“Speciale Serie A”, decima puntata: il Rugby Casale

Un club da cui sono transitati tanti campioni. E una storica vittoria contro la Mediolanum…

casale

Altra sosta in veneto nel percorso che ci sta portando a conoscere da vicino i club che questa stagione militano in Serie A. Oggi nel nostro menu c’è il Rugby Casale.

Un po’ di storia
Un sabato mattina del 1952, tre amici si trovano al bar presso il trecentesco torrione dei Carraresi e pensano di creare una squadra di Casale, insieme a giocatori trevigiani, per partecipare al torneo “Città di Treviso”. Giovanni Caberlotto, il dottor Zava ed il dottor Gianni Sartorato, vista la bella esperienza, iscrissero quella squadra alla serie C e al “Trofeo Fusari”, vincendo e ricevendo un trofeo in legno ricavato, dice la leggenda, da una nave veneziana di 500 anni prima (si può ancora vedere appeso in Club House). Il seme ovale era buttato in terra fertile. Il Casale gioca in serie C fino al 1958, poi passa al rugby a XIII vincendo il titolo italiano nel 1961. Nella primavera del 1962 si rifonda la società tornando al XV e ripartendo dalla C, ma si punta in alto e si giocano numerose stagioni in B. Nel 1975 riesce il grande salto in serie A, affrontata e confermata grazie agli atleti di casa più Ken Carrington, il primo All Blacks a vestire la maglia di un club italiano. E con Ken comincia un autentico sodalizio, tutt’ora ininterrotto, fra la cittadina sul Sile e la Nuova Zelanda. La permanenza in serie A dura fino al 1989, alternando buoni piazzamenti (settimo posto nel 1979) a qualche retrocessione. Nel 1992 il Casale vince la A2 e per tre anni resta in alto.

 
Bacino di riferimento
La maggior parte degli atleti arrivano direttamente dalle nostre giovanili, altri sono arrivati dopo aver fatto le giovanili in altre società limitrofe e da anni sono ormai “Caimani” a tutti gli effetti, mentre una parte minore sono gli atleti arrivati nell’ultima stagione dopo aver partecipato al Campionato di Eccellenza lo scorso anno e principalmente dal San Donà.
Il raggio d’influenza sul territorio non supera i 10 km, vista la centralità di Casale sul Sile nei confronti delle società attorno (Treviso, Mogliano, Silea, Dosson etc..), tutti paesi confinanti e che possiedono una Società di Rugby.

 

Tutti i Presidenti
– Caberlotto Giovanni, dalla stagione 1952-53 alla stagione 1955-56
– Sartorato dott. Gianni, dalla stagione 1956-57 alla stagione 1960-61 e dal 1973-74 al 1979-80
– Cappelletto Pietro, la stagione 1962-63 e la stagione 1982-83
– Brovazzo Domenico, dalla stagione 1963-64 alla stagione 1972-73
– Sartorato Ferdinando, stagione 1980-81 e 1981-82
– Busato Valentino, stagione 1983-84
– Tagliapietra Ardito, dalla stagione 1984-85 alla stagione 1986-87
– Malgaretto Sergio, dalla stagione 1987-88 alla stagione 1989-90
– Maggiore Vanni, dalla stagione 1990-91 alla stagione 1999-00
– Pellizzato Olindo, stagione 2000-01 e 2001-02
– Perazza Claudio, attuale Presidente dalla stagione 2002-03

 

Allenatori e giocatori celebri
Casale è ricordato per essere la Società che per prima in assoluto ha portato un All Blacks a giocare in Italia, l’indimenticato Ken Carrington dal 1975 al 1978. Con il passare degli anni si è sempre più rinforzato il binomio Casale- Nuova Zelanda. Un nome su tutti Whaine Smith allora apertura All Blacks ha giocato e allenato per 2 anni a Casale dal 1986 al 1988, ora per Smith Casale con i suoi storici amici è una meta dove ritornare con piacere, contando sempre nella grande accoglienza che gli viene accordata.
Poi per citare altri nomi celebri, Glen Rich, il Campione del mondo Craig “Tony” Green, Zinzan Brook, il Sudafricano Chester Williams, gli Australiani Nasser e Slattery e italiani del calibro di Stefano Bettarello. Sempre da Casale sono partiti i successi degli argentini Ramiro Cassina e Javier Pertile i quali sono riusciti ad arrivare fino a vestire la maglia della Nazionale Italiana. Insomma possiamo dire che a Casale il Rugby si è incarnato nelle varie generazioni grazie anche ai risultati e agli arrivi di questi e tanti altri grandissimi campioni.

