Autumn Nations Cup 2020: il Galles

Wayne Pivac e i suoi “Dragoni” sono chiamati al riscatto nell’inedita competizione novembrina

Autumn Nations Cup Galles

I Dragoni sono chiamati alla riscossa: Autumn Nations Cup, il Galles vuole riscattarsi (Ph. Sebastiano Pessina)

Per il mondo di Ovalia quello in arrivo nelle prossime settimane non sarà un novembre come tutti gli altri. Il rugby internazionale dell’Emisfero Nord (con l’aggiunta delle Fiji) affronterà quest’anno una nuova competizione: l’Autumn Nations Cup, di cui farà parte anche il Galles.

Si, proprio quei Dragoni che stanno attraversando un momento tecnico difficile e che dopo il quarto posto alla Rugby World Cup 2019 sembrano essere entrati in un vortice negativo.

Autumn Nations Cup 2020, il Galles: il momento
Nel post Mondiale molte cose sono cambiate, a partire dalla guida tecnica: dalla decennale conduzione di Warren Gatland si è infatti passati al noviziato di Wayne Pivac. Il gruppo “rosso” per il momento però non sembra in grado di reagire alle sollecitazioni dello staff tecnico dell’ex allenatore degli Scarlets.

Alun Wyn Jones, che nel frattempo è diventato il recordman assoluto per caps internazionali (149 totali, fra Galles e Lions), e soci sembrano involuti sotto tutti i punti di vista: l’attacco fatica e la difesa subisce troppo (16 mete nelle ultime 5 partite, più di 3 di media). Senza tornare necessariamente agli “anni ruggenti del Warren Ball”, o anche alle brillanti recenti campagne sotto la guida di Gatland, si intuisce la difficoltà della squadra nel calarsi nelle richieste e nelle esigenze del nuovo sistema difensivo, ed al tempo stesso la scarsa confidenza nel lavoro sui punti d’incontro, così cruciali – come abbiamo visto anche in ottica azzurra – nel rugby moderno, a maggior ragione con le disposizioni arbitrali in essere post pausa.

Leggi anche, I convocati del Galles per l’autunno 2020: sette volti nuovi e tanta solidità

Inutile negarlo: a Cardiff e dintorni, dopo il quinto posto al Sei Nazioni 2020 (con una sola partita vinta e quattro perse, ndr) non si respira una bella aria. L’Autumn Nations Cup sarà uno strumento di valutazione che la Federazione utilizzerà per capire a che punto è il percorso da Pivac.

Autumn Nations Cup 2020, il Galles: l’allenatore
Pressione e confusione sono le due parole che in questo momento aleggiano intorno alla figura dell’head coach. In questi giorni si è ipotizzato anche un rischio di esonero, con una clausola contrattuale in uscita – a favore della federazione – al termine del 2021, ma è chiaro che ci sono dei punti da focalizzare.

Pivac sa benissimo che il rendimento dei suoi non è all’altezza o minimamente paragonabile, per ora, a quello che fu della gestione Gatland ma sa anche che in questo momento è in corso un ricambio generazionale e di pelle, con il tentativo di ristrutturare di un impianto di gioco che guardi lontano, che guardi al 2023, anche con l’innesto di nuovi talentuosissimi singoli, come il giovanissimo trequarti di Gloucester Rees-Zammit, già dominante in Premier e pronto a prendersi un posto al sole anche sul proscenio internazionale.

Le dimissioni di Byron Hayward, ex tecnico della difesa, e la mancata conferma di Shaun Edwards poi, che adesso sta facendo faville nello staff di Galthiè in seno alla squadra nazionale francese, hanno purtroppo contribuito ad aumentare la tensione intorno alla figura del capoallenatore.

Ma si sa: in queste occasioni la parola “crisi” può anche essere letta come “opportunità”.

Autumn Nations Cup 2020, il Galles: il calendario
Ai gallesi è toccato in sorte il Girone A, quello dove oltre ai “Red Dragons”, ci sono i superfavoriti dell’Inghilterra, l’Irlanda e la Georgia. Sulla carta i 39 volte vincitori del Sei Nazioni partono in terza fila, cosa che, se dovesse essere confermata al termine del trittico di gare contro irlandesi, inglesi e georgiani, di certo non farebbe impazzire di gioia i vertici della WRU. Di seguito il calendario.
1a giornata
Irlanda v Galles – venerdì 13 novembre, ore 20.00 – Aviva Stadium, Dublino
2a giornata
Galles v Georgia – sabato 21 novembre, ore 18.15 – Parc y Scarlets, Llanelli
3a giornata
Galles v Inghilterra – sabato 28 novembre, ore 17.00 – Parc y Scarlets, Llanelli
Finali
Galles v pari classificata girone B – sabato 5 dicembre, ore 17.45 – Parc y Scarlets, Llanelli

Autumn Nations Cup 2020, il Galles: il ranking
Dopo la conclusione del Sei Nazioni 2020, il Galles è sceso nella classifica mondiale sino all’ottavo posto. Una “discesa agli inferi”, che ha visto la squadra scivolare dalla terza all’ottava casella in poco meno di un anno.

Autumn Nations Cup 2020, il Galles: gli ultimi risultati
Considerando le partite giocate nel 2020, il Galles viaggia con un ruolo di marcia molto negativo: una sola vittoria a fronte di cinque sconfitte consecutive. Andiamo a vedere i risultati maturati quest’anno.

Galles-Italia 42-0
Irlanda-Galles 24-14
Galles-Francia 23-27
Inghilterra-Galles 33-30
Francia-Galles 38-21 (Warmup Test Match)
Galles-Scozia 10-14

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Clicca qui, invece, se vuoi saperne di più sulle regole del gioco del Rugby.

Di Michele Cassano

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Springboks senza Faf de Klerk e PSDT per il terzo test

Lood de Jager entra in formazione con Franco Mostert che si sposta in terza linea, Cobus Reinach numero 9

item-thumbnail

Lions, sei cambi nella formazione per vincere il test decisivo

Sinckler in panchina nonostante la possibile squalifica, Finn Russell ricompare con la maglia numero 22

item-thumbnail

Springboks: il comportamento di Erasmus al vaglio di una commissione disciplinare

Dopo i pesanti commessi sulla direzione di gara del primo test, il director of rugby della federazione sudafricana chiamato a udienza

item-thumbnail

Sudafrica-Lions, la serie dei morsi? Un britannico citato rischia un lungo stop

Non si fermano polemiche e situazioni al limite del regolamento nella durissima serie tra Campioni del Mondo e Leoni

item-thumbnail

Un Nineaber orgoglioso dei suoi ragazzi ha fatto capire come l’invettiva di Erasmus abbia aiutato gli Springboks

L'head coach del Sudafrica ha parlato a margine di gara 2, vinta dai suoi ragazzi sui Lions

item-thumbnail

Sudafrica: un grande ritorno, ed una possibile assenza pesante per gara3

Come si comporrà la terza linea nell'atto decisivo della serie?