Benetton, Garbisi: “Siamo competitivi, ci manca l’ultimo step. Bicchiere? Mezzo pieno, ma vogliamo riempirlo del tutto”

Il numero 10 di leoni e Nazionale azzurra ha parlato a margine della sfida contro Leinster

Paolo Garbisi

Paolo Garbisi – Benetton Rugby

In queste prime due sfide di Pro14, quattro considerando anche i due derby agostani, una delle note più liete nel percorso del Benetton Rugby è stato l’impatto di ottima qualità del mediano di apertura classe ’00, ex Petrarca, Paolo Garbisi, convocato da Franco Smith per il raduno di Roma in vista dei recuperi del Sei Nazioni 2020.

Il numero 10, nonché capitano dell’ultima edizione della selezione Under 20 azzurra, ha dimostrato di saper maneggiare con sapienza, seppur con diversi angoli del gioco ancora da smussare, lo standard posto in essere dal torneo celtico, lasciando tracce di peso in attacco, sia nella distribuzione del gioco che lavorando in prima persona – anche dalla piazzola -, sia in difesa. Garbisi ha parlato di queste prime due uscite a margine dell’incontro con Leinster, ai microfoni di BEN tv, sviscerando diversi temi.

“Giocare queste due partite è stato divertente e stimolante. Sono dispiaciuto per il risultato, perché penso meritassimo di più, degli zero punti raccolti, per quanto abbiamo fatto vedere in entrambe le gare disputate. Ci manca l’ultimo step, ma siamo lì. Il bicchiere è mezzo pieno, perché abbiamo dimostrato di essere competitivi nel torneo. Il target, nelle prossime settimane, deve essere riempirlo, questo bicchiere, magari di punti”, ha esordito i 20enne veneto, confessando anche un pizzico di emozione nel giocare contro Leinster.

“Sfidare i campioni in carica di Leinster è stato emozionante. E’ stata una partita molto dura sul piano fisico – come ci si poteva aspettare -, ma sul quel fronte abbiamo risposto piuttosto bene”, ha proseguito, chiudendo con un passaggio sulla sua capacità di calarsi nella nuova, complessa realtà celtica.

Leggi anche: Pro14: risultati, calendario, highlights, classifica e rosa dei leoni

“Questo livello richiede un adattamento molto veloce, non ti aspetta, soprattutto se passi direttamente da Under 20 e Top12 a questo genere di sfide. Fortunatamente lo staff mi ha dato subito due occasioni per mettermi in gioco, e spero di averle sfruttate. Ho ancora molto da fare, ma conto di migliorare, passo dopo passo, con il tempo”; ha concluso, con grande maturità Garbisi.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Per studiare, ripassare o verificare il regolamento del gioco del rugby, invece, clicca qui.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Il Benetton sfiderà una nazionale dell’est in amichevole?

Potrebbe assumere contorni decisamente internazionali il pre-campionato dei Leoni, che intanto continuano a lavorare a Treviso

item-thumbnail

Benetton, Andrea Masi: «Rosa competitiva, bisogna lavorare duro»

Il nuovo allenatore dell'attacco racconta il suo inizio con il Benetton in vista di una stagione molto impegnativa

item-thumbnail

Lorenzo Cannone a OnRugby: “Voglio ritagliarmi spazio”

Tra il Sei Nazioni appena terminato e il futuro al Benetton: Lorenzo Cannone si racconta a OnRugby

item-thumbnail

Benetton Rugby: sono due i capitani per la stagione 2021/22

Una fascia in coabitazione per i biancoverdi che affidano il ruolo a un trequarti e a un avanti

item-thumbnail

L’entusiasmo di Leonardo Marin, il nuovo Azzurrino del Benetton

A soli 19 anni il numero 10 della nazionale under 20 va a ingrossare le fila delle aperture a disposizione di Marco Bortolami, mentre sembrava destina...

item-thumbnail

Benetton, Tomas Albornoz: “Questa è una grande squadra”

Il numero 10 argentino si racconta, descrivendo il suo gioco e parlando di cosa è stato importante per scegliere l'Italia