Speciale Rugby World Cup: cartoline mondiali – Gavin Hastings

Un fatale errore non offusca la carriera di un grande giocatore che rimarrà per sempre nel cuore degli scozzesi e non solo

ph Action Images / Phil O'Conner

ph Action Images / Phil O’Conner

Nome: Gavin
Cognome: Hastings
Ruolo: Estremo
Edizioni RWC disputate: 1987 – 1991 – 1995
Presenze RWC: 13
Punti RWC: 227

 

Scozia-Inghilterra non è mai un match normale: anni, secoli di rivalità entrano in campo insieme ai 30 giocatori. Figuratevi se si gioca a Murrayfield. Figuratevi se è la semifinale di un Mondiale.

 

54° minuto della prima semifinale della RWC 1991, l’Inghilterra conduce 9 a 6 sui padroni di casa, ruck confusa in mezzo al campo, appena dentro i 22 inglesi, l’arbitro fischia e concede una punizione. Un rigore a porta vuota. Sulla palla un attimo di indecisione, Gavin Hastings aveva appena subìto un brutto placcaggio da Mike Skinner, ma decide comunque di calciare la punizione. I 15 in maglia bianca sono pronti a recuperare il pallone e ripartire da centrocampo, Murrayfield canta a squarciagola “Flowers of Scotland”, mentre l’infallibile estremo posiziona la palla per una punizione il cui esito sembra già scritto.

Lo stadio si quieta, parte la rincorsa, l’impatto con il pallone produce un suono strano, la parabola c’è, ma l’ovale finisce incredibilmente a lato. Impossibile dire cosa passò nella mente di tutti i presenti allo stadio in quel momento, o quantomeno non riportabile in uno spazio non vietato ai minori. La partita finì così, senza mete e con un’immensa tristezza nel cuore degli scozzesi, in primis in quello di Gavin Hastings che tante gioie aveva regalato ai tifosi del cardo, a partire dal Grande Slam dell’anno precedente.

Quella semifinale è stata il momento più alto della storia della Scozia nella RWC e quell’errore resterà negli annali. Tuttavia la carriera di “Big Gav” nelle rassegne iridate parla soprattutto di successi che non vengono oscurati da quella “pecca”. 227 punti realizzati in tre edizioni, secondo solo a Wilkinson, con 13 presenze e 9 mete. Hastings è e sempre rimarrà nel cuore degli scozzesi.
Un eroe di quel rugby preprofessionistico; quello che, dismessi pantaloncini e scarpini, i guerrieri che scendevano in campo per difendere l’onore di una nazione fiera e orgogliosa tornavano al proprio lavoro quotidiano. Un eroe romantico, capace, come tutti gli eroi, di rialzarsi dopo una bruciante delusione e continuare a combattere, fiero e orgoglioso come tutti gli scozzesi.

 

 

 

Matteo Zardini

 

Leggi le altre cartoline mondiali: Jonny Wilkinson – John Kirwan – François Pienaar e Nelson Mandela – Mario Ledesma – David Campese – Shane Williams – Serge Blanco – Brian O’Driscoll – Victor Matfield – Brian Lima – Nicky Little – Takudzwa Ngwenya

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Rugby World Cup 2015: polverizzati i numeri delle precedenti edizioni

Pubblicato il report sull'impatto economico degli ultimi Mondiali. E le cifre sono da record

24 maggio 2016 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2015
item-thumbnail

Joubert e la fuga dopo Scozia-Australia: l’ho fatto per tutelare il contesto, non me stesso

Il fischietto sudafricano torna sulla controversa uscita dal campo al termine del quarto di finale iridato

15 aprile 2016 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2015
item-thumbnail

2015, un anno mondiale: 12 cartoline per rivivere la Rugby World Cup

Trionfi di squadra e record personali, amicizie, abbracci e spettacolo. Cosa ci lascia l'evento che ha dominato l'anno ovale

31 dicembre 2015 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2015
item-thumbnail

Matfield e la sconfitta col Giappone alla RWC: “La peggior settimana della vita”

Il veterano Springboks ripensa alla clamorosa sconfitta e a come il gruppo si è ripreso

29 dicembre 2015 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2015
item-thumbnail

Rugby World Cup 2015: ecco i risultati (negativi) dell’anti doping

World Rugby ha reso noti i risultati dei 468 campioni analizzati

2 dicembre 2015 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2015
item-thumbnail

Post RWC 2015: Jonathan Kaplan mette dietro i pali i suoi colleghi fischietti

Uno dei più stimati arbitri di sempre analizza il torneo dal punto di vista di chi l'ha diretto. E le ombre superano le luci...

20 novembre 2015 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2015