“Accadeva ad Ovalia”: il calcio più lungo e quella meta di Castro

Il 3 febbraio 2013 battiamo i Bleus all’Olimpico. Il 31 gennaio 1948 vengono “battezzati” i Barbarians

ph. Sebastiano Pessina

ph. Sebastiano Pessina

Quinta settimana del 2016 ed altro appuntamento con la rubrica che ci porta alla scoperta del calendario ovale.

 

29 gennaio

1944: in pieno secondo conflitto mondiale a Richmond scendono in campo la Royal Air Force contro l’Army. La RAF si impone 11-8. A causa dei problemi ai trasporti il tallonatore degli aviatori Tom Armitt non riuscì ad arrivare in tempo e fu sostituito da Bob Weighill quando il match era ormai iniziato da un quarto d’ora.

2008: per la prima giornata del Sei Nazioni il coach dei Dragoni Gatland punta forte sul blocco Ospreys annunciando ben 13 titolari su 15 provenienti dalla squadra di Swansea per la sfida contro l’Inghilterra. La scelta paga perché i Dragoni dopo vent’anni tornano ad espugnare Twickenham imponendosi 26-19.

 

30 gennaio

1999: nella prima finale giocata a Lansdowne Road Ulster diventa la prima squadra irlandese a vincere l’Heineken Cup, grazie alla vittoria 21-6 contro Colomiers davanti a 49.000 spettatori. All’edizione, la quarta, non parteciparono i club inglesi per una disputa con il Board organizzatore per la ripartizione degli introiti generati dal torneo.

 

31 gennaio

1948: i Barbarians scendono in campo per il primo vero match internazionale della loro storia e a Cardiff battono l’Australia 9-6. Il match fu organizzato anche per raccogliere fondi destinati ai Wallabies, in tour nell’Emisfero Nord. Sugli spalti dell’Amrs Park erano presenti 45.000 spettatori. Di seguito gli highlights del match.

1998: a Bordeaux Bath batte Brive 19-18 e diventa il primo club inglese a vincere l’Heineken Cup, interrompendo il dominio francese delle prime due edizioni. Tutti i punti inglesi sono marcati da Jon Callard. Nel video la decisiva meta di Bath, a venti minuti dal termine del match.

 

1 febbraio

1958: l’Inghilterra batte a Twickenham l’Australia al termine di un match in cui a farla da padrone sono i colpi violenti e ben lontani dal regolamento. Tra i padroni di casa ben tre giocatori saranno costretti ad uscire per placcaggi in ritardo. Il match durerà 15 minuti in più proprio per le continue interruzioni. Nel video gli highlights.

1986: Paul Thorburn calcia quello che passerà alla storia come il calcio di punizione più distante della storia del Sei Nazioni, nel corso del match vinto dal Galles 22-15 contro la Scozia. L’ovale è posizionato in modo decentrato e oltre la linea dei dieci metri della propria metà campo. Il risultato eccolo…

 

2 febbraio

1963: il Galles espugna Edimburgo con il punteggio di 6-0. Il match passerà alla storia per il numero record di touche lanciate, ben 111.

 

3 febbraio

2013: nella prima giornata del Sei Nazioni l’Italia batte la Francia 23-18. Per gli Azzurri vanno in meta Parisse ad inizio match e Castrogiovanni all’ora di gioco, entrambi ben imbeccati da Orquera autore anche di un drop.

4 febbraio

1984: Irlanda, Galles, Scozia e Irlanda scendono in campo per la seconda giornata del Five Nations. Tutti e quattro i capitani sono giocatori di prima line: Peter Wheeler (Inghilterra), Jim Aitkin (Scozia), Ciaran Fitzgerald (Irlanda) e Mike Watkins (Galles).

 

Puntate precedenti: settimana 1, settimana 2, settimana 3, settimana 4

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Raccontare lo sport nel 2021: il filo conduttore di un libro unisce vecchio e nuovo giornalismo

Nel suo saggio, Francesco Palma analizza le nuove frontiere della comunicazione sportiva e prova a tracciare una strada per il futuro del giornalismo.

2 Agosto 2021 Terzo tempo
item-thumbnail

Il giocatore dei Lions preferito da Warren Gatland

Ed è una mezza sorpresa, visto quanto accaduto in passato

30 Luglio 2021 Terzo tempo
item-thumbnail

Greenpeace contro gli All Blacks: critiche per il nuovo sponsor

La federazione neozelandese ha annunciato un accordo di partnership con la multinazionale petrolchimica Ineos

28 Luglio 2021 Terzo tempo
item-thumbnail

Perché il rugby italiano è così com’è

I fattori che determinano forza e ampiezza di un movimento, sono tanti e complessi. Abbiamo provato ad analizzarli

27 Luglio 2021 Terzo tempo
item-thumbnail

Leggende metropolitane del rugby italiano: i contributi del CONI

Una rubrica per sfatare i falsi miti che circolano nel web ovale

26 Luglio 2021 Terzo tempo
item-thumbnail

Rassie Erasmus e il presunto profilo falso

Il Director of Rugby del Sudafrica ha aizzato la polemica sui social dopo alcuni episodi avvenuti nel match di Sabato, usando anche metodi poco ortodo...

26 Luglio 2021 Terzo tempo