URC: formazioni e preview dei quarti di finale

Una guida sintetica per arrivare pronti alle sfide cruciali della stagione

Zebre-Munster (Gavin Coombes)

URC: le formazioni dei quarti di finale – ph. Massimiliano Carnabuci

Venerdì 5 e sabato 6 maggio inizia la prima fase finale di uno dei principali campionati del panorama ovale: sono di scena i quarti dello URC 2022/2023.

Il programma del primo turno ad eliminazione diretta prende le mosse da Belfast, dove l’Ulster attende il Connacht in un derby irlandese ad alto voltaggio.

La squadra di casa è nettamente favorita. Dopo una flessione significativa nella parte centrale della stagione, gli Ulstermen hanno ripreso il loro consueto ruolino di marcia e sono in serie positiva da 5 partite consecutive in campionato.

L’ultimo precedente contro la squadra di Galway risale al 23 dicembre scorso e li ha visti vincere 22-20 in trasferta allo Sportsground. In precedenza, nel primo turno di URC, Ulster aveva dominato 36-10 tra le mura amiche.

I nordirlandesi gettano contro ai cugini tutta la potenza di fuoco del loro roster, con una prima linea tutta internazionale formata dallo scozzese Sutherland, dal tallonatore della nazionale irlandese Herring e dall’ex All Black Toomaga-Allen. Il campione del mondo Duane Vermeulen chiude il pacchetto degli avanti, mentre Jacob Stockdale otterrà la sua centesima presenza per la franchigia.

Per quanto riguarda Connacht, Caolin Blade è di nuovo preferito all’esperto Kieran Marmion data la grande forma di questa stagione, in cui è stato uno dei migliori marcatori di mete del campionato. In terza linea Cian Prendergast si prende la maglia numero 8.

Ulster: 15 Mike Lowry, 14 Rob Baloucoune, 13 James Hume, 12 Stuart McCloskey, 11 Jacob Stockdale, 10 Billy Burns, 9 John Cooney, 8 Duane Vermeulen, 7 Nick Timoney, 6 Dave McCann, 5 Kieran Treadwell, 4 Alan O’Connor (c), 3 Jeffery Toomaga-Allen, 2 Rob Herring, 1 Rory Sutherland
A disposizione: 16 Tom Stewart, 17 Eric O’Sullivan, 18 Gareth Milasinovich, 19 Sam Carter, 20 Jordi Murphy, 21 Nathan Doak, 22 Stewart Moore, 23 Craig Gilroy

Connacht: 15 Tiernan O’Halloran, 14 John Porch, 13 Tom Farrell, 12 Bundee Aki, 11 Mack Hansen, 10 Jack Carty (c), 9 Caolin Blade, 8 Cian Prendergast, 7 Conor Oliver, 6 Shamus Hurley-Langton, 5 Niall Murray, 4 Josh Murphy, 3 Finlay Bealham, 2 Dave Heffernan, 1 Denis Buckley
A disposizione: 16 Dylan Tierney-Martin, 17 Jordan Duggan, 18 Jack Aungier, 19 Oisín Dowling, 20 Jarrad Butler, 21 Kieran Marmion, 22 Tom Daly, 23 Byron Ralston

Leggi anche: URC Awards: i vincitori dei primi tre premi della regular season

Il sabato dei quarti di finale di URC parte con il derby sudafricano fra Stormers e Bulls, un confronto fra il sud e il nord del paese.

John Dobson, l’head coach della squadra di casa, la vede così: “Avremo il pubblico più numeroso della stagione per questo scontro ad eliminazione diretta fra nord e sud, quindi è un qualcosa che tutti stanno aspettando con trepidazione.”

“E’ fantastico avere di nuovo a disposizione Deon [Fourie] e Leolin [Zas], hanno avuto un grande impatto per noi ultimamente. Vogliamo giocare il tipo di rugby che ci ha portato a questo punto e ripagare l’incredibile supporto che riceviamo con una performance all’altezza.”

