Speciale Rugby World Cup: cartoline mondiali – Takudzwa Ngwenya

La prodezza della giovane ala Eagles, originaria dello Zimbabwe, che alla RWC 2007 sorprese Habana segnando la miglior meta del Torneo

ph Action Images - Jason O'Brien Livepic

ph Action Images – Jason O’Brien Livepic

Nome: Takudzwa
Cognome: Ngwenya
Ruolo: Ala
Edizioni RWC disputate: 2007 – 2011
Presenze RWC: 7
Punti RWC: 10

 

Il rugby è uno sport dove, a differenza di altri, il più forte quasi sempre vince. Possono succedere tante cose, certo, ma la stragrande maggioranza delle volte la compagine più preparata e favorita trionfa. Questa sacrosanta verità, però, non ha mai impedito alle squadre consapevoli di essere tecnicamente inferiori, un gradino sotto, di giocare al massimo delle proprie possibilità. Anzi, in qualche caso ne sono usciti degli exploit che rimarranno nella memoria di tutti gli appassionati.

 

RWC 2007, il 30 settembre a Montpellier si disputa l’ultimo match del girone A tra il Sudafrica, ormai certo del passaggio al turno successivo, e gli Stati Uniti, che invece non avevano vinto nemmeno uno dei 3 incontri precedenti. Una partita senza storia, con gli Springboks assolutamente favoriti.

Al 37esimo minuto le aspettative sono totalmente rispettate, con i sudafricani in vantaggio per 24 a 3 e a pochi metri dal segnare l’ennesima marcatura. Proprio sul più bello però Todd Clever, giocatore simbolo degli Eagles, intercetta un lungo passaggio a 5 metri dalla linea di meta americana e scatta in avanti. La difesa verdeoro rientra e si chiude su di lui, ma la terza linea guadagna oltre trenta metri accentrandosi prima di scaricare il pallone che finisce nelle mani della seconda linea Alec Parker e subito dopo in quelle dell’apertura Mike Hercus che, con una lunga sventagliata, riesce a far arrivare l’ovale dalla parte opposta del campo rispetto a dove era iniziata l’azione. Ad agguantare il pallone una giovane ala originaria dello Zimbabwe dal nome quasi impronunciabile, Takudzwa Ngwenya.

Di fronte a lui rimane un solo giocatore, ma di sicuro proprio quello che non ci si vorrebbe trovare davanti in una situazione così: Bryan Habana, in quel momento considerato il rugbista più veloce in attività. Il suo nome difetta di vocali, ma di certo al nostro beniamino non mancano intraprendenza e gambe. Invece di calciare o cercare il sostegno Takudzwa punta Habana, lo fa rallentare quel tanto che basta per poi accelerare e, metro dopo metro, passarlo all’esterno in velocità pura. L’incredulità da parte di tutti, giocatori, spettatori, commentatori, probabilmente anche di Habana e di Ngwenya stesso, si trasforma in gioia per il team e i supporter americani, che segnano così una meta ai futuri campioni del mondo.

La partita finì 64 a 15 per gli Springboks, ma la meta di Ngwenya fu eletta la migliore del Torneo ed è entrata di diritto tra i momenti più belli di tutte le edizioni della RWC.

 

 

Matteo Zardini

 

Leggi le altre cartoline mondiali: Jonny WilkinsonJohn Kirwan – François Pienaar e Nelson Mandela – Mario Ledesma – David Campese – Shane Williams – Serge Blanco – Brian O’Driscoll – Gavin Hastings – Victor Matfield – Brian Lima – Nicky Little

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Rugby World Cup 2015: polverizzati i numeri delle precedenti edizioni

Pubblicato il report sull'impatto economico degli ultimi Mondiali. E le cifre sono da record

24 Maggio 2016 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2015
item-thumbnail

Joubert e la fuga dopo Scozia-Australia: l’ho fatto per tutelare il contesto, non me stesso

Il fischietto sudafricano torna sulla controversa uscita dal campo al termine del quarto di finale iridato

15 Aprile 2016 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2015
item-thumbnail

2015, un anno mondiale: 12 cartoline per rivivere la Rugby World Cup

Trionfi di squadra e record personali, amicizie, abbracci e spettacolo. Cosa ci lascia l'evento che ha dominato l'anno ovale

31 Dicembre 2015 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2015
item-thumbnail

Matfield e la sconfitta col Giappone alla RWC: “La peggior settimana della vita”

Il veterano Springboks ripensa alla clamorosa sconfitta e a come il gruppo si è ripreso

29 Dicembre 2015 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2015
item-thumbnail

Rugby World Cup 2015: ecco i risultati (negativi) dell’anti doping

World Rugby ha reso noti i risultati dei 468 campioni analizzati

2 Dicembre 2015 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2015
item-thumbnail

Post RWC 2015: Jonathan Kaplan mette dietro i pali i suoi colleghi fischietti

Uno dei più stimati arbitri di sempre analizza il torneo dal punto di vista di chi l'ha diretto. E le ombre superano le luci...

20 Novembre 2015 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2015