“Speciale Serie A”, ottava puntata: il Rugby Colorno

Una presenza stabile ai livelli più alti e un settore giovanile fiore all’occhiello

colorno

Dopo aver fatto scalo ad Udine, ci spostiamo un po’ più a sud e facciamo tappa a Colorno.

 

Un po’ di storia
La storia del Rugby Colorno inizia nel 1975 quando un gruppo di pionieri, affascinati dagli echi cittadini di uno sport dal sapore straordinario, decisero di stringere l’ovale al petto, all’altezza del cuore, per non lasciarlo mai più. Da allora, di acqua sotto al ponte della Reggia ne è passata e nella stagione 2015/2016 la società biancorossa si ritrova a celebrare i suoi primi 40 anni di attività, festeggiati lo scorso settembre con una grande festa durante la quale hanno sfilato, tra aneddoti, premiazioni e foto indimenticabili, volti di ieri e di oggi che hanno scritto pagine importanti di questa storia. La prima decade della storia del Rugby Colorno deve essere etichettata come il decennio del pionierismo. Grande volontà, poca esperienza, scarsi mezzi e strutture precarie. Campi, spogliatoi, gare, trasferte, tutto viene affrontato con la baldanza che solo la gioventù e la novità possono dare. La prima stagione ufficiale (1975/76) vede il Colorno iscritto al campionato juniores ma già dalla stagione successiva si iscrive e partecipa al campionato Nazionale di Serie D. E nella stagione 1982/83 raccoglie la prima grande soddisfazione con la promozione in serie C1 (nel frattempo era stata soppressa la serie D). La squadra era allenata da Paolo Pavesi, uno dei padri fondatori della società Colornese. La seconda decade è il decennio della crisi: si naviga a vista cercando collaborazioni e nuove motivazioni. Nel 1991 il presidente Giorgio Vighi stringe un accordo con il Rugby Viadana dell’allora presidente Fabrizio Nolli: rinuncia alla disputa del campionato seniores per tre stagioni con la realizzazione di una seconda squadra a Viadana che avrebbe disputato il relativo campionato a Colorno. Tutte le energie Colornesi vengono convogliate sullo sviluppo del settore giovanile. Nel 1994 si riparte con nuovo entusiasmo e rinnovata energia, allenatore è Matteo De Sensi e presidente Mario Padovani. Dal 1995 si inizia con seri presupposti: la ripresa dell’attività seniores affidata a Matteo De Sensi per tre stagioni e la presidenza (durerà vent’anni) di Mario Padovani. Le prime avvisaglie di un mutamento di rotta si hanno con la promozione in C1 del 1998 (allenatore May Leighton). Nel 2002 arriva la serie B e nel 2004 la storica promozione in serie A. Il Rugby Colorno è diventato grande. L’ultimo decennio è storia recente. Il Colorno Rugby è stabilmente in serie A salvo quando, nel 2010, vi rinuncia per abbracciare le esperienze Aironi e Granducato. Nel 2012 si torna in serie A e si lavora per crescere ancora. Nel frattempo nel 2001 si consolida un’intensa attività femminile juniores e seniores (campionesse d’Italia a 7 nel 2014). E’infine nata Sostegno Ovale Onlus che porta avanti tra i tanti progetti la squadra dei Bufali Rossi, squadra di rugby composta da ragazzi con problemi di natura psichica, e “Il Sorriso che non si dimentica”, progetto nato in ricordo di Filippo Cantoni, promessa del Colorno e della Nazionale giovanile scomparso nel gennaio 2014, che premia con tre borse di studio le doti umane , sportive e scolastiche dei giovani.

