Speciale Serie A 2017/2018: seconda puntata, la Pro Recco Rugby

Continua in Liguria la seconda edizione del nostro viaggio alla scoperta della serie cadetta

prorecco2017

Continua lo Speciale dedicato ai club del torneo cadetto. Seconda puntata in Liguria.

 

Un po’ di storia

Inizia tutto alla fine degli anni ’60, una manciata d’anni prima che Genova attraversi il suo momento di maggior splendore rugbistico con il Cus di Marco Bollesan: il rugby a Recco nasce infatti nella calda estate del 1968. Tra i protagonisti della prima ora c’è anche quel Carlo Androne al quale, dopo la sua prematura scomparsa, viene dedicato il campo di Via Fieschi sul quale la Pro Recco Rugby gioca tuttora.
Nel 1993 la tragica morte di Ermanno Bertamino segna indelebilmente un gruppo forte e unito che sarà alla base delle successive fortune sportive della società. Il 1995 vede la squadra promossa in serie B e, alcuni anni dopo, arriva l’autentico trionfo: nel 2002/2003 la Pro Recco, battendo all’Androne gli storici rivali del CUS Genova, si guadagna la promozione in serie A. Sono gli anni di una crescita incredibile di tutto il movimento ovale rivierasco.
La stagione 2009/2010, sesta in serie A, ha visto il lavoro, l’entusiasmo e la passione di sempre portare ad un risultato storico: la promozione nel girone A della seria A, la cosiddetta A1. Purtroppo, proprio alla vigilia dell’apertura della stagione 2010/2011, la Pro Recco Rugby ha dovuto improvvisamente dare l’ultimo saluto all’amato Presidente Antonio Venturelli. La stagione 2011/2012, la prima sotto la presidenza di Stefano Di Liberto e con un nuovo assetto societario, ha visto la Pro Recco Rugby migliorare il suo piazzamento in A1 rispetto alla stagione precedente ed è stata preambolo alla storica annata 2012/2013, nella quale la Prima Squadra, dopo aver concluso al primo posto la stagione regolare del campionato di A1, si è anche guadagnata l’accesso alla finale nazionale di serie A, dove gli Squali sono stati sconfitti dalla Capitolina al termine di una bellissima partita che ha portato al Peroni Stadium di Calvisano (BS) ben 700 tifosi biancocelesti.

 

La stagione 2013/2014 ha visto gli Squali della Prima Squadra guadagnarsi nuovamente l’accesso ai play off e concludere la loro corsa in semifinale, ribadendo in ogni caso una posizione di primo piano nel panorama ovale nazionale, con dedica a Roberto Besio, venuto a mancare improvvisamente nel gennaio del 2014. Nel campionato 2014/2015, che ha visto una formula inedita per la serie A, i biancocelesti, dopo essere rimasti in vetta alla classifica per tutta la seconda fase del torneo, hanno di nuovo sfiorato l’obiettivo più alto, arrivando fino in finale, disputata nel bellissimo stadio Zaffanella di Viadana, e perdendo contro gli ormai storici rivali Lyons Piacenza al termine di una grande lotta. Ancora Viadana e un’altra finale persa, contro Reggio Emilia, al termine della stagione 2015/2016, raggiunta inaspettatamente con una squadra giovanissima cresciuta ed esplosa lungo tutto il torneo. La stagione 2016/2017, sotto la presidenza di Roberto Libé, iniziata con grandi aspettative, è finita con il mancato accesso alle semifinali per la prima volta dopo 4 stagioni ed ha rappresentato la chiusura di un ciclo memorabile.

 

Intanto il nostro settore giovanile cresce ad ogni stagione, sia numericamente che, soprattutto, qualitativamente, e si guadagna risultati e soddisfazioni. La stagione 2017/2018, la 50^ della Pro Recco Rugby sui campi di gioco, segna l’inizio delle iniziative e delle celebrazioni legate al 50° anniversario di fondazione della Società.

 

StampaBacino di riferimento
Provincia di Genova, sia di Levante che di Ponente, Genova città, La Spezia
Atleti italiani provenienti da fuori Liguria: Lazio, Abruzzo, Piemonte
Stranieri: Francia, Argentina, Albania

 

Palmares Seniores e Juniores
Serie A (dal 2003/2004)
Vittoria del campionato di A1 (2012/2013)
Finale di serie A (2012/2013, 2014/2015, 2015/2016), semifinale di serie A (2013/2014)

 

Allenatori e giocatori celebri
Manuel Ferrari, che continua a vivere a Recco, non ha mai smesso di venire alle partite e al campo e ora è tornato anche a farci da consulente per la mischia chiusa.

 

Momenti significativi
La promozione in serie A nel 2003 e le stagioni 2012/2013 (vittoria del campionato di A1 e finale serie A), 2013/2014 (semifinale serie A), 2014/2015 (finale serie A) e 2015/2016 (finale serie A).

 

Obiettivi Prima Squadra stagione 2017/18
Principalmente l’accesso alla poule promozione, da conseguire con una squadra giovane da far maturare, una struttura tecnica rinnovata e come primo gradino di un progetto pensato su 3 anni, dopo che il mancato accesso ai play off 2016/2017 ha chiuso definitivamente un ciclo memorabile ma incompiuto.

 

Rosa Prima Squadra 2017/18
Avanti: 
Andrea Actis, Francesco Avignone, Matteo Barisone, Filippo Bedocchi, Kevin Cacciagrano, Alessandro Canoppia, Federico Cartoni, Davide Ciotoli, Manuel Colazo, Franco Ferrari, Samuele Maggi,Besmir Metaliaj, Mirko Monfrino, Luca Nese, Davide Noto, Nicolò Rivolo, Giacomo Rosa
Trequarti: Bastien Agniel, Cristian Becerra, Francesco Cinquemani, Mattia Di Tota, Pietro Gaggero, Marco Monfrino, Alex Panetti, Manuel Panetti, Stefano Romano, Lucas Tagliavini, Juan David Tagliavini, Guglielmo Torchia

 

 

Puntate precedenti: Cus Ad Maiora Rugby

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Top12: i primi due acquisti dei Lyons

A Piacenza arrivano due piloni sinistri, Romulo Acosta e Enrico Cafaro

item-thumbnail

Serie A: i Lyons hanno vinto la finale contro il Colorno

Decisivo il primo tempo e il piede di Guillomot, oltre a due mete di Bruno e Subacchi

item-thumbnail

Serie A, la finale: Lyons Piacenza-Colorno Rugby vale il titolo

Entrambe le squadre sono già sicure della promozione in Top12. La preview della partita: dichiarazioni e formazioni

item-thumbnail

Filippo Frati: l’arrivo al Cus Milano e la voglia di far tornare protagonista la squadra meneghina

Il tecnico ha deciso di sposare il progetto del club, che ripartirà dalla Serie B

item-thumbnail

Verona e Valsugana: obiettivo tornare in Top12 il più presto possibile

Dopo la retrocessione entrambe le compagini venete puntano a tornare nel massimo campionato domestico italiano

item-thumbnail

Serie A: Colorno batte la Capitolina e centra la promozione in Top 12

Prima storica promozione nella massima serie per il club emiliano