Sara Barattin: “È stato un grande privilegio”

116 caps, un simbolo della nazionale dice addio alla maglia azzurra

Sara Barattin - centuriona azzurra ph. Luca Sighnolfi

Sara Barattin: “È stato un grande privilegio” ph. Luca Sighnolfi

Sara Barattin annuncia il suo addio alla maglia della nazionale. 36 anni, trevigiana, giocatrice del Villorba e prima di Casale e delle Red Panthers, con cui ha vinto 4 scudetti, ha all’attivo ben 116 cap con la maglia azzurra, collezionati in 18 anni di carriera internazionale, a partire dal 7 aprile 2005 quando giocò vincendo 52 a 0 contro la Germania in quel di Amburgo. Barattin è stata una dei pilastri della crescita del movimento italiano, tra le protagoniste del secondo posto al 6N del 2019 delle Azzurre e della qualificazione ai quarti dell’edizione neozelandese della Coppa del Mondo.

Sara Barattin: “È stato un grande privilegio”

L’ultimo match della carriera da record della mediana di mischia sarà contro il Galles, all’ultimo turno del Sei Nazioni femminile 2023, che disputerà con i gradi di capitana. Sabato 29 aprile al Lanfranchi di Parma avrà il giusto onore di scendere per prima e da sola sul campo di gioco per poi essere seguita dalle sue compagne, in attesa del fischio d’inizio della partita. Match in vista del quale pensa: “Noi, Galles e Scozia siamo squadre sempre molto vicine come valori in campo, le nostre partite sono spesso decise dai dettagli. Sabato sarà fondamentale limare gli errori, noi vogliamo correre palla in mano e far correre loro in giro per il campo, in difesa. Per me ovviamente sarà un’emozione particolare.”

Leggi anche Raineri: “Contro il Galles motivazione extra per l’ultima partita in nazionale di Sara Barattin” 

Riguardo al suo ritiro inoltre ha dichiarato all’ufficio stampa della FIR: “Non è stata una decisione semplice ma è un momento che prima o poi sarebbe arrivato. Ho avuto la fortuna e l’onore di vestire la maglia della Nazionale per 18 anni e vivere momenti indimenticabili come la qualificazione ai quarti di finale dello scorso Mondiale e il secondo posto al Sei Nazioni 2019. Abbiamo costruito negli anni qualcosa di importante per il Movimento Femminile Italiano che sta via via crescendo e sfornando giocatrici di qualità. Auguro alle mie compagne, allo staff e a tutti coloro che avranno la fortuna di poter vestire questi colori di onorare la maglia dell’Italia in ogni momento e di apprezzare ogni istante vissuto durante i raduni. È stato un grande privilegio poter scendere in campo così tante volte per il paese che rappresento e ricevere l’abbraccio dei tifosi”.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Rugby a 7, Italia Femminile: le convocate per le Rugby Europe Championship Series

Sono 13 le selezionate per il primo appuntamento in Croazia

29 Maggio 2024 Rugby Azzurro / Nazionale femminile
item-thumbnail

La meta di Alyssa D’Incà è la più bella del Sei Nazioni femminile 2024

Premiata la marcatura della trequarti del Villorba nella sfida contro la Francia

14 Maggio 2024 Rugby Azzurro / Nazionale femminile
item-thumbnail

Alyssa D’Incà candidata anche per la miglior meta del Sei Nazioni 2024

La trequarti azzurra è stata nominata anche per la "Try of the Tournament", dopo un torneo di alto livello

item-thumbnail

Sei Nazioni Femminile 2024: Alyssa D’Incà in lizza come “Player of the Championship”

L'azzurra è stata inserita nella lista delle 4 candidate per vincere il prestigioso riconoscimento

30 Aprile 2024 Rugby Azzurro / Nazionale femminile
item-thumbnail

Il World Rugby Ranking al termine del Sei Nazioni Femminile. Italia ottava

Azzurre in caduta e senza automatica qualificazione per la prossima Rugby World Cup

29 Aprile 2024 Rugby Azzurro / Nazionale femminile