Sei Nazioni 2018: la formazione dell’Italia per la seconda giornata

Tre cambi per Conor O’Shea, che cambia le carte in mischia chiusa. Invariata la linea dei trequarti

italia

ph. Sebastiano Pessina

Conor O’Shea ha annunciato la formazione dell’Italia per la sfida contro l’Irlanda, valida per la seconda giornata del Sei Nazioni 2018.

L’head coach degli Azzurri punta su una formazione estremamente fisica per reggere l’urto dell’Irlanda in quel di Dublino: fuori Giammarioli (già fuori dal gruppo dei convocati) e dentro Steyn in terza linea, mentre davanti Bigi e Quaglio, alla prima presenza da titolare, rilevano Ghiraldini e Lovotti.

Questi ultimi si accomodano in panchina, insieme all’altra novità di giornata Federico Ruzza, prevedibilmente selezionato come seconda linea ma che può anche disimpegnarsi come flanker.

Confermata invece la linea arretrata che ha ben figurato nello scorso turno all’Olimpico contro l’Inghilterra. Calcio d’inizio del match alle ore 15:15 di sabato 3, diretta tv su DMAX.

Leggi anche: Joe Schmidt schiera l’Irlanda per affrontare gli Azzurri

 

Italia: 15 Matteo Minozzi, 14 Tommaso Benvenuti, 13 Tommaso Boni, 12 Tommaso Castello, 11 Mattia Bellini, 10 Tommaso Allan, 9 Marcello Violi, 8 Sergio Parisse (c), 7 Abraham Steyn, 6 Sebastian Negri, 5 Dean Budd, 4 Alessandro Zanni, 3 Simone Ferrari, 2 Luca Bigi, 1 Nicola Quaglio.
A disposizione: 16 Leonardo Ghiraldini, 17 Andrea Lovotti, 18 Tiziano Pasquali, 19 Federico Ruzza, 20 Maxime Mbandà, 21 Edoardo Gori, 22 Carlo Canna, 23 Jayden Hayward.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Il Sei Nazioni 2018: a Roma un successo organizzativo da record

Ecco i numeri delle due partite casalinghe dell'Olimpico

item-thumbnail

Quanti giocatori sono scesi in campo subito dopo il Sei Nazioni?

Quasi tutti gli eroi del Grande Slam sono rimasti a riposo, a differenza degli inglesi. Solo Parisse e Ghiraldini gli azzurri in campo

item-thumbnail

Sei Nazioni 2018: Galles al secondo posto, fra certezze e dubbi

I Dragoni hanno vinto tutte le partite casalinghe del Torneo, mostrando un gioco a tratti spettacolare, ma il cantiere è ancora aperto

item-thumbnail

Sei Nazioni 2018: è Jacob Stockdale il miglior giocatore del torneo

L'irlandese batte i suoi compagni di squadra. Matteo Minozzi chiude in quinta posizione

item-thumbnail

Sei Nazioni 2018: Scozia, il futuro non è più un’ipotesi

I Dark Blues chiudono al terzo posto un Torneo che può essere il trampolino di lancio per la RWC

item-thumbnail

Sei Nazioni 2018: la Francia ha fatto pace con se stessa

Un Sei Nazioni in ripresa per la nuova nazionale di Jacques Brunel, dopo le turbolenze a cavallo del nuovo anno