L’ovale sbarca ad Hollywood?

Prosegue spedita la crescite della MLR

ph. Paul Harding /Action Images

La stagione d’esordio della Major League Rugby si è recentemente conclusa con il successo di Seattle. Un’annata intensa, che ha lasciato intravedere tutte le potenzialità (ma anche i limiti attuali) dell’ovale a stelle e strisce e soddisfatto, in gran parte, il Commissioner Dean Howes, deus ex machina del torneo. “Complessivamente penso sia andato tutto piuttosto bene. Non siamo ancora perfetti, ma abbiamo imparato molto”, ha dichiarato Howes, facendo riferimento un poco a tutti i tasselli del sistema, tra giocatori, società e media.

Modifiche future

Se non c’erano dubbi sull’ingresso nel torneo, il prossimo anno, di una franchigia newyorchese (il Rugby United New York), molto probabilmente affiancata anche da una squadra canadese (a Toronto), nelle ultimissime settimane sta emergendo, sempre più concretamente, la possibilità di un ingresso (anche immediato) di un team di Los Angeles (LA Coast Rugby), guidato da Stuart Proctor (coadiuvato da Patrick McCullagh), uomo d’affari d’origine scozzese. Convinto dalla bontà generalizzata della prima annata di MLR sia sotto il profilo commerciale che sotto quello tecnico, Proctor ha annunciato l’esistenza di una trattativa con la lega per un’espansione losangelina già a partire dal 2019.

“Siamo molto eccitati circa la potenzialità del marcato ovale di questa città (Los Angeles, ndr) e la possibilità di allestirvi un club di rugby professionistico”, ha dichiarato il manager, alle cui parole hanno fatto forte eco anche quelle entusiaste di Nic Benson, MLR deputy commissioner, che, parlando dei piani per accrescere la compagine di squadre californiane (che conta già San Diego) nel campionato, ha fatto notare l’importanza di entrare ulteriormente dentro un mercato tanto invitante. “Con la sua grandezza e la sua diversità, Los Angeles rappresenta un eccellente mercato per un team di MLR”, ha sentenziato Benson.

Washington quando arriva? Quante squadre ci saranno nel 2019?

Non ci sono ancora certezze, invece, per le tempistiche dell’ingresso nella lega di un team della capitale, anche se si sa che ciò accadrà, al più tardi, nel 2020. Nel frattempo, Dean Howes ha confermato che il prossimo torneo prenderà il via il 26 gennaio, nella settimana di pausa dell’NFL prima del weekend del Super Bowl, anche se non si sa ancora il numero complessivo di squadre ai nastri di partenza. Otto? Più probabilmente nove, magari dieci. L’unica certezza è che il torneo durerà più a lungo, garantendo alle TV ed agli spettatori un numero ben più elevato di match.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

5 talenti che avremmo potuto vedere al mondiale Under 20

Scelti fra coloro che non abbiamo già visto nello stralcio di Sei Nazioni under 20 contro gli azzurrini

29 Giugno 2020 Rugby Mondiale / JR Rugby World Cup
item-thumbnail

Matt Giteau a Los Angeles?

Per i media australiani è fatta: un anno in più per il centurione australiano che aveva annunciato il ritiro a fine stagione

28 Giugno 2020 Rugby Mondiale
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: tutte le cifre del più grande evento sportivo dell’anno scorso

Una Coppa del Mondo vinta soprattutto fuori dal campo. Impatto eccezionale del turismo

24 Giugno 2020 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Test match: Giappone, Fiji e Sei Nazioni, come potrebbe essere il prossimo novembre

E come invece dovrebbe funzionare il calendario internazionale da approvare entro agosto

24 Giugno 2020 Rugby Mondiale
item-thumbnail

Rassie Erasmus ha lottato silenziosamente per la propria salute durante la Rugby World Cup

L'ex Munster non ha voluto che i media distogliessero l'attenzione dalla squadra, mantenendo privata la faccenda

21 Giugno 2020 Rugby Mondiale / Rugby World Cup
item-thumbnail

Non ci sarà un’ultima partita per Francois Louw

Si chiude oggi la straordinaria carriera del flanker sudafricano

20 Giugno 2020 Rugby Mondiale