Francia: sempre più dubbi sul tour in Australia

La situazione logistica e sanitaria non è delle più comode per l’approdo dei Bleus nell’Emisfero Sud

Francia: sempre più dubbi sul tour in Australia

Francia: sempre più dubbi sul tour in Australia (Ph. Sebastiano Pessina)

Dopo la cancellazione dei tour dell’Italia in Nuova Zelanda e dell’Irlanda nelle Fiji, un altra trasferta internazionale nell’Emisfero Sud sembra essere a forte rischio: quella della Francia in Australia.

Secondo quanto riportato dall’Equipe infatti, i Bleus di Galthiè per approdare nella terra dei Wallabies – con tre partite calendarizzate fra il 7, il 13 e il 17 luglio – dovrebbero sottoporsi a dei protocolli sanitari rigidissimi e molto costosi che in questo momento non è detto possano essere soddisfatti.

Francia: sempre più dubbi sul tour in Australia

– In primis lo staff tecnico dovrebbe pensare a un gruppo allargatissimo, di circa una cinquantina di elementi, per andare a ipotizzare eventuali infortuni o sostituzioni senza possibilità da parte dei giocatori di raggiungere l’Australia in un secondo momento.

– In secondo luogo l’organizzazione e la “mappa dei movimenti”: le autorità nazionali australiane e in particolare quelle dello stato di Victoria, dove la Francia dovrebbe giocare il secondo Test Match (a Melbourne), hanno intenzione di isolare la rappresentativa d’oltralpe in maniera quasi monacale. Ritiro rigido all’interno di un albergo, con la possibilità di uscire dall’hotel solo per allenarsi in un campo vicino alla struttura al massimo per un’ora al giorno e ovviamente per gli eventuali Test Match.

– Terzo punto: il valore dei Test Match. Andare a giocare contro un’Australia in piena stagione rugbystica opponendo una formazione con molti uomini stanchi dalla annata dell’Emisfero Nord e potenzialmente poco allenati potrebbe portare a due conseguenze negative: il fatto di perdere largamente le sfide e, soprattutto, di mettere a repentaglio la forma stessa dei giocatori fra impatti traumatici e lesioni muscolari.

Galthiè e la Federazione sono quindi al lavoro per valutare tutti gli scenari, ma è chiaro che molti nuvoloni neri si addensano sulla possibilità che questo trittico di partite si svolga in base alla sua calendarizzazione originale.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Per studiare, ripassare o verificare il regolamento del gioco del rugby, invece, clicca qui.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Galles: annuncia lo sbarco all’estero e viene rilasciato immediatamente dai dragoni

I Dragoni sostituiscono una seconda linea a causa del rugby-mercato. Prosegue così l'avvicinamento ai test di luglio

item-thumbnail

Ufficializzate date, orario e stadio per il doppio confronto Sudafrica-Georgia

I Campioni del Mondo torneranno in campo 19 mesi dopo l'ultima volta: ecco dove e quando per le due sfide ai Lelos caucasici

item-thumbnail

Tonga: i convocati per le sfide a Nuova Zelanda e Samoa

C'è anche un giocatore che proviene dal Top10 tra coloro che si giocheranno l'accesso alla Coppa del Mondo 2023 nel prossimo mese

item-thumbnail

Ecco i Maori All Blacks che sfideranno Samoa in due test-match

Selezione come sempre competitiva quella che aprirà il calendario internazionale dell'estate 2021 contro la squadra pacifica

item-thumbnail

I convocati del Canada per le sfide a Galles e Inghilterra

Scelti 30 dei 32 giocatori che nel prossimo luglio saranno di scena in Europa per sfidare le due "grandi" al Millennium e a Twickenham

item-thumbnail

Irlanda, Andy Farrell: “Simon Zebo? E’ una possibilità per il futuro”

Un inserimento del trequarti nella rosa che poi andrà alla Rugby World Cup 2023? Lo staff dei Verdi ci sta pensando