Speciale Serie A 2017/2018 – Rugby Perugia

Spazio al club più importante del territorio umbro, attivo dagli anni ’70

rugby perugia 2017

Ci spostiamo in Umbria per il nostro Speciale Serie A, dove il Rugby Perugia è sicuramente la realtà più importante del territorio.

 

Un po’ di storia

Della presenza del rugby a Perugia si hanno tracce fin dagli anni trenta, anni in cui i giovani universitari del G.U.F. competevano con una squadra che, stando alle cronache dell’epoca, si batteva sul campo dell’allora Piazza d’Armi riscuotendo consensi ed ammirazione su scala nazionale.
La società del Rugby Perugia, invece, è stata fondata nel 1969, anno in cui la squadra prese parte al campionato di serie C, girone F. La prima storica partita venne disputata il 26 ottobre a Segni di Roma contro gli altrettanto esordienti giovanotti della Lepini Segni e finì con un pareggio (6-6). Le cronache dell’epoca riportano, oltre al prezzo del biglietto di cento lire (per un incasso di 13.700 lire totali), i primi punti del Perugia, segnati su due calci piazzati dall’apertura Francesco Agostini.

La nuova società, tra alterne fortune, traghettò il rugby perugino fino alla prima promozione, datata 1972, dalla serie D alla C. Il 1975 segna invece l’inizio del connubio istituzionale tra la palla ovale e quel mondo universitario nel quale, per vocazione propria, il rugby ha sempre e dovunque fatto proseliti: il sodalizio perugino confluisce nella neonata sezione Rugby del Centro Universitario Sportivo (Cus) Perugia, la polisportiva accademica che rappresenta ancora oggi un invidiato esempio di osmosi sportiva tra la realtà del territorio e gli studenti (moltissimi i fuori sede) della città universitaria.

In quegli anni il movimento rugbystico è cresciuto e di molto fino a raggiungere la promozione in serie B (stagione 1987/88), per poi giocarsi – e perdere di misura – tre anni dopo i playoff per la A2. Successivamente, tra alterne vicende, la squadra è riuscita a togliersi importanti soddisfazioni e comunque a sopravvivere nel campionato cadetto, vivendo all’insegna di una continuità fatta di buoni piazzamenti, fino al sopraggiungere di una crisi, per così dire, generazionale, alla fine degli anni novanta, culminata con la retrocessione nella stagione 98/99.

La compagine, inserita nel durissimo girone del nord-est, non riuscì a reggere il confronto con le venete e, nonostante la guida tecnica dell’allenatore forse più prestigioso mai arrivato a Perugia (l’aquilano Loreto Cucchiarelli, ex ct della Nazionale), retrocedette dopo undici campionati consecutivi in serie B. L’anno successivo, per recuperare una dimensione puramente amatoriale oltre che per abbattere i costi della prima squadra a vantaggio dell’attività giovanile, la società optò per l’iscrizione alla serie C2 (1999/2000), potenziando la partecipazione dei più giovani e dei neofiti universitari, questi ultimi avvicinatisi al rugby in maniera davvero massiccia.

Il campionato venne vinto e nella stagione successiva (2000/01) il Cus Perugia tornò a disputare la serie C1 (dodici anni dopo la promozione dell’88). Un anno d’oro con la salvezza della squadra guidata da coach Speziali e l’inaugurazione ufficiale, tenutasi il 23 settembre 2001, del Rugby Perugia Club House.

Nella stagione successiva (2003/04) è stato l’allenatore argentino Adrian De Giusto a prendere in mano la squadra fino alla promozione in serie B. Il Perugia, guidato poi dall’aquilano Evelino Aio e da Gianluca Gamboni, ha tenuto alti i colori dell’Umbria per vari anni coinvolgendo sempre più giovani grazie anche all’istituzione di un campionato interuniversitario estivo. Un consenso che ha convinto la società ad allestire una seconda squadra seniores che, ancora oggi, milita nel campionato interregionale di serie C. La stagione 2008/09, quella del quarantennale, ha visto il rientro di De Giusto al timone della prima squadra per poi essere sostituito dal nocetano Achille Ruffolo l’anno successivo. Per festeggiare i 40 anni di attività, inoltre, la società biancorossa ha fondato un torneo di minirugby, denominato “Città di Perugia”, diventato in poco tempo uno dei più prestigiosi del centro Italia.

Dalla stagione 2010/11 il rugby perugino ha ingranato la quinta. La prima squadra, guidata da Andrea Tagliavento, spoletino di nascita ed inglese di formazione rugbistica, ha disputato due campionati di tutto rispetto fino ad arrivare alla storica promozione in serie A (2012/13), dove ha militato per tre stagioni. Nel 2016/17 ha disputato di nuovo la Serie B vincendo il campionato e di nuovo la promozione in serie A, dove gioca nel girone 4.

 

Bacino di riferimento

Umbria, Italia, Estero

 

Palmares Seniores e Juniores

Due promozioni dalla B alla A, Elite Under 18 e 16

 

Rosa Prima Squadra 2017/18

Francesco Alunni Cardinali, Tommaso Battistacci, Eugenio Bellezza, Andrea Bigarini, Michele Biondi, Giacomo Mauro Cagiotti, Filippo Carboni, Giovanni Cecchetti, Alessandro Corbucci, Lorenzo Crotti, Flavio Fadanelli, Giacomo Franzoni, Francesco Gatti, Davide Gioè, Badar Khayari, Paolo Macchioni, Federico Masilla, Lorenzo Pablo Mazzanti, Francesco Micheli, Francesco Milizia, Tommaso Milizia, Marco Novelli, Francesco Paoletti, Tiziano Perugini, Matteo Pettirossi, Thomas Scaloni, Federico Sonini, Tommaso Sportolari, Simone Tesorini, Antonio Maria Vizioli, Luca Zualdi

 

Puntate precedentiCus Ad Maiora RugbyPro ReccoASR MilanoCus GenovaNocetoValsuganaColornoVeronaVII Rugby TorinoASD Rugby LyonsCavalieri Union Prato SestoRugby Udine Union FVG, Rugby Parabiago SSD

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Serie C: i risultati e le classifiche aggiornate dopo l’ottavo turno

Spettacolo nel girone A, il Rugby Franciacorta vola nel C

item-thumbnail

Serie B: cambiano le capolista in due gironi su quattro

Rovato da solo al comando del Girone 1, perde il Florentia a Civitavecchia. Paese sempre a punteggio pieno

item-thumbnail

Serie A: la Capitolina espugna Pesaro, vincono Lyons e Noceto

Larghe vittorie per Valpolicella e Accademia. Nove squadre in otto punti nel Girone 3

item-thumbnail

Serie C: tutti i risultati della settima giornata e le classifiche

Tutto quello che è successo nel quarto campionato italiano, girone per girone

item-thumbnail

Serie B: cambiano le capolista di due gironi

Il Lumezzane aggancia Monferrato e Rovato, il Florentia primo da solo nel Girone 2. Casale e Villa Pamphili continuano a correre

item-thumbnail

Serie A: Lyons, Noceto e Capitolina restano in vetta

Gli emiliani resistono in casa del Paese. Prima vittoria in stagione per la cadetta del Petrarca