 

Momenti più importanti
L’alternare tra Campionati di Serie A e B ha fatto si che Casale, allora paese con 6.000 abitanti fosse il paese più piccolo d’Italia che giocasse così ad alti livelli. La partita che tutti ricorderanno e che rimarrà negli annali è della stagione 1992/93: l’allora Mediolanum Milano, corazzata fino allora imbattuta e con giocatori che hanno fatto la storia del rugby italiano tra i quali fratelli Cutitta, Properzi e Domiguez, perse  l’unica partita della stagione proprio in riva al Sile a opera dei Caimani Casalesi per 23-16.
Chiaramente i meno giovani ricordano con molto piacere quando, in un “Rugby di altri tempi”, il Casale giocava in Serie A o A2 alternando con la Serie B, ma molto importante per la storia più recente è aver visto questa società risalire in meno di un decennio dalla Serie C alla Serie A conquistata in maniera netta dominando il Campionato di B, tutto con le proprie forze, evitando “spese pazze” che molte volte lasciano l’amaro in bocca, investendo nei tanti giovani e con il settore Minirugby – Propaganda crescere in maniera esponenziale.

 

Obiettivi della Prima Squadra per la stagione 2015/16
La salvezza, permettendo di disputare nella stagione 2016/2017 un altro Campionato di Serie A.

 

Rosa squadra serie A
Avanti: Andreuzza Davide, Baldo Andrea, Bottazzo Nicola, Camatta Giacomo, Carnio Vittorio, Chinellato Alberto, Ciochina Stefan, Di Maggio Mauro (cap), Fadel Sebastiano, Francescutti Nicolò, Fregonese Marco, Gambardella Andrea, Gerini Alessandro, Pesce Marco, Sala Giacomo, Toneatti Andrea, Tosatto Nico, Zanardo Alberto
Trequarti: Benetti Nicola, Bosco Tommaso, Cervellin Elia, Cattel Nicola, Forese Daniele, Gambardella Davide, Gazzola Marco, Gerotto Federico, Gerotto Francesco, Gobbo Nicola, Meneghello Ivan, Miotto Pier Paolo, Moro Ivan, Pelizzon Alberto, Serraglia Nicolò, Severin Nicola, Torresan Gianluca, Veronese Marco, Visenti William, Zappalorto Mattia.

 

Puntate precedentiReggio Emilia, Unione Rugby Capitolina, Pro Recco, Gran Sasso, Cus Torino,Valpolicella, Udine, Colorno, Primavera.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Serie B: Cus Milano, Florentia, Villorba e Primavera si impongono a valanga

Le leader dei quattro gironi non sbagliano un colpo proseguendo le loro corse di testa

item-thumbnail

Serie A: Accademia Nazionale, Verona e Noceto volano in testa ai rispettivi gironi

Partite vinte di misura e duelli decisi all'ultimo respiro: tutto questo nella dodicesima giornata della serie cadetta

item-thumbnail

Serie B: si è chiuso il girone d’andata

Dopo metà campionato, CUS Milano, Florentia, Bologna e Primavera guidano le classifiche dei quattro gironi.

item-thumbnail

Serie A: Verona torna a correre. Quante sorprese nel girone 3

Prima vittoria per Romagna. Prosegue il duopolio al vertice nel girone 1

item-thumbnail

Serie B: Primavera vince lo scontro al vertice con Avezzano, il CUS Milano fa 10 su 10

Florentia Rugby, altra squadra a punteggio pieno, a riposo

item-thumbnail

Serie A: tutti i risultati della decima giornata

Prima sconfitta per Verona, Noceto si prende la vetta del Girone 3