Il grande ritorno in Galles di Rob Howley: “Ora posso sorridere”

Dopo la squalifica per scommesse, l’ex mediano di mischia dei Dragoni tornerà al Millennium per sfidare la “sua” nazionale

Il grande ritorno in Galles di Rob Howley AFP PHOTO (Photo by Patrick KOVARIK / AFP)

Il grande ritorno in Galles di Rob Howley AFP PHOTO (Photo by Patrick KOVARIK / AFP)

Il prossimo 3 luglio ci sarà una partita speciale nel cuore di Rob Howley: l’ex grande mediano di mischia dei Dragoni tornerà al Millennium per un test match internazionale, anche se lo farà da assistente allenatore del Canada che sfiderà il Galles. Già il fatto di tornare però è molto importante, perché la sua vita e la sua carriera hanno avuto passaggi quantomeno difficili negli ultimi anni. A ridosso della Coppa del Mondo 2019 Howley infatti venne squalificato per 18 mesi (nove dei quali effettivamente scontati) per aver scommesso su qualcosa come 363 partite piazzando 1163 schedine. Come aveva raccontato il gallese, questo era il risultato della morte della sorella e delle difficoltà mentali che la scomparsa gli aveva lasciato.

Leggi anche: Howley torna sulla scena del rugby internazionale dopo la squalifica

Per via della squalifica si giocò la possibilità di diventare head coach dell’Italia (sembrava lui in pole per il post-Mondiale giapponese). Da settembre 2020 è ripartito come vice-allenatore del Canada, e in vista della partita contro il “suo” Galles ha raccontato le sue sensazioni: “Finalmente posso sorridere di nuovo, ho superato il periodo più difficile della mia vita. Trovo sia fantastico poter nuovamente lavorare per il rugby di alto livello, il fatto ora di giocare contro il Galles per la prima volta sarà incredibile, non riesco a immaginarmi cosa proverò”.

Leggi anche: Il calendario dei test match estivi del 2021

Quella del Millennium Stadium sarà come detto una partita molto particolare per Howley, che ha vestito 59 volte la maglia dei Dragoni e con loro è rimasto per 12 anni nello staff tecnico una volta chiusa la carriera da giocatore. Ora è pronto per tornare nel rugby che conta dopo aver scontato la sua squalifica: “Non è stato facile guardare le partite del Galles dopo il Mondiale 2019, perché nei tanti anni passati in Nazionale ho trovato grandi amicizie e stretto ottimi rapporti. Ora per me si tratta di guardare avanti e dimenticare il passato, ritengo che quella del Canada sia un’ottima soluzione”.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Per studiare, ripassare o verificare il regolamento del gioco del rugby, invece, clicca qui.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Irlanda: i convocati verdi per i test estivi, con 11 possibili esordienti

Mancano ovviamente i Lions, ed alcuni veterani di rilievo come Sexton, a cui è stata concesso una finestra di riposo

item-thumbnail

Australia: i convocati per la serie con la Francia

Sono 38 i giocatori scelti da Dave Rennie per Australia-Francia, con tanti giovani e una struttura di esperienza a fare da contraltare

13 Giugno 2021 Rugby Mondiale
item-thumbnail

Inghilterra: i 34 convocati per lavorare in vista dei test match estivi

Sono ben 21 i potenziali esordienti nel primo gruppo di lavoro selezionato da Eddie Jones per le sfide a USA e Canada

item-thumbnail

Mornè Steyn, rileggiamo la carriera di un mito del rugby mondiale

Contro i Lions potrebbe tornare a vestire la maglia degli Springboks uno dei più grandi giocatori degli ultimi 20 anni

item-thumbnail

Il calendario ufficiale di tutti i test match estivi del 2021

Dal prossimo 26 giugno al 18 luglio saranno ben 23 le partite ufficiali a livello internazionale distribuite tra i due emisferi