l’Inghilterra a Murrayfield, nonostante gran parte degli esperti pronosticassero gli ospiti come i favoriti.

2001: Neil Jenkins diventa il primo giocatore a superare la quota di 1000 punti segnati a livello internazionale. Il mediano d’apertura gallese è protagonista con 28 punti nella vittoria dei Dragoni a Parigi contro la Francia, grazie ad una meta, quattro conversioni, tre punizioni e due drop per il 35-43 finale.

 

18 marzo

1939: l’ultimo match prima della seconda guerra mondiale si gioca a Murrayfield, davanti a 78.000 spettatori. Tra Scozia ed Inghilterra a vincere sono gli ospiti con un risicato 6-9, grazie alle tre punizioni di Jack Heaton.

1972: per la prima volta in 101 anni di rugby internazionale l’Inghilterra conquista il poco onorevole whitewash, il ‘premio’ riservato alla squadra uscita sconfitta in tutti gli incontri. A condannare il XV della Rosa è la Scozia, vittoriosa 23-9 nella Calcutta Cup.

 

Puntate precedenti: settimana 1, settimana 2, settimana 3, settimana 4, settimana 5, settimana 6, settimana 7, settimana 8, settimana 9, settimana 10

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Raccontare lo sport nel 2021: il filo conduttore di un libro unisce vecchio e nuovo giornalismo

Nel suo saggio, Francesco Palma analizza le nuove frontiere della comunicazione sportiva e prova a tracciare una strada per il futuro del giornalismo.

2 Agosto 2021 Terzo tempo
item-thumbnail

Il giocatore dei Lions preferito da Warren Gatland

Ed è una mezza sorpresa, visto quanto accaduto in passato

30 Luglio 2021 Terzo tempo
item-thumbnail

Greenpeace contro gli All Blacks: critiche per il nuovo sponsor

La federazione neozelandese ha annunciato un accordo di partnership con la multinazionale petrolchimica Ineos

28 Luglio 2021 Terzo tempo
item-thumbnail

Perché il rugby italiano è così com’è

I fattori che determinano forza e ampiezza di un movimento, sono tanti e complessi. Abbiamo provato ad analizzarli

27 Luglio 2021 Terzo tempo
item-thumbnail

Leggende metropolitane del rugby italiano: i contributi del CONI

Una rubrica per sfatare i falsi miti che circolano nel web ovale

26 Luglio 2021 Terzo tempo
item-thumbnail

Rassie Erasmus e il presunto profilo falso

Il Director of Rugby del Sudafrica ha aizzato la polemica sui social dopo alcuni episodi avvenuti nel match di Sabato, usando anche metodi poco ortodo...

26 Luglio 2021 Terzo tempo