Inghilterra: Itoje tentato dal Top14, ma i club inglesi si oppongono appellandosi alla nazionale

Rebus intricato intorno all’avanti che è a un bivio della sua carriera

ph. Sebastiano Pessina

I Saracens, Maro Itoje, i club di Premiership, il Top14 rappresentato in questa vicenda dal Racing 92 e la nazionale inglese. Ecco le cinque parti di un “rebus complicato” il cui scenario si sta delineando in queste ore Oltremanica. Ma andiamo con ordine.

Secondo quanto riporta il The Guardian, dopo lo scioglimento effettivo degli accordi attuali fra i giocatori e i Saracens –  a seguito delle ben note vicende finanziarie che hanno investito il club – a Maro Itoje sarebbe stata recapitata un’offerta piuttosto considerevole (ancora non è data sapersi la cifra, ndr) dal Racing 92 per andare a giocare almeno un anno in Francia nel Top14: cosa che il seconda linea sarebbe molto tentato di accettare.

E’ qui però che sorgono i problemi. I club della Premiership infatti venuti a conoscenza di questa cosa vorrebbero bloccare il trasferimento trovando una squadra che sia in grado di trattenere in patria il campione, non solo per tutelare gli interessi di qualità del campionato domestico, ma anche per non avere un danno di immagine nei confronti del Top14 che si arricchirebbe ulteriormente con un pezzo pregiato del rugby internazionale.

Ecco, poi, proprio “internazionale” è un’altra parola di riferimento in questa storia: se Itoje dovesse lasciare la madre patria potrebbe far ancora parte della selezione inglese? L’entourage del giocatore, dopo aver parlato con la RFU e Eddie Jones, sembra aver ottenuto il nulla osta ma i club aggrappandosi alla regola 4.34 dell’accordo professionale fra giocatori e team stessi oppongono resistenza dicendo che il trasferimento volontario in un altro Paese non andrebbe a soddisfare le “Circostanze Speciali” contenute in quei paragrafi.

Ma quali sono queste “Circostanze Speciali? Nel recente passato Brad Shields e James Haskell le “hanno sfruttate” rientrando a far parte del gruppo inglese pur giocando in Nuova Zelanda o Giappone. In pratica si tratta di chiamate legate all’indisponibilità altrui per infortunio e in questo caso, ovviamente, verrebbe meno questo criterio vista fra l’altro l’abbondanza di avanti in quel ruolo per l’Inghilterra.

Come si risolverà la cosa? Eddie Jones ha già le sue belle grane a cui pensare, certo che se questo dovesse poi creare un precedente il sistema dei club inglese potrebbe sgretolarsi o iniziare delle lunghe lotte interne che ne minerebbero le certezze, anche perchè la paura di un “Esodo di massa” in Francia da parte di molti giocatori è reale Oltremanica

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

I Saracens battono un colpo, e che colpo (!) anche in entrata

Nonostante la retrocessione in Championship, i londinesi piazzano un colpo di rilievo in mediana

27 Maggio 2020 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Premiership: un esodo dall’Inghilterra al Giappone

Con l'addio di Johan Ackermann a Gloucester si allunga la lista di chi lascia l'Europa per il Sol Levante

15 Maggio 2020 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Saracens: Sean Maitland fa marcia indietro, firmato il rinnovo

Lo scozzese era dato da mesi in partenza verso Glasgow, ma rimarrà a Londra altre due stagioni

8 Maggio 2020 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

La rivoluzione dei Leicester Tigers

Tra partenze e arrivi non si fermano le porte girevoli a Welford Road

5 Maggio 2020 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Premiership: Matt Scott ai Tigers, Jonah Holmes in Galles

Il centro della Scozia torna in Inghilterra, ennesima tappa di una carriera movimentata. L'ala verso i Dragons

30 Aprile 2020 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Premier League: Twickenham potrebbe diventare uno stadio di calcio nei prossimi mesi

Il glorioso impianto londinese, e non solo, pronto a un "cambio di destinazione"?

29 Aprile 2020 Emisfero Nord / Premiership