 

Bacino di riferimento
Se si pensa al settore giovanile, vero fiore all’occhiello della società biancorossa, il bacino d’utenza del Rugby Colorno è rappresentato dall’attività di propaganda che i tecnici educatori svolgono da oltre 15 anni nelle scuole e negli istituti comprensivi dell’intera provincia di Parma. Ogni stagione scolastica e sportiva gli istituti che aderiscono a questo progetto cambiano e nel corso degli anni è stata ricoperta un’area piuttosto vasta anche nelle province di Mantova e Cremona. Per la stagione 2015/2016 le scuole che vestono i colori biancorossi sono quelle di Colorno, Sorbolo, Sissa, Trecasali e Casalmaggiore.

 

Palmares Seniores e Juniores
Stagione 1982/1983 La prima squadra del Rugby Colorno vince il campionato di Serie C2 e approda in C1. L’allenatore è Paolo Pavesi.
Stagione 2003/2004 La prima squadra del Rugby Colorno vince il campionato di Serie B e approda in Serie A. L’allenatore è Sabatino Pace.
Stagione 2007/2008 L’Under 19 del Rugby Colorno vince il Trofeo degli Appennini. Gli allenatori sono Michele Mordacci e Cristian Prestera.
Stagione 2011/2012 La prima squadra del Rugby Colorno vince il Campionato di Serie B e approda in A2. Gli allenatori sono Michele Mordacci e Cristian Prestera.
Stagione 2012/2013 La prima squadra del Rugby Colorno vince il Campionato di Serie A2 e approda in A1. Gli allenatori sono Michele Mordacci e Cristian Prestera.
Stagione 2013/2014 Il Rugby Colorno si classifica al primo posto del Campionato Nazionale Seven Femminile. Le “Furie Rosse” sono allenate da Daniele Tebaldi.
Stagione 2014/2015 L’Arca di Gualerzi, formazione Under 18 del Rugby Colorno che milita nel Campionato Elite, si aggiudica il Trofeo degli Appennini. L’head coach è Marco Falzone.

 

 

Allenatori e giocatori celebri
Samuele Pace, classe ’80, centro o ala. Figlio d’arte (il padre Sabatino è una bandiera della Rugby Parma e allenatore) muove i primi passi proprio nella Rugby Parma dove esordisce in A1 nel 2000. Già nel 2001, sotto la guida tecnica del C.T. Brad Johnstone, fa il suo esordio in Nazionale maggiore, in un test match a Genova contro il Sudafrica; una settimana più tardi è in campo come titolare contro Samoa all’Aquila. Nel 2005 è ancora in azzurro nella vittoria contro Fiji a Monza. Ha giocato anche nel Viadana, nel Rovigo e nelle Zebre. Nel 2013 è tornato a Colorno e oggi fa ancora parte della rosa della prima squadra.
Michele Mordacci, classe ’68, utility back. Colornese doc, proprio come l’amico Paolo “Betto” Bettati, passa al Viadana nella stagione ’91 ’92 in Serie B e vi resta fino al ’94 ’95 conquistando la promozione in A. Approda al Calvisano in A1 nel ’95 ’96, fa ritorno a Viadana la stagione successiva e poi ancora a Calvisano nella stagione ’96 ’97. Chiude la carriera a Colorno nel 2008 2009 dopo aver guadagnato le promozioni dalla Serie C alla A. Ha allenato la prima squadra biancorossa in Serie A con Cristian Prestera, la Under 20 del Gran Ducato con Ryan Mey, poi ancora la prima squadra del Colorno con Marco Falzone. Da due stagioni è head coach della prima squadra del Rugby Colorno, assistito da Aldo Birchall, Paolo Bettati e Roberto Dalla Chiesa.
Paolo Bettati, classe ’71, trequarti centro. Colornese doc, nato rugbisticamente in biancorosso passa al Viadana nella stagione ’91 ‘92. Nella stagione ’99 2000 vince la Coppa Italia e nel 2001/2002 conquista lo Scudetto. Torna a Colorno nel gennaio 2003 e termina la sua carriera di giocatore nel 2011. Oggi è vice allenatore della prima squadra del Colorno.
La curiosità è che questi giocatori, nati con la casacca biancorossa sulle spalle e che hanno avuto carriere di rilievo, fanno attualmente parte dello staff o della rosa del Rugby Colorno.

