Zebre Rugby, Fabio Roselli: “Portiamo ancora più pressione a Treviso”

Video-intervista all’allenatore dei trequarti dei ducali, che parla degli aspetti nei quali le Zebre devono crescere per battere nuovamente Treviso

Fabio Roselli è l'allenatore dei trequarti delle Zebre

Fabio Roselli è l’allenatore dei trequarti delle Zebre

Ormai messa da parte la vittoria di venerdì scorso, le Zebre si stanno già preparando per la sfida di ritorno contro il Benetton, in calendario domenica alle ore 20.00 e visibile su DAZN (unico modo per seguirla dato che lo Stadio Lanfranchi rimarrà chiuso al pubblico). In vista del 15esimo e ultimo turno del Pro14 2019/20 in casa ducale è intervenuto Fabio Roselli, neo allenatore dei trequarti.

Leggi anche: Carlo Canna soddisfatto del successo a Monigo non si vuole fermare

L’ex capo-allenatore della Nazionale Under 20 è partito ricordando l’importanza del fatto di essere tornati in campo, dopo lunghissimi mesi di difficoltà, ritenendo questa già una vittoria importante per tutto il mondo del rugby. Il fatto poi di aver espugnato Monigo è stato un ulteriore premio per le Zebre, che hanno comunque preso coscienza del fatto che bisogna continuare a lavorare duro per ottenere altri successi.

Leggi anche: La soddisfazione di Michael Bradley dopo il successo delle Zebre su Treviso

Un aspetto importante del match è stato l’adattamento delle squadre alle nuove direttive arbitrali sui punti d’incontro, e riguardo a questo Roselli ha sottolineato come secondo lui i ducali si siano adattati meglio rispetto ai rivali a queste direttive, e i pochi calci contro fischiati parlano chiaro. Su cosa stiano lavorando ora le Zebre Roselli è molto chiaro: prima di tutto la capacità di avere un equilibrio sul fronte difensivo che sia più lungo nel tempo. Facendo così i ragazzi di Bradley avrebbero la possibilità di mettere maggior pressione sul gioco avversario, inquinandolo il più possibile. Ci sono anche altri focus, come il collegamento tra avanti e trequarti sia con che senza il pallone in mano, un passaggio importante per alzare il focus zebrato. Qui di seguito la video-intervista con Fabio Roselli, realizzata dall’ufficio stampa delle Zebre:

Qual è il principale punto di forza dei Leoni? Quali saranno le maggior difficoltà che potrete incontrare nel match?

“Il loro primo punto di forza sarà sicuramente il loro desiderio enorme di riscattarsi. Il Benetton Rugby sa che non è riuscito a mettere in pratica il suo gioco e la sua filosofia al Monigo, per cui verrà a Parma agguerrito. D’altro canto, i Leoni hanno nella loro fisicità e nell’interpretazione del gioco al piede un aspetto chiave del loro gioco; stiamo aggiustando le nostre strategie in questo senso, ma siamo ancora focalizzati su quelle che sono le nostre capacità di imporre e di mettere in campo la nostra filosofia”.

Che Zebre dobbiamo aspettarci domenica sul nuovo manto erboso del Lanfranchi?

“Il manto erboso del Lanfranchi è fantastico in questo momento, sembra fatto apposta per il gioco veloce delle Zebre. Siamo tutti entusiasti ed incuriositi in vista di domenica, rimane solo il fattore legato alle condizioni meteorologiche che speriamo possano essere anche loro favorevoli. Se così fosse, credo sarebbe un’ottima opportunità per esprimere al meglio la nostra filosofia”.

Riguarda gli highlights della sfida tra Treviso e Zebre del 14esimo turno del Pro14

Ritrovi alle Zebre tantissimi atleti cresciuti in Accademia e in Nazionale U20 sotto la tua gestione tecnica. Quanto facilita il lavoro tuo e di tutto lo staff la possibilità di averli già allenati e di conoscerli sotto ogni profilo?

“Sicuramente può aiutare e questa è già un’altra vittoria, se pensiamo al fatto che alla partita di venerdì scorso in campo tra Zebre e Benetton Rugby c’erano circa quindici ragazzi che provenivano dal percorso di crescita di cui io e Moretti abbiamo fatto parte. Ritrovarli alle Zebre sicuramente facilita le relazioni, perché i ragazzi già conoscono alcune metodologie sviluppate in precedenza con loro, quindi rende tutto più veloce ed efficace. Logicamente è tutto il gruppo che deve essere unificato poi”.

Nella campagna di rafforzamento estiva di quest’anno il reparto dei trequarti rispetto a quello degli avanti è quello che ha conosciuto più innesti, con l’arrivo del n° 9 Casilio, dell’ala D’Onofrio e delle due aperture Pescetto e Rizzi. Che valore possono dare a tutto il gruppo questi giovani e talentuosi trequarti?

“Possono dare un valore estremamente importante. Ognuno di loro ha logicamente delle caratteristiche diverse ma tutti hanno delle potenzialità adeguate al rugby internazionale. A eccezione di Rizzi che ha avuto leggermente più esperienza con il Benetton Rugby, per gli altri è il primo anno come banco di prova per mettersi in gioco. Noi allenatori stiamo cercando di metterli nelle migliori condizioni possibili per potersi esprimere e per poter far brillare le loro qualità in un campionato importante come il Guinness PRO14. Siamo sicuri che le soddisfazioni da parte nostra e loro non mancheranno”.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Pro14: Zebre-Connacht finisce 12-47. Irlandesi dilaganti a Parma

Gli ospiti fanno bottino pieno, trascinati al successo dalle mete di Alex Wootton

22 Novembre 2020 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Pro14: 5 motivi per seguire Zebre-Connacht

Kick-off al Lanfranchi previsto per le 15.30

22 Novembre 2020 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Pro14: la formazione delle Zebre contro Connacht

Cinque novità per i ducali verso Connacht: torna dal primo minuto David Sisi, ridisegnati i trequarti da Michael Bradley

21 Novembre 2020 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

La clamorosa meta segnata da Pierre Bruno delle Zebre

Rivediamo la stupenda segnatura del trequarti dei ducali: doppia veronica e palla schiacciata in maniera folle

18 Novembre 2020 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Zebre-Ulster, Bradley: “Una dura lezione di cui faremo tesoro”

L'head coach analizza la gara che ha portato gli emiliani a cedere ai rivali irlandesi

17 Novembre 2020 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Pro14, le Zebre si sciolgono di fronte ad Ulster: è 14-57

I padroni di casa escono dal campo dopo venti minuti e subiscono nove mete dagli avversari

16 Novembre 2020 Pro 14 / Zebre Rugby