Odogwu: “Onorato delle attenzioni dell’Italia, ma l’Inghilterra è il posto che fa per me”

Il centro dei Wasps rivela di essere stato contattato da Franco Smith e dallo staff azzurro, ma di volersi giocare le proprie carte in Inghilterra

Paolo Odogwu Inghilterra

Paolo Odogwu in ritiro con l’Inghilterra: si era parlato di lui per una convocazione con l’Italia – ph. Adam Davy / POOL / AFP

Alla fine, Paolo Odogwu ha espresso a chiare parole quello che le sue azioni avevano già lasciato intuire nel corso degli scorsi mesi: grazie Italia, ma voglio giocare per l’Inghilterra.

Odogwu, 24 anni, centro e ala per i Wasps di Matteo Minozzi, è stato uno dei migliori giocatori della prima parte del campionato inglese, attirando molte attenzioni su di sé. Le sue ascendenze italiane avevano prospettato una possibile chiamata da parte della nazionale di Franco Smith, ma il giocatore è stato poi convocato dall’Inghilterra, salvo poi rimanere per undici settimane senza giocare nemmeno un minuto durante la lunga finestra internazionale per il Sei Nazioni.

Nonostante le decisioni di Eddie Jones nei mesi scorsi, però, il trequarti ha certificato le sue intenzioni in una lunga sessione di incontro con i media in qualità di giocatore dei Wasps: “[Eddie Jones] mi ha preso un po’ sotto la sua ala, dicendomi costantemente quanto crede in me e nelle mie qualità, che devo raffinare le mie abilità e continuare a lavorare per raggiungere il mio potenziale, ma che nessuno sa quanto forte io possa diventare.”

“Mi sono sentito motivato e tenuto in considerazione, parte della squadra e non presente solo per fare numero. L’Inghilterra è il posto che fa per me. Sono stato in ritiro e so cosa devo fare per far parte della squadra. Sento che non posso scappare ora solo perché non sono stato selezionato per giocare. Per me ora si tratta di continuare a spingere per vedere dove posso arrivare.”

Quello che i tifosi italiani si sono chiesti senza avere una certezza in merito alla risposta è se lo staff italiano abbia effettivamente sondato le intenzioni del trequarti, una circostanza svelata proprio da Odogwu in questa occasione: “Ho avuto una serie di conversazioni con Franco Smith, con l’ambiente azzurro e con tutti gli allenatori. Sarebbe stato un grande onore giocare per loro ma mi sono detto: ‘so quanto sono forte, so che lo sono abbastanza per stare nell’Inghilterra’. Ci ho pensato per una settimana e poi ho deciso di credere in me stesso.”

“In quel momento non sapevo ancora che sarei stato convocato nella rosa dell’Inghilterra, ma dovevo scegliere una delle due strade e ho preferito l’Inghilterra.”

Dalla fine del Sei Nazioni, Odogwu ha giocato solamente tre partite per i Wasps, segnando una meta e raggiungendo così quota 11 presenze per 7 marcature stagionali.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

L’inglese Henry Pollock eletto Miglior giocatore del Sei Nazioni U20

Il terza linea inglese è un giovane di grande prospettiva

item-thumbnail

Sei Nazioni femminile: Inghilterra ancora rullo compressore, l’Irlanda si rialza

Red Roses mai in difficoltà contro la Scozia malgrado un altro cartellino rosso, il Galles cade a Cork

14 Aprile 2024 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Due Azzurri nel XV ideale del Sei Nazioni 2024

Reso noto il Team of the Championship, dove l'Irlanda la fa da padrona e l'Italia ha più giocatori dell'Inghilterra

item-thumbnail

Scozia: fiducia in Gregor Townsend, nonostante tutto

Il capo allenatore rimane al suo posto, ma la federazione ha fatto intendere di non essere troppo soddisfatta dell'ultimo Sei Nazioni