Sei Nazioni, si pensa a un cambiamento: disputare tutti gli incontri il sabato

In futuro potrebbero non esserci più partite al venerdì sera e alla domenica

Sei Nazioni 2024 calendario, date e orari ph. s. pessina

Sei Nazioni, si pensa a un cambiamento: disputare tutti gli incontri il sabato – ph. Sebastiano Pessina

Tutte le future partite del Sei Nazioni maschile potrebbero disputarsi il sabato. È quanto riferisce oggi, mercoledì 10 luglio, il Guardian in base agli studi compiuti da parte dei dirigenti del torneo sugli ascolti televisivi durante l’ultima edizione.

Questi studi, secondo il quotidiano inglese, farebbero pendere decisamente l’ago della bilancia verso l’opzione di eliminare le partite del Sei Nazioni del venerdì sera o della domenica pomeriggio per concentrarle tutte in un’unica giornata, il sabato.

Leggi anche: Sei Nazioni 2025: calendario, date e orari della nuova edizione

Un’opzione comunque non del tutto rivoluzionaria, considerando che i tifosi della palla ovale sono abituati ad assistere all’ultima giornata del Sei Nazioni con tutte le partite concentrate il sabato. È il concetto del Super Saturday, che con questa proposta si vorrebbe estendere a tutte le giornate dello storico torneo.

I sostenitori di questo cambiamento lo fanno sulla base del classico successo della giornata del Super Saturday, che si vorrebbe provare a replicare anche nelle altre, e in generale sugli ascolti televisivi. Questi studi dimostrano che tutte le sette partite più seguite del Sei Nazioni 2024 sono state disputate di sabato e che i tre incontri meno visti nel Regno Unito (Galles-Francia, Irlanda-Italia e Francia-Italia) si sono giocati tutti di domenica. L’obiettivo è seguire questi flussi di ascolto per aumentare la visibilità dell’evento.

Infine i sostenitori di questa idea sottolineano la maggiore comodità per i tifosi in trasferta di viaggiare per vedere una partita il sabato, invece per esempio del venerdì sera. Bisogna però considerare che gli studi a cui fa riferimento il Guardian riguardano gli ascolti tv nel Regno Unito, i cui dati sarebbero da incrociare anche con quelli degli altri paesi.

Ad ora la prossima edizione del Sei Nazioni è previsto incomincerà proprio un venerdì sera, il 31 gennaio 2025, con Francia-Galles allo Stade de France. L’idea è ovviamente ancora allo stato di discussione ma, scrive il Guardian, “sembra che diverse federazioni siano favorevoli alla proposta delle partite solo il sabato”.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

L’inglese Henry Pollock eletto Miglior giocatore del Sei Nazioni U20

Il terza linea inglese è un giovane di grande prospettiva

item-thumbnail

Sei Nazioni femminile: Inghilterra ancora rullo compressore, l’Irlanda si rialza

Red Roses mai in difficoltà contro la Scozia malgrado un altro cartellino rosso, il Galles cade a Cork

14 Aprile 2024 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Due Azzurri nel XV ideale del Sei Nazioni 2024

Reso noto il Team of the Championship, dove l'Irlanda la fa da padrona e l'Italia ha più giocatori dell'Inghilterra

item-thumbnail

Scozia: fiducia in Gregor Townsend, nonostante tutto

Il capo allenatore rimane al suo posto, ma la federazione ha fatto intendere di non essere troppo soddisfatta dell'ultimo Sei Nazioni