Stormers: 15 Damian Willemse, 14 Angelo Davids, 13 Ruhan Nel, 12 Dan du Plessis, 11 Leolin Zas, 10 Manie Libbok, 9 Herschel Jantjies, 8 Evan Roos, 7 Hacjivah Dayimani, 6 Deon Fourie, 5 Marvin Orie, 4 Ruben van Heerden, 3 Frans Malherbe, 2 Joseph Dweba, 1 Steven Kitshoff (c)
A disposizione: 16 JJ Kotze, 17 Ali Vermaak, 18 Neethling Fouche, 19 Gary Porter, 20 Ben-Jason Dixon, 21 Willie Engelbrecht, 22 Paul de Wet, 23 Sacha Feinberg-Mngomezulu

Bulls: 15 Kurt-Lee Arendse, 14 Canan Moodie, 13 Stedman Gans, 12 Harold Vorster, 11 David Kriel, 10 Johan Goosen, 9 Embrose Papier, 8 Elrigh Louw, 7 Cyle Brink, 6 Marco van Staden, 5 Ruan Nortje (c), 4 Ruan Vermaak, 3 Mornay Smith, 2 Johan Grobbelaar, 1 Gerhard Steenekamp
A disposizione: 16 Bismarck du Plessis, 17 Simphiwe Matanzima, 18 Francois Klopper, 19 Janko Swanepoel, 20 Nizaam Carr, 21 Keagan Johannes, 22 Chris Smith, 23 Lionel Mapoe

Leggi anche: Benetton, un bilancio di fine stagione

Alle 18:00 italiane sarà la volta del Leinster, impegnato in un quarto di finale tosto contro la terza franchigia sudafricana qualificatasi per i playoff, gli Sharks.

Per la squadra di casa la necessità di ruotare un po’ i protagonisti per gestire un mese di scontri al massimo livello tra URC e Champions. Ecco quindi una coppia mediana composta dall’esperto Luke McGrath, capitano di giornata, e dal più giovane dei fratelli Byrne, Harry.

Charlie Ngatai è confermato tra i centri dopo la bella prestazione in semifinale di Champions Cup, ed avrà al suo fianco il polivalente Ciaran Frawley. Nel pacchetto di mischia spazio a Scott Penny, uno dei giocatori più utilizzati dal Leinster in questo URC, e a Max Deegan. In panchina tanti nomi importanti pronti a finire il match alla grande.

Per gli Sharks niente Siya Kolisi e Eben Etzebeth, infortunati. Il capitano diventa Lukhanyo Am per guidare la franchigia alla sfida più tosta della stagione, con Boeta Chamberlain che si sposta a 10 per fare spazio a Aphelele Fassi a estremo e Marnus Potgieter al posto di Werner Kok.

Leinster: 15 Hugo Keenan, 14 Jordan Larmour, 13 Ciarán Frawley, 12 Charlie Ngatai, 11 Dave Kearney, 10 Harry Byrne, 9 Luke McGrath (c), 8 Caelan Doris, 7 Scott Penny, 6 Max Deegan, 5 Jason Jenkins, 4 Ryan Baird, 3 Tadhg Furlong, 2 Dan Sheehan, 1 Michael Milne
A disposizione: 16 John McKee, 17 Andrew Porter, 18 Cian Healy, 19 Joe McCarthy, 20 Jack Conan, 21 Jamison Gibson-Park, 22 Ross Byrne, 23 Liam Turner

Sharks: 15 Aphelele Fassi, 14 Marnus Potgieter, 13 Lukhanyo Am (c), 12 Ben Tapuai, 11 Makazole Mapimpi, 10 Boeta Chamberlain, 9 Grant Williams, 8 Sikhumbuzo Notshe, 7 Vincent Tshituka, 6 James Venter, 5 Gerbrandt Grobler, 4 Corne Rahl, 3 Thomas du Toit, 2 Bongi Mbonambi, 1 Ox Nche
A disposizione: 16 Fez Mbatha, 17 Ntuthuko Mchunu, 18 Carlu Sadie, 19 Jeandre Labuschagne, 20 Phepsi Buthelezi, 21 Cameron Wright, 22 Nevaldo Fleurs, 23 Rohan Janse van Rensburg

Chiude il lotto dei quarti l’intrigante sfida fra quarta e quinta della classifica della regular season. Allo Scotstoun di Glasgow, nella partita diretta da Andrea Piardi, saranno di fronte i Warriors padroni di casa e il Munster.

