British & Irish Lions, contro gli Highlanders alla ricerca di continuità

Britannici per dimostare di aver davvero cambiato marcia, ma a Dunedin sarà ancora dura. Kick-off alle ore 9:35

ph. Reuters

Per i British & Lions il tempo di festeggiare la bella vittoria sui Crusaders è stato risicato. Il successo di sabato – ottenuto contro la miglior squadra del Super Rugby con 14 vittorie su 14 giornate – ha ridato morale ai British & Irish Lions dopo due partite difficili contro i Provincial Barbarians e contro i Blues, quest’ultima culminata con la prima sconfitta della serie, ma a Dunedin la selezione britannica sarà subito chiamata a confermare i progressi di tre giorni fa nella sfida contro gli Highlanders, la quarta della serie.

 

Progressi che non hanno riguardato soltanto il semplice risultato, ma anche – e soprattutto – l’esecuzione del piano di gioco costruito dallo staff di Warren Gatland. Nella sfida di tre giorni fa, a fare la differenza è stata l’efficacia delle scelte tattiche al piede, unita ad una difesa sempre attenta a concedere poco o nulla al temibile attacco rossonero. Il coach neozelandese si era affidato ad una formazione potenzialmente molto vicina ad essere quella titolare nel primo test contro gli All Blacks, in particolare per la mediana Murray-Farrell e per come le qualità dei giocatori si combinavano tra di loro nel pacchetto di mischia. Sarà interessante dunque vedere l’impatto sul match del XV totalmente diverso scelto dal ct per sfidare gli Highlanders, specie per quanto riguarda la competizione interna in alcuni ruoli.

 

Ai centri la coppia Henshaw-Joseph proverà a rendersi protagonista per rispondere a quanto di buono fatto vedere da Te’o e Davies (e successivamente dallo stesso Farrell da centro), così come Nowell per il ballottaggio con Watson e North. Tra gli avanti, CJ Stander continuerà a giocarsi il posto con Faletau; la grande prestazione di O’Mahony e O’Brien in terza linea, invece, ha spostato l’asticella decisamente in alto per Haskell e capitan Warburton (ancora non al meglio per sua stessa ammissione), mentre in seconda linea Lawes e Henderson dovranno provare a scalare delle gerarchie che al momento potrebbero vedere entrambi fuori dai 23. Discorso a parte merita la mediana: a dirigere il gioco ci saranno i gallesi Webb e Biggar, al momento seconda e terza scelta dei rispettivi ruoli e che difficilmente potranno ambire alle maglie di Murray e Farrell (ma anche Sexton, nel caso di Biggar) proprio per le opzioni che questi ultimi possono offrire.

 

Tra le fila degli Highlanders mancheranno Aaron e Ben Smith, mentre saranno in campo Waisake Naholo all’ala e Lima Sopoaga all’apertura tra coloro che sono stati chiamati da Steve Hansen per rappresentare gli All Blacks. Occhi puntati su Malakai Fekitoa, escluso dalla lista dei convocati e desideroso di mettersi in mostra; assente invece il capitano Elliot Dixon. IKick-off alle ore 9:35, diretta tv su Sky Sport 2.

 

Le formazioni

Highlanders: 15 Richard Buckman, 14 Waisake Naholo, 13 Malakai Fekitoa, 12 Teihorangi Walden, 11 Tevita Li, 10 Lima Sopoaga, 9 Kayne Hammington, 8 Luke Whitelock (c), 7 Dillon Hunt, 6 Gareth Evans, 5 Jackson Hemopo, 4 Alex Ainley, 3 Siate Tokolahi, 2 Liam Coltman, 1 Daniel Lienert-Brown
A disposizione: 16 Greg Pleasants-Tate, 17 Aki Seiuli, 18 Siosuia Halanukonuka, 19 Josh Dickson, 20 Jimmy Lentjes, 21 Josh Renton, 22 Marty Banks, 23 Patrick Osborne

British & Irish Lions: 15 Jared Payne, 14 Jack Nowell, 13 Jonathan Joseph, 12 Robbie Henshaw, 11 Tommy Seymour, 10 Dan Biggar, 9 Rhys Webb, 8 CJ Stander, 7 Sam Warburton (c), 6 James Haskell, 5 Iain Henderson, 4 Courtney Lawes, 3 Kyle Sinckler, 2 Rory Best, 1 Joe Marler
A disposizione: 16 Ken Owens, 17 Jack McGrath, 18 Dan Cole, 19 Alun Wyn Jones, 20 Justin Tipuric, 21 Greig Laidlaw, 22 Owen Farrell, 23 Elliot Daly

 

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Leggende ovali: Shane Williams, il rapporto con Paul O’Connell e il valore di Brian O’Driscoll

L'ex ala gallese svela retroscena del tour dei Lions 2009 e non solo

item-thumbnail

Calendario internazionale: le precisazioni di Bernard Laporte, vicepresidente di World Rugby

Il dirigente francese fa il punto sui Test Match di novembre, il rugby di club e la situazione finanziaria delle Federazioni

item-thumbnail

Clamorosa ipotesi per rivoluzionare i calendari

Verrebbero spostati Sei Nazioni e Rugby Championship, oltre a delle due finestre dei test match

item-thumbnail

Una giornata da Lions su Sky Sport Arena

Giovedì 21 maggio rivedremo le ultime tre tournée dei Leoni nell'Emisfero Sud. Spettacolo assicurato

item-thumbnail

World Rugby posticipa i tour: Italia, niente America a luglio

Sarà un'estate senza test match tra i due emisferi, oltre agli azzurri ferme anche le altre nazionali

item-thumbnail

Mete o Touchdown: rugby e football americano si stanno avvicinando?

Gli sport ovali potrebbero uniformare per certi aspetti il sistema realizzativo