Benetton Rugby, Marco Bortolami: “Ci è mancata un po’ di pazienza e lucidità in attacco”

Il tecnico ha parlato al termine della partita persa di misura contro gli Scarlets

COMMENTI DEI LETTORI
  1. balìn 23 Ottobre 2021, 09:53

    Lucidità in difesa?
    Quei buchi enormi gridano vendetta…..
    Eravamo abituati ad Allan o Garbisi che danno più garanzie in difesa, ieri la fantasia in attacco di Smith non ha pagato

  2. Louie 23 Ottobre 2021, 10:06

    Se Treviso continua a giocare con le cariche da muflone di partite non ne porterà a casa.Non si può negare che sia bella da vedere in campo ma a questo livello le pallate in faccia,i calci senza senso utili solo a regalare palloni a chi poi ti fa meta,e l’ansia negli ultimi cinque metri che produce il solito in avanti o peggio un intercetto non si possono più vedere.Se magari poi a qualcuno venisse in mente di allenare anche le prese sui calci alti…

  3. Parvus 23 Ottobre 2021, 11:14

    treviso non ha brillato, soprattutto mi fa paura uno come ryno, che fa molta confusione.
    certo che perdere allan e garbisi non sarebbe facile neanche per i saracens…..
    mi fa piacere sentire bortolami felice per il bicchiere mezzo pieno. solo da uno staff unito si potrà crescere.

  4. lear2 23 Ottobre 2021, 11:26

    Pensavo che gli stranieri presi quest’anno fossero un po’ meglio di quello che abbiamo visto, come al solito gli scarti dei club di provenienza, perchè se fossero stati buoni stavano li dov’erano. Ma questo vale pure per le Zebre, se li potevano risparmiare tutti quei soldi e facevano giocare i ragazzi nostrani che almeno ci mettevano il cuore

    • lear2 23 Ottobre 2021, 11:27

      ……al momento l’unico che vale i soldi spesi è Gallo

    • SilverShadow 23 Ottobre 2021, 12:03

      Coetzee è buono, Wegner un po’ in ombra ieri ma ha giocato bene le altre volte. Albornoz anche mi sembra buono e di aperture italiane non ce ne sono. Rhyno se si dà una calmata è il petardino che manca al Benetton dai tempi di Dingo.
      L’unico straniero preso quest’anno che mi ha deluso finora, e di molto, è Chaparro.

  5. onit52 23 Ottobre 2021, 12:16

    Viene da dire beato lui se vede il bicchiere mezzo pieno .
    Intervista ( pubblica) a parte, come non capire che avere un bel gruppo che lavora bene ,che resta in partita per tutto il tempo , che ” sfiora ” spesso la vittoria ….ma NON vince non è più sufficiente.
    La fiducia scende di partita in partita …staff e giocatori sono chiamati ad un esame di coscienza ora non ad marzo aprile, e tirare fuori quello di buono in loro possesso.

  6. narodnik 23 Ottobre 2021, 12:27

    Concordo con chi trova divertente guardare Treviso quest’anno,tutte partite giocate punto a punto,a parte le irlandesi se la giocano più o meno con tutti,il problema è i punti persi e le dirette concorrenti,alcuni fattori mi fanno ritenere il ritorno meno fruttifero dell’andata,se fosse così i po se li guardano in TV.L’anno scorso le hanno perse tutte i passi in avanti ci sono.

    • aries 23 Ottobre 2021, 13:39

      Treviso mezzo cantiere, tra giocatori nuovi e staff rinnovato ci vorrà un po’ di tempo per registrare il meccanismo, il fuori programma di Garbisi credo che abbia incasinato ulteriormente la situazione

    • tifoso ignorante 23 Ottobre 2021, 21:24

      Io invece penso che il ritorno sarà più fruttifero dell’andata, quando la squadra avrà assimilato meglio il cambio di gioco.
      Sono convinto che Albornoz, Marin, Menoncello, Favretto e Cannone Jr cresceranno partita dopo partita, perché sono giovani, e i già forti Gallo, Zuliani e Lucchesi diventeranno dei giocatori importanti (specie Gallo). Rentreranno nei ranghi Ferrari e Halafihi….
      Insomma, non credo che quest’anno ci saranno grandi risultati, ma non vedo un futuro così nero…

  7. ivo romano 23 Ottobre 2021, 14:16

    Mete ne facciamo ma ne subiamo troppe.Focus sulle partite casalinghe e rammarico sulla partita di sabato piu’ che quella di ieri, questo fino a quando questa squadra non avrà una sua struttura e gioco.Errori grossolani e gratuiti ancora ne facciamo un po’ piu’ noi rispetto agli avversari oltre al gioco aereo e calci tattici dove ancora siamo un po’ deficitari.La squadra ha comunque potenzialità, entusiasmo,fisicamente preparata,il gioco dei 3/4 è migliorato tanto,ci sono diversi giovani su cui stanno puntando come Marin e Menoncello che debbono solo giocare per maturare,fanno errori di gioventu’ poi magari un drop ed un intercetto ti danno 6 punti in classifica.Smith, per me,potrebbe giocare sempre però si deve calare mentalmente su questo campionato ed avversari che richiedono piu’ solidità.

    • Paredes 23 Ottobre 2021, 17:53

      Sopratutto, Rhyno dovrebbe, se schierato a 10, controllare, moderare il suo istinto al calcetto o all’azione personale, quando sente forte la pressione della difesa avversaria…. ieri questo pensiero era super evidente: non è sbagliato in sè, ma non sempre riesce, e se anche riuscisse agire sempre allo stesso modo ti rende troppo leggibile dalla difesa (vedi ad es. il passaggio interno di Canna, sulla finta di penetrazione esterna).
      Controllare ma non annullare, sarebbe il top!

Lascia un commento

item-thumbnail

Padovani dopo Lione-Benetton: “A tratti superiori, ci è mancato il breakdown”

L'estremo dei leoni dopo il match di Challenge: "Dovevamo portare a casa più punti, ma sono orgoglioso della squadra e della prestazione"

item-thumbnail

Benetton, Bortolami: “orgoglioso della squadra per 80′”

L'analisi a caldo dell'head coach trevigiano

item-thumbnail

Challenge Cup: non basta un bel Benetton, Lione passa 25-10

Niente da fare per i leoni, che dopo 70 minuti di battaglia cedono nel finale, complice anche un discutibile cartellino giallo

item-thumbnail

Challenge Cup: esame di francese a Lione per il Benetton

Leoni a caccia di punti preziosi in terra transalpina

item-thumbnail

Benetton: la formazione per la sfida di Challenge Cup contro Lione

Negri sarà il capitano di giornata. In mediana spazio a Braley e Marin dal primo minuto, mentre in panchina ritorna Albornoz dopo un lungo infortunio

item-thumbnail

Benetton Rugby: dal mercato arrivano due rinforzi per il resto della stagione

La compagine veneta innesta nel proprio roster un utility back e un terza linea