Speciale Rugby World Cup 2015: gli stadi – Stadium MK

Uno stadio modernissimo decisamente sopra gli standard in termini di funzionalità e accoglienza

ph. Marco Turchetto

ph. Marco Turchetto

Stadium MK
Capacità: 30.717
Denbigh, Milton Keynes

 

Tre i match che si disputeranno su questo campo: giovedì 1 ottobre (ore 20:00), Francia-Canada; sabato 3 ottobre (14:30), Samoa-Giappone; martedì 6 ottobre (20:00), Fiji-Uruguay.

 

Lo Stadium MK, familiarmente chiamato dai locali Denbigh Stadium (per via del quartiere cittadino in cui sorge), è la casa dei MK Dons (ex Wimbledon FC) che ne presero possesso nel 2007. Fu inaugurato in pompa magna il 29 novembre alla presenza di Her Majesty The Queen Elizabeth II e il primo match si è disputato il 18 luglio.

 

A progettare la struttura polifunzionale, costata la bellezza di 50 milioni di sterline, è stato il grande studio internazionale di architettura Populous, prestigiosa società specializzata nella realizzazione d’imponenti opere pubbliche (in particolare stadi, centri congressi, auditorium…) a cui si deve anche, solo per fare qualche “piccolo” esempio, il Millennium di Cardiff e lo Yankee Stadium di New York… L’MK supera gli standard tecnico-strutturali in termini di funzionalità e di servizi per il pubblico di molte altre arene di recentissima costruzione. A coronamento di un design davvero ben riuscito, l’elegante estetica esterna, con i rivestimenti color argento e il sapiente accostamento di vetro, acciaio e cemento.
Lo stadio ha la tradizionale forma a catino. Il progetto iniziale presentava solo un anello e una capienza massima di 22.000 posti, insufficiente per ambire al rango di grande stadio di calcio. Così è stato recentemente costruito un secondo ordine di spalti che ha determinato un incremento di quasi un terzo della portata che oggi supera di poco i 30.500 spettatori. Su tre lati, “appese” all’anello superiore, ci sono delle tribunette più aggettanti. Il west stand accoglie il Director’s Box e le aree hospitality executive e corporate.

L’MK è integralmente coperto e una delle sue peculiarità è rappresentata proprio dal tetto, decisamente inclinato verso il campo, ma soprattutto posto molto in alto rispetto all’ultimo odine di seggiolini. Sicuramente un escamotage per far penetrare meglio la luce, ma forse anche una soluzione architettonica razionale in previsione di un ulteriore ampliamento, chissà…

 

La palla ovale è rimbalzata più volte sul suo prato. La struttura ha fatto da palcoscenico sia a match di Premiership sia a partite di Heineken Cup. Il 10 maggio del 2008 si è giocato il 22° e ultimo round di Premiership fra Saracens e Bristol Rugby (25-20). Quel giorno Richard Anthony Hill, “Mr Saracens”, salutò il pubblico dopo più di 15 anni di onorata carriera: 275 caps con la maglia del club londinese (a one club man), 71 con quella dell’Inghilterra, due Rugby World Cup disputate, nel 1999 e ancora nel 2003 quando la pattuglia di Woodward portò a casa con sé il Trofeo; 3 tour con i British and Irish Lions. Era da ricordare.
Il 10 aprile del 2011 si è svolto il primo atto dell’assalto dei Saints verso la conquista della Heineken Cup (stagione 2010-11): ai quarti di finale, hanno castigato l’Ulster 23 a 13. Il primo maggio hanno punito Perpignan 23-7 in semifinale. Nella successiva stagione del massimo campionato europeo per club accorsero all’MK in 22.220, era il 21 gennaio, ma i detentori della coppa furono sconfitti dal Munster 36-51.
Il 30 dicembre 2012, in un incontro di Premiership, i Saracens hanno battuto 17-16 il Northampton. Il 25 aprile 2015, davanti a un pubblico record di 27.000 spettatori, sempre in un match del campionato britannico, i Saints hanno fermato i Saracens 25-20.

 

Per raggiungere lo stadio
Milton Keynes si trova fra Birmingham, Oxford, Cambridge ed è a poco più di 35 minuti di treno dal centro di Londra. L’aeroporto della Capitale più comodo è Luton.
Lo stadio è a sud della città, nelle vicinanze dello svincolo della A5. Attenzione perché nei paraggi ci sono alcuni centri commerciali e una sede della celeberrima azienda svedese di mobili e complementi… Non è inconsueto trovare parecchio traffico.
Le stazioni ferroviarie più vicine sono Bletchley e Fenny Stratford, entrambe a poco più di 2 chilometri, Milton Keynes Central (decisamente meglio servita) dista circa 4 km.
Se arrivate da nord e viaggiate sulla M1 prendete l’uscita 15 (A508). Da sud, sempre sulla M1, l’uscita è la 13, imboccate quindi la A421 per Milton Keynes. La direzione da seguire è sempre Bletchley, V6 Grafton Street.
Il parcheggio dello stadio contiene circa 2000 auto e il costo è di poco inferiore alle 10 sterline. Evitate di lasciare l’auto nei parcheggi dei centri commerciali che sono controllati! Un’alternativa, se non trovaste posto, è la vicina zona industriale di Denbigh, ma anche in questo caso attenzione ai cartelli e a non commettere infrazioni.

 

Per saperne di più sulle Fanzones.

 

Francesca Lupoli

 

Scopri gli altri stadi che ospiteranno i match della Rugby World Cup England 2015: Twickenham – WembleyOlympic Stadium – Elland Road – Sandy Park – Millennium – Villa Park – City of Manchester Stadium – St James’ Park – Kingsholm Stadium – Leicester City Stadium – Brighton Community Stadium

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Cinque anni fa il miracolo di Brighton, quando il Giappone sconfisse il Sudafrica

La partita più incredibile nella storia dei Mondiali di rugby

19 Settembre 2020 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2015
item-thumbnail

Sam Burgess: “Mike Ford ha sabotato Stuart Lancaster nel 2015”

L'ex nazionale inglese, tornato al rugby league, ha raccontato la sua esplosiva versione dei fatti sulla Rugby World Cup 2015

4 Giugno 2020 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2015
item-thumbnail

OnRugby Relive: Inghilterra v Galles, Rugby World Cup 2015

A Twickenham il delitto perfetto ad opera di Dan Biggar e soci, commento speciale di Tom Shanklin e David Flatman

29 Maggio 2020 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2015
item-thumbnail

OnRugby Relive: Georgia v Namibia, Rugby World Cup 2015

Rivivi l'intrigante sfida del Mondiale inglese

10 Maggio 2020 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2015
item-thumbnail

Rugby World Cup 2015: polverizzati i numeri delle precedenti edizioni

Pubblicato il report sull'impatto economico degli ultimi Mondiali. E le cifre sono da record

24 Maggio 2016 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2015
item-thumbnail

Joubert e la fuga dopo Scozia-Australia: l’ho fatto per tutelare il contesto, non me stesso

Il fischietto sudafricano torna sulla controversa uscita dal campo al termine del quarto di finale iridato

15 Aprile 2016 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2015