Accadeva ad Ovalia: insulti, drop di rigore e Olimpiadi. E quel giorno a Treviso…

Il 6 maggio 1995 l’Italia batte l’Irlanda e si fa strada verso il Sei Nazioni. 14 anni dopo la pazzesca semifinale Leicester-Cardiff

ph. Brandon Malone/Action Images

ph. Brandon Malone/Action Images

Nuova settimana e nuovo appuntamento con la rubrica che vi porta alla scoperta del calendario ovale.

 

30 aprile

1960: la Scozia diventa la prima Home Union a disputare un Test overseas. Gli scozzesi vanno in Sudafrica dove vengono sconfitti 18-10 dagli Springboks a Port Elizabeth.

2005: Martin Johnson e Neil Back giocano la loro ultima partita a Welford Road con la maglia dei Lions. Per il seconda linea capitano dell’Inghilterra saranno in tutto 139 le presenze in Premiership con i Tigers, collezionate dal 1997 al 2005. Per il flanker invece le presenze con Leicester sono in tutto 128, anche lui dal 1997 al 2005.

 

1 maggio

1982: in epoca pre drop di rigore, Gloucester e Moseley si dividono la John Player Cup (LV=Cup) dopo che la finale si è chiusa dopo i tempi supplementari sul 12-12. Resterà alla storia come una delle partite più noiose: solo punti al piede e 67 touche.

2008: l’IRB annuncia di aver approvato una serie di sperimentazioni al regolamento che resteranno in vigore per 12 mesi. Tra queste, la possibilità di far crollare una maul, nessun limite per il numero di giocatori in touche e un fuorigioco di cinque metri da linea ordinata.

 

2 maggio

2008: viene svelato ad Hong Kong il trofeo che verrà assegnato al vincitore del neonato HSBC Asian Five Nations. Realizzato a mano in argento e adornato di motivi tipici del continente asiatico, pesa ben 8 chili.

ph. Yuya Shino/Action Images

ph. Yuya Shino/Action Images

2009: Leinster ottiene per la prima volta l’accesso alla finale di Heineken Cup battendo in semifinale Munster con il punteggio di 25-6 davanti agli 82,206 che affollano Croke Park. A segno per i dublinesi Gordon D’Arcy, Luke Fitzgerald e il Man of the Match Brian O’Driscoll.

 

3 maggio

1914: Perpignan e Tarbes disputano l’ultima finale del campionato francese prima dello stop per la Grande Guerra. A Tolosa vince Perpignan 8-7.

1986: l’allora Inghilterra B si trova in Sicilia nel corso del tour in Italia. Sono i giorni successivi all’attacco missilistico libico di Lampedusa, in risposta ad una precedente operazione statunitense contro Tripoli. La tensione tra i paese è alta e costringe a speciali misure per garantire la sicurezza della squadra inglese, anche a fronte della forte presenza della comunità libica in Sicilia. L’hotel dove alloggiano i giocatori è presidiato ad ogni piano da soldati armati, che impediscono ai giocatori di recarsi all’esterno se non per gli allenamenti.

2009: Leicester si assicura l’accesso alla finale di Heineken Cup battendo in finale Cardiff al termine di uno dei match che resterà nella storia della palla ovale. Tempi regolari ed extra time si chiudono sul 26-26, si va ai drop di rigore dove vincono i Tigers 7-6. Decisivo l’errore di Martyn Williams e il punto realizzato da Crane.

 

4 maggio

1924: ai Giochi Estivi di Parigi la Romani ottiene l’unica medaglia grazie al bronzo ottenuto nel torneo di rugby. Bastò perdere contro Francia e Stati Uniti, uniche altre partecipanti…Nel filmato, la sfida tra Francia e Stati Uniti, che assegnò la medaglia più preziosa agli USA.

1960: la Scozia ottiene il primo successo in un match di un tour, grazie al successo 21-11 ottenuto a Kimberley contro Griqualand West.

1995: durante la trasmissione Fair Game di Channel 4, il capitano dell’Inghilterra Will Carling definisce la commissione RFU “57 old farts” (57 vecchi peti). 24 ore gli verrà revocato l’incarico di capitano, restituito dopo le scuse pubbliche (il filmato della Associated Press mostra proprio il momento ufficiale del reintegro).

 

5 maggio

1915: durante la battaglia di Ploegsteert Wood nelle Fiandre rimane ucciso Ronald William Poulton-Palmer, uno dei gicatori più forti e conosciuti di inizio Novecento.

 

6 maggio

1986: i NZ Cavaliers battono 26-15 Western Province, campioni provinciali in carica. A referto per i neozelandesi anche il nuovo tecnico della Benetton Kieran Crowley, autore di quattro calci.

1995: a Treviso l’Italia batte l’Irlanda 22-12, segnando un altro importante passo verso l’ingresso nel Sei Nazioni. L’unica meta azzurra di paolo Vaccari, mentre gli altri 17 punti arrivarono dal piede di Dominguez. E’ il primo di tre successi consecutivi contro l’Irlanda.

 

 

Puntate precedenti: settimana 1, settimana 2, settimana 3, settimana 4, settimana 5, settimana 6, settimana 7, settimana 8, settimana 9, settimana 10, settimana 11, settimana 12, settimana 13, settimana 14, settimana 15, settimana 16, settimana 17.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Andrea Masi e la sua battaglia per il passaporto inglese

L'ex azzurro ci ha spiegato nel dettaglio tutte le difficoltà nell'ottenimento dell'ambito documento

13 Febbraio 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

Rugby in diretta: il palinsesto tv e streaming dal 13 al 16 febbraio

Si parte e si arriva col PRO D2, in mezzo Super Rugby, Top 12 e soprattutto le sfide di Zebre e Treviso nel Pro 14

12 Febbraio 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

Slow Motion #63: La meta di Mattia Bellini è una promessa azzurra

La marcatura al 79' di Francia-Italia è paradigmatica di quello che vuole fare l'Italia con il pallone in mano

11 Febbraio 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

80° minuto: il miglior XV della seconda giornata di Sei Nazioni

Carlo Canna si conferma fra i migliori per la seconda settimana consecutiva

11 Febbraio 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

Un senzatetto al Sei Nazioni: il gesto di un tifoso gallese

Un gruppo di tifosi gallesi era rimasto con un biglietto in più per la partita contro gli Azzurri, e hanno pensato di fare un bel regalo

9 Febbraio 2020 Foto e video
item-thumbnail

I complimenti di Joe Marler a Mohamed Haouas

ll pilone degli Harlequins ha portato una birra al giovane avversario negli spogliatoi, rifiutando di scambiare la maglia: "E' il tuo primo cap, tieni...

7 Febbraio 2020 Terzo tempo