Premiership: cosa è successo nella sesta giornata?

Un 18enne che continua a trascinare Gloucester, la sfida tra Campagnaro e Minozzi e le prove di forza di Exeter e Saracens

Louis Rees-Zammit (ph. Reuters)

Sotto Natale, la Premiership ha regalato poche sorprese ma diverse partite caratterizzate da rimonte più o meno complicate. L’unica certezza è che Exeter è rimasto al comando, mentre dietro i Chiefs hanno perso sia Northampton sia Bristol, con la classifica che di conseguenza si è parecchio accorciata. Vediamo cosa è successo nella sesta giornata del campionato inglese.

Incubo – Leicester Tigers e Wasps hanno 16 titoli in due, ma per il momento i loro punti – messi insieme – dopo sei giornate arrivano appena a 10. 6 per i Wasps, 4 per i Tigers. I London Irish, al nono posto, hanno ben sei punti di vantaggio sulle vespe. Entrambe le squadre, insomma, sono tanto blasonate quanto decadute: il rischio di lottare fino alla fine per la retrocessione è molto concreto, anche perché i Saracens pian piano risaliranno e li sorpasseranno. Inevitabilmente.

47 – Quando i Saracens scendono in campo in modalità ON, con i Vunipola, George, Itoje, Kruis, Spencer, Farrell e Daly contemporaneamente nel XV titolare, nemmeno una squadra molto forte e apprezzata come Bristol può pensare realmente di vincere. I Bears sono stati letteralmente piallati dai sarries con 47 punti, in una dimostrazione di forza davvero notevole. Non male per l’ultima in classifica, no?

“Un giovane Beauden Barrett” – È la definizione che Mark McCall ha dato di Max Malins, il 22enne estremo dei Saracens che sta crescendo e diventando sempre più centrale nel gioco dei londinesi. Contro i Bears, Malins ha segnato due mete, battuto 8 difensori, creato 3 break, completato 3 offload e 9 placcaggi con il 100% di realizzazione. Letale, completo e in ascesa.

17 – I punti segnati nella ripresa dagli Exeter Chiefs nel secondo tempo a Welford Road, in cui ha messo alle strette il Leicester. Dopo un primo tempo difficile, nella ripresa la capolista non ha più concesso punti ai padroni di casa ed è andata a segno con Armand e Hill, dominando soprattutto dal punto di vista dell’occupazione territoriale (60% del tempo passato nella metà campo del Leicester).

Bath – Nella partita forse più sorprendente della giornata, il Bath ha rifilato ben 38 punti ai London Irish in trasferta, nonostante ci fossero aspettative diverse sul match giocato a Reading. I biancoblu invece hanno segnato ben cinque mete nei primi 28′, arrotondando il risultato nel secondo tempo il 10-38 finale. In pochi avrebbero immaginato un simile ribaltone, considerando le prestazioni non eccezionali fino a questo momento della squadra di Stuart Hooper.

Rees-Zammit – L’ala classe 2001, di cui abbiamo parlato già qui, sta continuando a impressionare con la maglia biancorossa del Gloucester. Nello spettacolare secondo tempo dei cherry&white, il teenager gallese ha propiziato la meta di Harris con una giocata davvero raffinata, portandosi avanti il pallone con un delicato grubber e poi servendo un grande offload il suo compagno di squadra. Poi si è messo in proprio segnando una doppietta, confermando di essere un talento molto interessante.

Rimonta – Anche gli Harlequins sono dovuti partire da lontano per battere i Wasps, ma lo hanno fatto in grande stile. Dopo un inizio sprint delle vespe, con 17 punti in altrettanti minuti, i Quins hanno cominciato a fare sul serio ed entro il 51′ avevano già messo la freccia passando in vantaggio, allungando poi a sufficienza per tenere lontani i gialloneri.

Italians – Michele Campagnaro è stato uno dei protagonisti nella vittoria degli Harlequins e ha messo la firma nella prima meta di Chisholm, rompendo un placcaggio in corsa e servendo un gran bell’offload rovesciato al flanker. Per lui ottanta minuti. Ne ha giocati circa 70 Matteo Minozzi con i Wasps: l’azzurro è dovuto uscire temporaneamente nel primo tempo, e la sua partita è stata contrassegnata da 12 corse palla in mano, 89 metri guadagnati e 3 difensori battuti. Né Jake Polledri né Callum Braley erano nei 23 del Gloucester nella vittoria contro il Worcester.

Daniele Pansardi

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Saracens: anche Elliot Daly rimarrà nonostante la retrocessione

E' il secondo internazionale inglese ad annunciare di rimanere in rossonero il prossimo anno, mentre infuriano voci di mercato

27 Febbraio 2020 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Premiership: tutto quello che è successo nell’undicesimo turno

Exeter allunga in vetta demolendo Northampton. Sensazionale partita di Ollie Hassel-Collins, decisivo per i suoi London Irish

25 Febbraio 2020 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Ben Franks si ritirerà al termine della stagione

Il 35enne pilone dirà stop al rugby professionistico. Chiuderà con i Saints dopo aver alzato due Coppe del Mondo e due trofei del Super Rugby

25 Febbraio 2020 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Premiership: tutto quello che è successo nel decimo turno

Bella prova di Braley e Polledri contro la capolista, col terza linea che è anche andato a segno. Minozzi a riposo negli Wasps sconfitti a Leicester

17 Febbraio 2020 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Premiership: Polledri entra e segna, ma non basta a Gloucester

Contro Exeter, l'azzurro gioca 20' e marca una meta. Campo anche per Braley

15 Febbraio 2020 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Saracens: Allianz saluta, ma George sceglie di restare

Lo sponsor abbandona i londinesi dopo otto anni, mentre il tallonatore inglese sceglie di giocare in Premiership il prossimo anno. Decisione con vista...

14 Febbraio 2020 Emisfero Nord / Premiership