Accadeva ad Ovalia: 22 maggio 1987, si apre il sipario sulla Rugby World Cup

Otto anni più tardi è il Sudafrica di Mandela a riscrivere la storia. E ci sono l’esordio degli All Blacks e finali rocambolesche…

ph. Mike Hutchings/Action Images

ph. Mike Hutchings/Action Images

Nuova settimana e nuovo appuntamento con la rubrica che vi porta alla scoperta del calendario ovale.

 

21 maggio

2011: seconda Heineken Cup in tre anni per il Leinster. La franchigia di Dublino batte in finale a Cardiff i Saints per 33-22 grazie ad una straordinaria rimonta nella ripresa, dopo che il primo tempo si era chiuso sul 6-22 per Northampton. Ben 28 punti per uno scatenato Johnny Sexton. Di seguito gli highlights.

22 maggio

1884: la cavalcata della nazionale più forte del mondo ha inizio. La Nuova Zelanda gioca il suo primo match ufficiale, vincendo contro una selezione di Wellington per 9-0.

1987: si apre un’era, quella della Rugby World Cup. In Nuova Zelanda scatta la prima edizione dei Mondiali di rugby con la sfida tra All Blacks ed Italia all’Eden Park, che si concluderà con un larghissimo 70-6 per i padroni di casa ai danni degli azzurri. Per gli uomini di Bollesan va a referto soltanto Oscar Collodo con un drop ed una punizione. Di seguito gli highlights.

2005: nella prima finale di Heineken Cup ospitata da Murrayfield Tolosa batte lo Stade Francais 18-12 dopo i tempi supplementari, in cui è il piede di Frederic Michalak (un drop e una punizione) a scavare il solco decisivo per i rossoneri.

2010: altro giro, altra finale tutta francese. E altro assolo di Tolosa. Questa volta la vittima degli uomini di Guy Noves è il Biarritz davanti agli oltre 70.000 spettatori dello Stade de France, battuto 21-19. Per i rossoneri tutti i punti provengono dai piedi di Fritz (un penalty e un drop) e di Skrela (tre punizioni e due drop).

23 maggio

1999: il mondo del rugby viene scosso da un’esclusiva del News of the World, in cui Lawrence Dallaglio ammette di assumere droghe. Il settimanale scandalistico aggiunse anche che il giocatore aveva venduto sostanze stupefacenti come cocaina ed ecstasy, accuse da cui l’inglese negò. La fascia di capitano dell’Inghilterra, in ogni caso, gli fu tolta.

2004: i Wasps vincono la loro prima ed unica Heineken Cup contro Tolosa per 27-20 con il supporto di Clement Poitrenaud, che al 79′ si esibisce in uno degli errori più clamorosi nella storia del rugby europeo facendosi anticipare dal mediano di mischia Howley su un pallone apparentemente comodo e su cui l’estremo francese sembrava essere in controllo. Di seguito il video dell’episodio.

24 maggio

1987: alla Coppa del Mondo le Fiji, contro ogni pronostico, battono l’Argentina di Hugo Porta per 28-9.

2008: l’Heineken Cup si tinge di rosso con la vittoria di Munster. Davanti agli oltre 70000 spettatori del Millennium Stadium, la Red Army batte Tolosa 16-13.

25 maggio

1995: un giorno di gloria per il rugby e per l’intero Sudafrica, dove viene inaugurata una storica Coppa del Mondo a cui gli Springboks partecipano per la prima volta dopo l’esclusione dalle prime due edizioni a causa dell’Apartheid. Davanti a 55.000 spettatori, a Newlands i padroni di casa battono l’Australia 27-18 e il capitano dei Wallabies, Michael Lynagh, dichiarerà che “sembrava di giocare davanti all’intero Sudafrica”. Di seguito gli highlights.

2002: Leicester diventa il primo club a vincere per due anni di seguito l’Heineken Cup. I Tigers realizzano il back-to-back vincendo contro Munster per 15-9 al Millennium Stadium.

2013: l’aver etichettato come “un imbroglione” l’arbitro Wayne Barnes costa caro a Dylan Hartley. Il tallonatore inglese viene espulso durante la finale di Premiership tra i suoi Saints e Leicester (che vincerà 24-17) e riceverà undici settimane di squalifica, a causa delle quali sarà tagliato fuori dalle convocazioni per il tour dei Lions in Australia.

26 maggio

2012: tre anni dopo il Bloodgate, gli Harlequins completano la propria redenzione e vincono la Premiership battendo in finale i Tigers per 30-23, sotto la guida di Conor O’Shea.

27 maggio

1995: Jonah Lomu impressiona il mondo alla sua prima partita in Coppa del Mondo, in cui marca due mete nel 43-19 rifilato dagli All Blacks all’Irlanda in quel di Johannesburg.

2012: gli Ospreys battono in una rocambolesca finale Leinster per 30-31 a Dublino e si assicurano il titolo del Pro12, grazie ad una meta del funambolico Shane Williams al minuto 78 nella sua ultima partita in carriera per la franchigia gallese. Di seguito il video della doppietta dell’ala.

 

Puntate precedenti: settimana 1, settimana 2, settimana 3, settimana 4, settimana 5, settimana 6, settimana 7, settimana 8, settimana 9, settimana 10, settimana 11, settimana 12, settimana 13, settimana 14, settimana 15, settimana 16, settimana 17, settimana 18, settimana 19, settimana 20.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Raccontare lo sport nel 2021: il filo conduttore di un libro unisce vecchio e nuovo giornalismo

Nel suo saggio, Francesco Palma analizza le nuove frontiere della comunicazione sportiva e prova a tracciare una strada per il futuro del giornalismo.

2 Agosto 2021 Terzo tempo
item-thumbnail

Il giocatore dei Lions preferito da Warren Gatland

Ed è una mezza sorpresa, visto quanto accaduto in passato

30 Luglio 2021 Terzo tempo
item-thumbnail

Greenpeace contro gli All Blacks: critiche per il nuovo sponsor

La federazione neozelandese ha annunciato un accordo di partnership con la multinazionale petrolchimica Ineos

28 Luglio 2021 Terzo tempo
item-thumbnail

Perché il rugby italiano è così com’è

I fattori che determinano forza e ampiezza di un movimento, sono tanti e complessi. Abbiamo provato ad analizzarli

27 Luglio 2021 Terzo tempo
item-thumbnail

Leggende metropolitane del rugby italiano: i contributi del CONI

Una rubrica per sfatare i falsi miti che circolano nel web ovale

26 Luglio 2021 Terzo tempo
item-thumbnail

Rassie Erasmus e il presunto profilo falso

Il Director of Rugby del Sudafrica ha aizzato la polemica sui social dopo alcuni episodi avvenuti nel match di Sabato, usando anche metodi poco ortodo...

26 Luglio 2021 Terzo tempo