Le difficoltà dell’Italia? Provano a spiegarle Jacques Brunel e Mauro Bergamasco

L’ex allenatore azzurro e il grande terza linea parlano all’Equipe del periodo difficile che sta vivendo la Nazionale italiana

Le difficoltà dell’Italia? Provano a spiegarle Jacques Brunel e Mauro Bergamasco – ph. S. Pessina

“Perchè l’Italia non ci riesce a rugby?” è il titolo di un articolo pubblicato sull’Equipe nel quale si prova a spiegare con numeri e parole la situazione della Nazionale italiana. Rapidi i collegamenti con i risultati deludenti nel Sei Nazioni, la cui ultima vittoria casalinga è del 2013 (proprio contro la Francia) e assoluta del 2015, prima poi della grande carestia di risultati e soddisfazioni che dura ormai da sei anni. Il quotidiano francese sottolinea anche le differenze tra i momenti in cui gioca la Nazionale e le partite di club, con numeri di spettatori che passano dai 50/60mila a poche migliaia.

Leggi anche: Under20, i convocati per la sfida con l’Irlanda a dicembre

Tutti dati che gli appassionati italiani comunque conoscono, ma L’Equipe per provare ad approfondire la questione ha parlato con due persone che ben conoscono il rugby italiano: Jacques Brunel e Mauro Bergamasco. Per il primo, allenatore azzurro tra il 2011 e il 2016, “L‘attuale generazione non ha saputo essere all’altezza delle precedenti che potevano contare su giocatori eccezionali: dai fratelli Mauro e Mirco Bergamasco a Martin Castrogiovanni, da Marco Bortolami ad Andrea Lo Cicero” (non viene citato Parisse, che è tutto tranne che un giocatore del passato).

Mauro Bergamasco aggiunge: “La nostra fortuna è quella di essere cresciuti a stretto contatto con i migliori all’estero. La Federazione Italiana solo di recente ha permesso ai suoi migliori giovani di andare oltre i suoi confini, è stato perso molto tempo”

Leggi anche: Il calendario completo del Sei Nazioni 2022

Impegnato con il Valorugby come consulente, Brunel aggiunge: “La Federazione aiuta finanziariamente le sue franchigie, e il sistema che porta i migliori a giocare nello United Rugby Championship è buono. Il problema è come riuscire a rendere più efficaci Benetton e Zebre facendo giocare e dando spazio ai giocatori della Nazionale”. Per lui comunque ci sono motivi per sperare: “Il rugby italiano è ancora capace di creare ottimi giocatori. Paolo Garbisi a 21 anni ha le chiavi di una grande squadra come Montpellier, ma reputo anche Minozzi un giocatore di livello”.

Leggi anche: Il 6 Nations Maschile, Femminile e Under 20 sarà trasmesso da Sky Sport

Mauro Bergamasco sottolinea anche: “La presenza di Federico Mori a Bordeaux e di Riccioni ai Saracens non possono che farli crescere. Penso comunque che il problema principale sia a livello mentale: il nuovo head coach Kieran Crowley dovrà rilanciare l’abitudine a vincere”.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Clicca qui, invece, se vuoi saperne di più sulle regole del gioco del Rugby.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Italia imperfetta ma pronta: verso la Georgia con rinnovata fiducia

C'è ancora qualcosa da mettere a posto, ma la prestazione di Bucarest ha riportato fiducia ed entusiasmo

3 Luglio 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Rugby Europe Men’s 7s Championship: Italia settima a Cracovia

Sconfitta pesante contro la Georgia che costringe gli Azzurri a giocare per la parte bassa della classifica

3 Luglio 2022 Rugby Azzurro / Rugby Seven
item-thumbnail

Italseven terza nel girone a Cracovia, con la Georgia per il quinto posto

Sconfitta con la Spagna e vittoria con la Lituania nella seconda giornata in Polonia

3 Luglio 2022 Rugby Azzurro / Rugby Seven
item-thumbnail

L’Italia A ha perso 31-27 contro la selezione della Currie Cup – highlights

La squadra di Troncon, in vantaggio per buona parte della gara, viene superata nella ripresa

item-thumbnail

Il Rugby Seven ai Giochi Europei 2023: e c’è un posto per l’Olimpiade

Il torneo assegnerà un posto per Parigi 2024

2 Luglio 2022 Rugby Azzurro / Rugby Seven
item-thumbnail

World Rugby Ranking: doppio sorpasso Italia! Superate Samoa e Georgia

Contro la Romania serviva vincere con almeno 16 punti di vantaggio: così è stato

2 Luglio 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale