Benetton, Negri: “Crediamo nei playoff, dobbiamo imparare dai nostri errori. E che bello tornare in campo!”

La terza linea dei Leoni e della nazionale analizza ai microfoni di OnRugby il match perso contro Munster e si concentra sul futuro

Benetton, Negri: "Crediamo nei playoff, dobbiamo imparare dai nostri errori. E che bello tornare in campo!" (ph. Massimiliano Carnabuci)

Benetton, Negri: “Crediamo nei playoff, dobbiamo imparare dai nostri errori. E che bello tornare in campo!” (ph. Massimiliano Carnabuci)

Il match del Benetton contro Munster ha visto ritornare in campo Sebastian Negri, dopo l’infortunio subito contro l’Inghilterra. Il 55-21 di Cork pesa e sembra eccessivo, soprattutto per quanto si è visto in campo nel primo tempo, e adesso ogni partita diventa una finale per poter raggiungere i playoff. La terza linea del Benetton e della nazionale ha parlato ai microfoni di OnRugby non solo della trasferta irlandese, ma anche del futuro in vista della fase finale del torneo.

Sebastian, un buon primo tempo a Cork. Poi cosa è successo?

“Nel primo tempo siamo stati in partita, avevamo un buon possesso ed eravamo ben messi in campo. Abbiamo lottato contro una grande squadra come Munster e lo abbiamo fatto bene. Nella ripresa abbiamo fatto troppi errori, abbiamo perso la battaglia tattica al piede e siamo stati messi sotto pressione: è stato molto difficile.

Il cammino playoff ora si complica…

Ovviamente ci crediamo ancora, sappiamo che sarà molto difficile ma possiamo farcela. Abbiamo ancora l’opportunità di conquistarli facendo punti ogni weekend, fin dalla prossima partita: dobbiamo concentrarci su ogni partita. C’è tanta positività nel gruppo, lottiamo l’uno per l’altro. Certamente contro grandi squadre come Munster dobbiamo essere più consistenti, e soprattutto dobbiamo esserlo per 80 minuti. Dobbiamo imparare dai nostri errori e fare una grande partita contro Connacht la prossima settimana. Dobbiamo essere positivi, concentrati e lavorare duro.

L’obiettivo, quindi, qual è?

Migliorare, imparare dai nostri errori e fare meglio fin dalla prossima sfida. Voglio vincere ancora col Benetton, giocare grandi partite e portare a casa altri trofei. Dobbiamo essere competitivi e lottare per i campionati. Personalmente sto cercando ancora di lavorare e di migliorare per performare ancora meglio nella parte finale della stagione e nei prossimi mesi, sia col Benetton che con la nazionale.

Com’è stato ritornare in campo dopo il brutto colpo subito contro l’Inghilterra?

Le settimane dopo l’infortunio sono state difficili, ma sono davvero felice di essere tornato in campo e di giocare di nuovo. Mi sento bene fisicamente e devo solo continuare a migliorare la mia condizione, così le cose andranno bene. Giocare per il Benetton è sempre speciale.

Francesco Palma

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Clicca qui per restare aggiornato sul regolamento del rugby.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Benetton, Pettinelli: “I nuovi arrivi portano aria fresca. Abbiamo cambiato qualcosa in difesa”

Continua il lavoro pre-stagione dei Leoni. Il terza linea: "C'è tanto entusiasmo in squadra"

item-thumbnail

Benetton, Bortolami: “Se Ioane torna, bene, altrimenti faremo a meno di lui”

Il capo allenatore dei Leoni è stato chiaro: "Per me vige il concetto di squadra, non del singolo"

item-thumbnail

Benetton, Zatta: “Abbiamo obiettivi importanti. La Challenge? Non esistono squadre facili”

Il presidente introduce la stagione 2022-23: "Puntiamo a giocarci le nostre carte"

item-thumbnail

United Rugby Championship: le date e gli orari delle partite del Benetton

Tutte le informazioni su quando giocheranno i Leoni nel prossimo campionato

item-thumbnail

Benetton Rugby, Sam Hidalgo-Clyne: “Voglio portare il mio contributo proponendo un gioco rapido e istintivo”

Il mediano di mischia ha raccontato le sue prime impressioni con indosso la maglia biancoverde

item-thumbnail

Benetton-Ioane, la rabbia di Zatta: “Non ha rispettato i patti”, si rischiano le vie legali

Il presidente: "Prima Garbisi, poi Gustard. Non possiamo rimetterci ogni volta"