Francia, le lacrime di gioia di Galthié: “Siamo tornati ad essere un gigante”

Nella conferenza stampa di fine Sei Nazioni il commissario tecnico transalpino si è commosso di fronte ai media

Sei Nazioni 2022: fatta la Francia che punta al tris in Scozia. PH Sebastiano Pessina

Fabien Galthié, capo allenatore della Francia – ph. Sebastiano Pessina

Anche l’imperturbabile Fabien Galthié, capo allenatore della Francia campione del Sei Nazioni 2022, si lascia andare alle emozioni. Lui che sembra sempre aver dentro la tempesta nonostante la gelida facciata, lui che nella sua carriera di allenatore ha più volte perso le staffe in maniera esagerata, non è solito dimostrare commozione e gioia.

Invece è accaduto alla conferenza stampa di chiusura del Sei Nazioni 2022. In apertura dell’evento con i media, la federazione ha proiettato un video celebrativo dell’epopea dei Bleus, al termine del quale il tecnico non è riuscito a trattenere qualche lacrima.

“Qualche volta, ho ricevuto delle telefonate da allenatori o presidenti che hanno sofferto il fatto che selezionassi certi loro giocatori. Capisco quel tipo di sofferenza: un giorno riusciremo a trovarci d’accordo su un calendario che riesca ad essere conveniente per tutti – ha dichiarato Galthié, che ha fra i principali meriti quello di essere riuscito ad ottenere accordi proficui fra club e federazione, come nessuno dei suoi predecessori aveva fatto – Dicono che abbiamo del potenziale, qui in Francia, avete visto che succede se lo sviluppiamo: eravamo un gigante che dormiva. Siamo tornati ad esserlo, quel gigante, tutto qui.”

Leggi anche: Il XV del Sei Nazioni 2022 secondo OnRugby

Se si guarda solo alla dimensione della rosa, la Francia è stata in grado di allenarsi durante tutto il Sei Nazioni con 42 giocatori in ritiro, il numero più alto tra tutte le squadre. E al di là di Galthié e di Shaun Edwards, i due tecnici maggiormente sotto i riflettori, anche tutto lo staff ha avuto la sua parte nel risultato finale: la conquista del Grande Slam.

“Il nostro staff conta 29 persone. Proviamo a non lasciare niente al caso. Se l’area di meta di Cardiff è di 8 metri, quella del nostro campo d’allenamento sarà uguale. Se la larghezza del campo di Murrayfield è 64 metri, cercheremo di averla uguale nel nostro spazio di allenamento settimanale. Lo facciamo assomigliare il più possibile al nostro futuro campo di battaglia.”

“Durante tutta la competizione abbiamo cercato di portare in ritiro alcuni esempi a cui ispirarci. Patrick Sebastien (attore e cantante francese, oltre che ex presidente del Brive) ci ha dato molto, senza filtri. Ci ha fatto cantare. È importante cantare insieme. C’è stato Jean-Louis Albert (cantautore rock), che è stato anche un mediano di mischia, e tanti altri. È l’energia che ti fa vincere le partite.”

Leggi anche: Francia, pronto un contratto fino al 2027 per Fabien Galthié

“Vogliamo condividere, dare speranza. Tutti i ragazzi possono sognare di portare un giorno la maglia della Francia. Tutti coloro che sono in Nationale, in Fédérale, nei centri di formazioni o in ProD2 possono sperare di esserci e farcela. Come l’hanno fatto Momo Haouas e Gabin Villiere, ad esempio. Questa maglia la prende chi la vuole di più.”

Intanto, Fabien Galthié è stato contattato dai Barbarians per allenare il prestigioso club a inviti il prossimo 19 giugno contro l’Inghilterra a Twickenham: “Sono stato contattato dai Barbarians dopo la partita che la Francia ha giocato con gli All Blacks per affrontare l’Inghilterra il prossimo 19 giugno.”

“Con lo staff, siamo dell’idea di allenarsi ad allenare, prima di cominciare una nuova competizione. Sarà un grande onore allenare i Baabaas. Mi hanno chiesto di selezionare George Kruis, Danny Care, Finn Russell, Ngani Laumapre, Cheslin Kolbe, Semi Radradra. Gli altri saranno giocatori francesi non impegnati nelle qualificazioni per le semifinali del Top 14.”

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Clicca qui per restare aggiornato sul regolamento del rugby.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Sei Nazioni: la Francia potrebbe “abbandonare” lo Stade de France

Una trattativa, in comune col calcio, e all'orizzonte una potenziale sede alternativa

item-thumbnail

Sei Nazioni 2023: in vendita i biglietti per le partite in casa dell’Italia

Tre i match in agenda: contro Francia, Irlanda e Galles

26 Aprile 2022 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

6 Nazioni femminile: gli highlights della quarta giornata

Successo straripante dell'Inghilterra, la Francia insegue e vince in Galles senza brillare particolarmente

25 Aprile 2022 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni Femminile: i risultati del quarto turno e la classifica aggiornata

Prosegue il testa a testa tra Francia e Inghilterra

24 Aprile 2022 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

6 Nazioni femminile: un cambio dell’ultima ora nell’Italia che sfida la Scozia

Terza linea azzurra rivista a causa dell'assenza di Elisa Giordano. Entra nelle 23 Alessandra Frangipani, pronta a sfidare le scozzesi

23 Aprile 2022 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni femminile: la preview della quarta giornata

Il Galles prova a sorprendere la Francia, Azzurre attese da una prova di riscatto contro la Scozia

22 Aprile 2022 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni