La prima intervista da Azzurro di Dino Lamb

I contatti con Kieran Crowley e le ragioni della sua eleggibilità

COMMENTI DEI LETTORI
  1. Parvus 31 Maggio 2023, 17:51

    se vedessimo il passato…., anche no, ma ora vuole dare il 100% e quindi siamo qua a braccia aperte.
    a breve cresceranno anche le nuove leve, come piantella ecc….. dai che tra non molto, avremo almeno un paio di giocatori per ruolo.

  2. aries version 2.0 31 Maggio 2023, 18:07

    Era tutto molto più chiaro prima di questo articolo, però va bene così! Dino Luciano Lamb Cona, avrei già il soprannome… vediamo come gioca e quanto rende, poi si guarda!

  3. mikefava 31 Maggio 2023, 18:09

    “Dopo che ho visto che non con l’Inghiltera non c’era trippa peggatti…”…no, dai, scherzi a parte, ci sta che un ragazzo giovane non sia deciso su che strada intraprendere e molti hanno fatto come lui, la U20 da una parte e la maggiore da un’altra (lo stesso Allan lo fece). Alla fine non ci sta arrivando un cavallo imbolsito ma un ragazzone nel pieno delle sue capacità e anche già avanti nella conoscenza del gioco. Pazzesco che lo seguissero da così tanto tempo, però le qualità ci sono tutte e le statistiche dicono che Lamb è un formidabile placcatore. Ero effettivamente curioso di conoscere la sua storia, certo è italiano per metà, di fatto, ma penso che i suoi contatti con il nostro paese fossero piuttosto scarsi fino a questo momento e, anzi, li vivesse soprattutto attraverso la nonna ma non fossero forti (tanto da decidere di togliere “Cona” dal suo cognome, che poi sarebbe stato quello reale del padre).

  4. madmax 31 Maggio 2023, 18:29

    Dai va bene così… che parenti italiani hanno Ioane e Faiva? 😉

    • narodnik 31 Maggio 2023, 19:09

      Almeno loro hanno giocato in Italia 😀 gli auguro di fare tanto bene in nazionale ma vederci lui ai mondiali da parvenu e non vedere Parisse non mi va🙁

    • mikefava 31 Maggio 2023, 19:25

      Ma io non mi sono mai opposto a queste operazioni, d’altronde lo fanno tutti…anche la Francia, che scoppia di salute, sta facendo carte false per assicurarsi Meafou, non esattamente francese…però ci tengo sempre a sottolineare che è ben diverso essere in parte italiani, che non esserlo affatto: un po’ perché si è eleggibili da subito e un po’ perché lo trovo anche più corretto…Ioane e Faiva non hanno nulla di italiano e infatti non dovrebbero giocare per l’Italia, a mio avviso. Poi c’è un regolamento che lo permette loro e lo fanno, però penso sempre che magari uno che ha un genitore italiano possa essere un orgoglio per quel genitore, se gioca per la sua nazione. So di essere romantico, ma Halafihi disse che la sua famiglia fu stranita dalla sua decisione di mettersi l’azzurro, salvo poi comunque accettarla bene.

    • LoScarso 31 Maggio 2023, 20:56

      Ma seeee…. che paranoie…. gli scotti e gli irlandesi non se ne fanno…. emancipiamoci dalľipocrisia autarchica

      • mikefava 31 Maggio 2023, 21:06

        Ma se leggi bene quello che ho scritto, Scarso, ho detto di avere una visione romantica ma di non essere ipocrita e dire che comunque fa comodo avere giocatori preparati anche dall’estero. Il discorso è solo che te te li formi in casa è tutto molto più semplice e non bisogna giocare su cavilli e portarsi via gente le une con le altre nazionali. Il “grande modello irlandese” alla fine chi ha alle ali? Un neozelandese e un australiano. Chi ha come mediano di mischia? Un neozelandese. Quindi, certo, ben venga Dino Lamb!

        • Ovale 1 Giugno 2023, 11:56

          Beh, a dirla tutta, seguendo il tuo ragionamento, guarda che Mack Hansen è eleggibile perché la madre è irlandese.

          • mikefava 1 Giugno 2023, 17:45

            Sì, è vero, Ovale, infatti ha la madre irlandese e c’entra indubbiamente più lui con l’Irlanda che Lowe, Gibson-Park o Aki. O in passato Stander. Era per dire che pure la grande Irlanda non è esente da operazioni di reclutamento all’estero, poiché anche Hansen, pur essendo un oriundo, è born and raised (and formed) in Australia.

  5. Parvus 31 Maggio 2023, 18:30

    Maik, sia paolino che dino non hanno le carte giuste per essere selezionati per la rosa, e quindi giustamente dicono almeno vanto do skei…, quanti argentini e non solo loro lo hanno fatto…., con l’italia??!!!!
    Però aggiungo, cerchiamo che l’ossatura, della nazionale sia nostrana…

    • mikefava 31 Maggio 2023, 19:15

      Ma guarda, Parvus, co i ciari de luna che ghe xe in Inghilterra desso, secondo me si pentiranno di non aver puntato su Lamb e Odogwu…certo è che loro ne producono molti più di noi, però se economicamente la situazione non è sostenibile, rischiano la fine del Galles o giù di lì…il nostro vantaggio è che siamo piccoli.

      • Flaviuz 31 Maggio 2023, 19:44

        Il nostro vantaggio è che l’Italia avrebbe un potenziale enorme di cui investire e lavorare, loro invece sono già arrivati al massimo delle loro capacità

        • mikefava 31 Maggio 2023, 21:08

          Sì, giusto, Flavio,a secondo me stanno anche implodendo…

      • Parvus 1 Giugno 2023, 06:22

        Si concirdo

    • d_trulliaj 31 Maggio 2023, 19:16

      io direi più di cercare che la nazionale sia forte

  6. onit52 31 Maggio 2023, 19:38

    Non serve tanto interpretare , non ero interessato , ma il mondiale lo prendo così o niente.
    Mi pare onesto ,sotto questo aspetto.
    Questo non sapendo altro me lo fa ( un po’ ) apprezzare.
    Auguri.

  7. Shakespeare 31 Maggio 2023, 21:13

    Per fortuna che abbiamo nel mirino queste esplosioni di entusiasmo! 🙂

  8. Atley73 31 Maggio 2023, 21:29

    Io, giuro che della saga familiare di Dino non ho capito una mazzafionda. Detto questo, credo che Paolo e Dino abbiano accettato di giocare per l’italia perchè la nazionale ha riconquistato credibilità internazionale, perchè c’è Kiran e perchè avendo origini italiane hanno approfittqto di una buona scorciatoia per giocarsi i mondiali… e poi perchè, diciamodelo, l’inghilterra di borthwick non fa di certo sognare.

    • mikefava 31 Maggio 2023, 23:09

      Io avevo già ascoltato l’intervista prima dell’uscita dell’articolo, perché seguo Ottavio Arenella su YouTube (RugbyCoach8), e diceva che il padre di Dino è nato a Torino nel 1964 ma già nel 1971 se ne era ito in Inghilterra con la madre ma senza il padre (il cui cognome è evidentemente Cona), poiché si erano lasciati. La madre si risposò con tale Lamb ed ecco perché Dino ha ora quel cognome. Lamb senior si riconciliò poi con suo padre e riaggiunse il suo cognome a Lamb, diventando Lamb-Cona. In tempi recenti Dino ha poi voluto togliere di nuovo “Cona” (a quanto pare non ha avuto granfi rapporti con suo nonno).

      • Atley73 1 Giugno 2023, 09:14

        capito. grazie!

      • narodnik 1 Giugno 2023, 14:13

        A me sono venuti in mente o cognomi dei mega direttori dei film di Fantozzi 😁
        È lo stesso che commenta su un altro forum? Mo mi iscrivo al canale.

        • mikefava 1 Giugno 2023, 17:58

          Non so in quale forum, ma di Otto che si interessano di rugby non so quanti ce ne siano 😂 Il canale è molto interessante e anche interattivo, fai bene ad iscriverti!

  9. madmax 31 Maggio 2023, 21:37

    Enzo Forletta, Louis Mauro, Alexandre De Nardi, Vincent Guidicelli, Fabio Bertuzzo, Lucas Berti tutti al Montpellier solo quelli con cognomi chiaramente italiani… Paolo parlaci please!

    • mikefava 31 Maggio 2023, 23:28

      Giudicelli andrà a Bayonne con Mori tra poco, quindi magari ci parlerà lui 😂 Forletta invece è già cappato con la Francia. Più che altro forse potrebbe essere convocabile Geraci, ma ci dovrebbe fare da tramite il novello Page-Relo a Lione!

    • paoloc 1 Giugno 2023, 09:09

      Giudicelli non è di origine italiana. E’ nato a Montpellier ed originario della Corsica, che è Francia da quasi 3 secoli e comunque non è mai stata Italia. E’ linguisticamente italiana ma così come la Svizzera Italiana, ma non è Italia.

      • mikefava 1 Giugno 2023, 18:30

        Sì, formalmente la Corsica non è mai stata Italia, perché l’Italia come la consideriamo oggi esiste dal 1861, che poi abbia tutt’oggi parecchio di italiano, a partire dalla lingua locale, è palese…certo che uno che di cognome fa Giudicelli, indubbiamente è di origine italiana (puoi pronunciarlo “judiselì” ma cambia poco), quasi certamente però non così vicine da renderlo eleggibile per la nazionale italiana.

    • Ventu 1 Giugno 2023, 11:02

      Forletta ha cap con la nazionale francese, fino al 2025 è out sicuro

  10. balìn 31 Maggio 2023, 22:23

    Se ben ricordo anche il papà di Lorenzo “Lawrence “ Dallaglio era di origine piemontese, come quello di Dino Cona “Agnello” , che come cognome piemontese , al plurale , sarà un po’ in ribasso ma una certa storia c’è l’ha

  11. Parvus 1 Giugno 2023, 09:37

    vorrei ri-agganciarmi al post di atley, proprio sul passaggio di kieran.
    kieran ci sta dando una forma di gioco, l’italia no buona per rugby è una frase lontana, ora sappaimo abbastanza bene gestire i calci per l’occupazione del territrio altrui, palla in mano siamo abbastanza capaci, l’avvenuta adesione di polledri e di capuozzo ci ha garantito quel plus che non avevamo e che oggi vedi articolo di cui sopra, ci arrivino paolino il magretto e lamb-cona, pagerello e chissà chi altro….
    la nazionale è cambiata, e quindi VIVA LA NAZIONALE ITALIANA DI RUGBY.

  12. nergal 1 Giugno 2023, 11:07

    dino lamb, page relo e odogwu “c’è li siamo guadagnati” con le prestazioni al 6 nazioni e dopo aver battuto l’australia.
    non penso che abbiano accettato di venire a giocare per l’italia solo per il mondiale, ma perchè hanno visto che la squadra è diventata almeno competitiva
    se l’italia fosse rimasta quella del 2021 avrebbero declinato sicuramente

    • Mich 1 Giugno 2023, 14:08

      Scusami Nergal, ma declinando, esattamente, dove si sarebbero riciclati? Io leggo solo l’aver colto un’opportunità di giocare a livello internazionale in ogni caso. Il che mi sta benissimo, ma queste storie su alberi genealogici, e intricate vicende familiari a suffragio di una “scelta” (che tale non è) vorrei non leggerle sinceramente.

  13. Mich 1 Giugno 2023, 14:04

    Sono personalmente stanco di leggere tutte queste vicende familiari, raccontate solo per mascherare i veri motivi di una scelta, ovvero che di scelta non si tratta.
    Ma sul serio siete disposti a credere che, allo stato attuale dei rispettivi panorami rugbistici e sociali, qualcuno possa mettere in discussione se giocare per l’Inghilterra o per l’Italia? A me possono raccontare tutte le favole stucchevoli che vogliono, ma nessuno mi toglierà dalla testa che, per ora, la nostra nazionale purtroppo costituisce ambiente di riciclo per coloro che vengono scartati dalle nazioni di origine. Queste storie, forzatamente esposte all’opinione pubblica nel tentativo di far digerire (e vedo che più o meno ci riescono) mi hanno davvero stancato.
    Che si dica semplicemente “Felice di questa opportunità, cercherò di fare del mio meglio per onorare questo movimento in crescita.”

    • mikefava 1 Giugno 2023, 19:39

      Vediamo quante squadre rimarranno a giocare in Premiership a partire dal 2024/2025. È ovvio che in Inghilterra vengano formati molti più rugbisti ma se sono alla canna del gas economicamente (e mi sembra sotto gli occhi di tutti che Worcester Warriors, i Wasps e molto presto i London Irish, sono stati messi al bando), non durerà questa “appetibilità” della nazionale inglese. Io posso crederci o no, però i fatti dicono che l’Italia è rugbisticamente piccola ma proprio per questo non rischia il collasso. L’Inghilterra invece è un gigante ma sta mostrandi dei piedi argillosi…è un caso secondo te che Odogwu e Lamb si siano convinti proprio in questo momento a cambiare casacca?

Lascia un commento

item-thumbnail

Marzio Innocenti: “un tour importante per la crescita del gruppo”

Il Presidente Federale traccia un bilancio delle Summer Series dell'Italia

23 Luglio 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia: la nazionale ombra che allunga la coperta di Gonzalo Quesada

Il capo allenatore azzurro ha praticamente composto un XV alternativo di giocatori nel giro della nazionale ma non presenti in tournée

23 Luglio 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia, Nacho Brex: “Novembre? Dobbiamo continuare a dimostrare quello di cui siamo capaci”

Le parole del centro azzurro che si proietta sui prossimi impegni autunnali

22 Luglio 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia: tutti i minutaggi degli Azzurri al termine di una stagione infinita

Da giugno 2023 a luglio 2024: tutti i dati di un'annata fisicamente complicata, con 4 italiani che tra club e Nazionale hanno superato i 2000 minuti d...

22 Luglio 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia: il bollettino medico sulle condizioni di Paolo Garbisi e Louis Lynagh

Gli ultimi aggiornamenti da parte dello staff medico della Nazionale

22 Luglio 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Contro il Giappone un’Italia imperfetta, ma l’Italia che ci voleva

Successo rotondo nell’ultimo test dell’estate grazie a una gran prova difensiva. Non tutto ha girato per il verso giusto, ma è il miglior modo per con...

22 Luglio 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale