Italia: Luca Bigi e l’importanza del primo raduno dopo lo stop forzato

Il capitano azzurro racconta i primi giorni di lavoro della Nazionale al raduno di Parma dopo tanti mesi senza rugby

Luca Bigi, capitano azzurro. Sebastiano Pessina ph

Si chiude oggi, giovedì 9 luglio, il primo raduno estivo della Nazionale Italiana di Rugby, con gli azzurri che nella tarda mattinata lasceranno la sede del ritiro per tornare a disposizione dei propri club. Sono stati tre giorni di lavoro intenso e importante, a quasi quattro mesi di distanza dall’ultima volta visto il lockdown che ha forzatamente fermato ogni attività. Per fare un bilancio su questo primo appuntamento azzurro della nuova stagione è intervenuto il capitano Luca Bigi, tallonatore delle Zebre, che alla FIR ha sottolineato come: “Incontrare nuovamente i compagni di squadra e vivere l’atmosfera azzurra è bellissimo. Ci sono nuovi volti, giocatori giovani che hanno portato energia e che mostrano voglia di emergere. Sin da lunedì ci siamo messi subito a lavorare duramente focalizzati sui nostri obiettivi. Sono stati giorni importanti: ritrovare il campo anche con l’Italia, riprendere da dove ci eravamo lasciati e continuare a costruire il nostro futuro”.

Leggi anche: Le parole di Ioane, Bisegni e Riccioni al raduno azzurro

Luca Bigi ha sottolineato come momenti del genere vadano sfruttati per recuperare condizione e meccanismi dopo il lungo stop, stop che è stato affrontato comunque in modo propositivo con i compagni e i membri dello staff della Nazionale sempre in contatto. Bigi ha poi parlato del fatto che due senatori come Alessandro Zanni e Dean Budd hanno deciso di ritirarsi chiudendo la loro carriera ovale, togliendo alla Nazionale un carico pesantissimo d’esperienza ad alto livello: “ Giocatori del loro calibro ci hanno lasciato qualcosa di importante che negli ultimi anni abbiamo cercato di carpire al meglio e di cercare di condividere il tutto con le nuove leve. Con un gruppo molto giovane alcuni principi come il lavoro, il sacrificio e la dedizione sono fondamentali: sta a noi giocatori un po’ più longevi trasmettere al meglio il tutto a chi si affaccia per la prima volta con la maglia della Nazionale Maggiore”.

Leggi anche: Cosa può dare Monty Ioane alla Nazionale italiana?

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di Onrugby e/o iscriviti al nostro canale Telgram.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Italrugby: gli Azzurri restano senza sponsor di maglia

Il main sponsor della nazionale esercitando il diritto di recesso ha scelto di non rinnovare il contratto con FIR

22 Luglio 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Paolo Garbisi è nella lista dei 4 giovani mediani d’apertura più interessanti a livello mondiale

L'azzurro è in un sondaggio indotto da World Rugby assieme ad altri tre prospetti di altissimo livello

20 Luglio 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

La “querelle” sul trasferimento di Paolo Garbisi a Montpellier

La ricostruzione della vicenda che ha visto il mediano di apertura azzurro approdare a Montpellier per il prossimo TOP 14

17 Luglio 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

L’Italia ha (ri)contattato Louis Lynagh

A dirlo è stato il papà Michael che svela anche i retroscena della cosa

29 Giugno 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Maxime Mbandà: fra le Zebre e l’Italia, due “nuovi” capitoli della sua carriera

Il terza linea non vede l'ora aggiungere nuove pagine al suo personalissimo libro ovale

24 Giugno 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia: i convocati per la “prima” della nuova era Kieran Crowley, al via da domani

Nemmeno il tempo di rifiatare per il capo allenatore neozelandese, dopo il successo in Rainbow Cup. Comincia il suo percorso in azzurro

20 Giugno 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale