World Rugby starebbe pensando di ridurre il numero delle sostituzioni

Una decisione che verrà presa sulla base di uno studio che sta valutando l’impatto delle riserve su ritmo ed infortuni

World Rugby - brodie retallick all blacks rugby world cup 2019

World Rugby ph. Sebastiano Pessina

World Rugby, governo ovale mondiale, starebbe considerando una riduzione del numero di sostituzioni possibili (attualmente 8) nel corso di un match.

Stando a quanto riportato dal ‘Telegraph, tale importantissima decisione verrà eventualmente presa sulla base di uno studio attualmente in corso – sui dati emersi da alcuni dei principali campionati nazionali in giro per il mondo, tra gli altri Super Rugby, Premiership e Pro14 -, concentrato sull’impatto che hanno le sostituzioni sul ritmo del gioco e sui tassi di infortunio all’interno degli incontri.

Leggi anche: Regole ovali, World Rugby aggiorna le linee guida sulla ruck

Un passaggio, quello dagli otto cambi attuali a sei (o anche meno), richiesto a gran voce, nelle scorse settimane, anche da grandi personaggi del Rugby Mondiale, a partire da Eddie Jones, capo allenatore dell’Inghilterra. L’ex CT del Giappone ha sottolineato come serva limitare i cambi, per reintrodurre un minimo di stanchezza nei giocatori nella seconda parte dei match, evitando di proporre un prodotto sempre più simile all’NFL, e soprattutto limitare gli infortuni, il cui tasso rischio, nell’immaginario collettivo, aumenta con la possibilità di schierare un alto numero giocatori sempre più grossi, che possano spendersi sul campo per 25’/30′, massimo 40′, al cento percento del potenziale, lasciando spazio o subentrando ad altri giocatori con medesime caratteristiche.

World Rugby sta provando a capire se queste ‘sensazioni’, siano corroborate da dati reali, prima di intervenire

La dottoressa Eanna Falvey, responsabile medico del World Rugby, ha spiegato in maniera approfondita lo studio a cui sta lavorando con il suo team, sulle colonne dello stesso Telegraph: “Abbiamo bisogno di informazioni e dati di buona qualità per prendere questo genere di decisioni. Ecco perché ne stiamo mettendo insieme in grande quantità, per esaminare l’impatto dei sostituti sul ritmo del gioco e sui tassi di infortunio. La prima cosa che dobbiamo capire con certezza è se la riduzione delle sostituzioni fa una grande differenza nei suddetti indici, e nel caso, se così fosse, iniziare a cercare le soluzioni pratiche a quel problema”.

E’ attivo il canale Telegram di OnRugby. Iscriviti per essere sempre aggiornato sulle nostre news.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Rugby World Cup 2023: i primi dati ufficiali sulla vendita dei biglietti

Il Comitato Organizzatore si ritiene soddisfatto di quanto fatto fin qui

7 Aprile 2021 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2023
item-thumbnail

Nuovo sponsor di maglia (francese) per gli All Blacks?

L'accordo per la maglia tutta nera scadrà alla fine del 2021, quindi si libererà lo spazio più prestigioso per tutti i pubblicitari di ovalia...

6 Aprile 2021 Rugby Mondiale
item-thumbnail

World Rugby Ranking: come si riparte con la classifica mondiale femminile?

Le azzurre si mantengono al terzo posto tra le europee

item-thumbnail

Le decisioni degli arbitri sui contatti con la testa, spiegate

Da Wayne Barnes, che stavolta fa da ambasciatore e divulgatore per World Rugby

30 Marzo 2021 Rugby Mondiale
item-thumbnail

World Rugby Ranking: la classifica aggiornata dopo il termine del Sei Nazioni 2021

Il recupero dell'ultima partita del Sei Nazioni porta non poco movimento all'interno della Top Ten

29 Marzo 2021 Rugby Mondiale
item-thumbnail

Rugby Europe Championship 2021: gli highlights e i risultati della quarta giornata

La Georgia in 14 uomini per oltre un'ora batte la Romania, mentre il Portogallo trova una grande rimonta contro la Spagna

29 Marzo 2021 Rugby Mondiale