Franco Smith sceglie Stafford McDowall come primo centro insieme a Sione Tuipulotu, lasciando Huw Jones tra i finishers dell’incontro. Terza linea di valore assoluto con Jack Dempsey, Rory Darge e Matt Fagerson tutti in grado di portare bene il pallone, rovinare i piani avversari al breakdown e distinguersi in chiave difensiva.

La squadra irlandese, come spesso accaduto nelle ultime occasioni, preferisce i giovani Jack Crowley e Ben Healy come mediani di apertura, con Joey Carbery escluso dai 23.

Se rispetto al Munster tradizionale quello di questa stagione è più votato ad un gioco offensivo piuttosto espansivo, ciò non toglie che provino a metterla sul piano fisico con una seconda linea che combina Jean Kleyn (203 centimetri per 121 chili) a RG Snyman (206 per 117). La coppia sudafricana comporta lo slittamento di Tadhg Beirne nel ruolo di flanker e la partenza dalla panchina di John Hodnett, uno dei migliori dell’intera stagione della provincia.

Glasgow Warriors: 15 Ollie Smith, 14 Sebastian Cancelliere, 13 Sione Tuipulotu, 12 Stafford McDowall, 11 Kyle Steyn (C), 10 Tom Jordan, 9 George Horne, 8 Jack Dempsey, 7 Rory Darge, 6 Matt Fagerson, 5 Richie Gray, 4 Scott Cummings, 3 Zander Fagerson, 2 Johnny Matthews, 1 Jamie Bhatti
A disposizione: 16 Fraser Brown, 17 Nathan McBeth, 18 Simon Berghan, 19 JP du Preez, 20 Lewis Bean, 21 Sione Vailanu, 22 Ali Price, 23 Huw Jones

Munster: 15 Mike Haley, 14 Calvin Nash, 13 Antoine Frisch, 12 Malakai Fekitoa, 11 Shane Daly, 10 Jack Crowley, 9 Conor Murray, 8 Gavin Coombes, 7 Peter O’Mahony (C), 6 Tadhg Beirne, 5 RG Snyman, 4 Jean Kleyn, 3 Stephen Archer, 2 Diarmuid Barron, 1 Jeremy Loughman
A disposizione: 16 Niall Scannell, 17 Josh Wycherley, 18 Roman Salanoa, 19 Fineen Wycherley, 20 John Hodnett, 21 Craig Casey, 22 Ben Healy, 23 Alex Kendellen

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

La battuta di Jake White su Andrea Piardi: “Fa vincere sempre la squadra in trasferta. Spero ci arbitri fuori casa”

Il tecnico ha provato a stemperare la tensione e l'amarezza in conferenza stampa, con un'uscita che la stampa estera ha definito "bizzarra"

item-thumbnail

URC: la preview della finale Bulls-Glasgow Warriors

A Pretoria i sudafricani cercano il primo successo davanti a 50000 spettatori, gli scozzesi per sorprendere ancora

item-thumbnail

A Pretoria tutto esaurito per la finale di URC: le formazioni di Bulls e Glasgow Warriors

I sudafricani recuperano un tassello importante nel XV, Duncan Weir unico superstite del 2015 nelle fila scozzesi

item-thumbnail

URC, finale Bulls-Glasgow Warriors: ufficializzate data, orario e sede

Per la terza edizione consecutiva la sfida decisiva si terrà in Sudafrica

item-thumbnail

URC: in finale senza irlandesi, volano Bulls e Glasgow Warriors

Nulla da fare per Leinster e Munster, sconfitte nonostante degli avvii favorevoli: la cronaca e gli highlights delle due semifinali

item-thumbnail

URC: le formazioni delle due semifinali Bulls-Leinster e Munster-Glasgow

Due partite di altissimo livello e 4 XV con il meglio del rugby celtico e sudafricano