 

Momenti più importanti
Il 2004 rappresenta un’annata topica per il Rugby Colorno che, con Sabatino Pace e Furio Spaggiari in panchina, conquista la promozione in Serie A. Questo è il momento in cui la società sancisce la sua leadership che, nel corso degli anni, non è mai venuta meno. Salvo la parentesi Gran Ducato, col Colorno che rinuncia a partecipare al Campionato di Serie A, il livello raggiunto nel 2004 non è mai stato abbassato.

 

Obiettivi della Prima Squadra per la stagione 2015/16
La stagione 2014/2015 lascerà senza dubbio il segno per molto tempo. Il XV targato Mordacci ha compiuto una cavalcata straordinaria venendo sconfitto, praticamente, solo nella semifinale di andata contro i Lyons Piacenza. Un partita iniziata male, finita peggio. La gara di ritorno si gioca in uno stadio “Maini” di Colorno stracolmo di sostenitori festanti. I locali giocano una partita memorabile e per un solo punto non si aprono le porte per la finale che garantisce il passaggio in Eccellenza. Per un solo punto. Il gap tra andata e ritorno, che condanna i biancorossi, ha il sapore di una vera beffa. Quindi, per questa stagione, l’obiettivo non può che essere quello di migliorarsi per arrivare a un traguardo davvero importante.

 

Rosa squadra serie A
Avanti: Andrea Armantini, Andrea Barbieri, Pietro Barbieri, Nicolò Baruffaldi, Benchea Marcel Alexadru, Aldo Birchall, Claudio Borsi, Antonio Brandolini, Luca Buondonno, Lorenzo Contini, Kenny Copetti, Alessandro Da Lisca, Marco Ferro, Daniele Goegan, Oliver Hughes, Gianluca Lanfredi, Matteo Minari, Mattia Modoni, Pop Marius Florin, Rocco Maria Rollo, Filippo Scalvi, Giangiacomo Slawitz, Flavio Tripodi.
Trequarti: Simone Balocchi, Davide Barbieri, Nicola Boccarossa, Gabriele Bronzini, Matteo Canni, Alessandro Castagnoli, Michele Ceresini, Michele Corso, Elia Lauri, Federico Magri, Pietro Modoni, Samuele Pace, Milo Padovani, Richard Paletta, Giovanni Rollo, Riccardo Russo, Federico Silva, Michele Slawitz, Alessandro Terzi.

 

Puntate precedentiReggio Emilia, Unione Rugby Capitolina, Pro Recco, Gran Sasso, Cus Torino, Valpolicella, Udine.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Serie B: Cus Milano, Florentia, Villorba e Primavera si impongono a valanga

Le leader dei quattro gironi non sbagliano un colpo proseguendo le loro corse di testa

item-thumbnail

Serie A: Accademia Nazionale, Verona e Noceto volano in testa ai rispettivi gironi

Partite vinte di misura e duelli decisi all'ultimo respiro: tutto questo nella dodicesima giornata della serie cadetta

item-thumbnail

Serie B: si è chiuso il girone d’andata

Dopo metà campionato, CUS Milano, Florentia, Bologna e Primavera guidano le classifiche dei quattro gironi.

item-thumbnail

Serie A: Verona torna a correre. Quante sorprese nel girone 3

Prima vittoria per Romagna. Prosegue il duopolio al vertice nel girone 1

item-thumbnail

Serie B: Primavera vince lo scontro al vertice con Avezzano, il CUS Milano fa 10 su 10

Florentia Rugby, altra squadra a punteggio pieno, a riposo

item-thumbnail

Serie A: tutti i risultati della decima giornata

Prima sconfitta per Verona, Noceto si prende la vetta del Girone 3