Italia: Luca Bigi e l’importanza del primo raduno dopo lo stop forzato

Il capitano azzurro racconta i primi giorni di lavoro della Nazionale al raduno di Parma dopo tanti mesi senza rugby

Luca Bigi, capitano azzurro. Sebastiano Pessina ph

Si chiude oggi, giovedì 9 luglio, il primo raduno estivo della Nazionale Italiana di Rugby, con gli azzurri che nella tarda mattinata lasceranno la sede del ritiro per tornare a disposizione dei propri club. Sono stati tre giorni di lavoro intenso e importante, a quasi quattro mesi di distanza dall’ultima volta visto il lockdown che ha forzatamente fermato ogni attività. Per fare un bilancio su questo primo appuntamento azzurro della nuova stagione è intervenuto il capitano Luca Bigi, tallonatore delle Zebre, che alla FIR ha sottolineato come: “Incontrare nuovamente i compagni di squadra e vivere l’atmosfera azzurra è bellissimo. Ci sono nuovi volti, giocatori giovani che hanno portato energia e che mostrano voglia di emergere. Sin da lunedì ci siamo messi subito a lavorare duramente focalizzati sui nostri obiettivi. Sono stati giorni importanti: ritrovare il campo anche con l’Italia, riprendere da dove ci eravamo lasciati e continuare a costruire il nostro futuro”.

Leggi anche: Le parole di Ioane, Bisegni e Riccioni al raduno azzurro

Luca Bigi ha sottolineato come momenti del genere vadano sfruttati per recuperare condizione e meccanismi dopo il lungo stop, stop che è stato affrontato comunque in modo propositivo con i compagni e i membri dello staff della Nazionale sempre in contatto. Bigi ha poi parlato del fatto che due senatori come Alessandro Zanni e Dean Budd hanno deciso di ritirarsi chiudendo la loro carriera ovale, togliendo alla Nazionale un carico pesantissimo d’esperienza ad alto livello: “ Giocatori del loro calibro ci hanno lasciato qualcosa di importante che negli ultimi anni abbiamo cercato di carpire al meglio e di cercare di condividere il tutto con le nuove leve. Con un gruppo molto giovane alcuni principi come il lavoro, il sacrificio e la dedizione sono fondamentali: sta a noi giocatori un po’ più longevi trasmettere al meglio il tutto a chi si affaccia per la prima volta con la maglia della Nazionale Maggiore”.

Leggi anche: Cosa può dare Monty Ioane alla Nazionale italiana?

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di Onrugby e/o iscriviti al nostro canale Telgram.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Italia Emergenti: convocati e tipo di lavoro per il raduno di domani a Treviso

Si apre in Veneto (con seconda tappa a Parma) una due-giorni importante per il lancio del gruppo Emergenti

9 Agosto 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Il 2020 di Maxime Mbanda

Il terza linea delle Zebre e della Nazionale ha raccontato il suo anno particolare, con uno sguardo su una novità in arrivo

5 Agosto 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Il calendario azzurro dell’autunno prende sempre più forma: “8 Nazioni” in vista

Quasi certa - anche se per l'ufficializzazione bisognerà attendere - la possibilità di un torneo novembrino ad 8 squadre al posto dei Test Match

27 Luglio 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Andrea Lovotti: analisi e autocritica di quel brutto fallo su Vermeulen

Il pilone azzurro racconta quel momento e tutto quello che ne è conseguito dopo

22 Luglio 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Nazionale italiana rugby: quali i nomi per novembre? – triangolo allargato

Uno sguardo alla linea arretrata, ed in particolari ad ali ed estremi per Franco Smith

22 Luglio 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Nazionale italiana rugby: quali i nomi per novembre? – centri

Uno sguardo al reparto azzurro che dispone di alternative variegate

21 Luglio 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale