Dean Budd si è ritirato

Il seconda linea ha deciso di appendere gli scarpini al chiodo, lo ha annunciato tramite i suoi profili social

ph. Sebastiano Pessina

Dean Budd si è ritirato dal rugby con effetto immediato.

Dopo la conclusione del contratto con il Benetton Rugby e l’annuncio del ritiro dall’attività internazionale, il seconda linea neozelandese era in dubbio se proseguire o no una carriera che lo ha visto giocare in Nuova Zelanda, fra NPC e Super Rugby, nella Top League giapponese, nel torneo celtico in biancoverde e partecipare a Sei Nazioni e Rugby World Cup con la maglia azzurra dell’Italia, di cui ha avuto anche l’onore di essere designato come capitano (oltre ad aver giocato per cinque mesi in Canada in una squadra amatoriale).

La decisione finale è stata quella di appendere gli scarpini al chiodo, topos su cui ha ironizzato nel suo post su Instagram con cui ha annunciato la decisione: “Non c’è bisogno di una partita d’addio, ho vissuto al meglio e amato ogni momento della mia carriera. Grazie a tutti coloro che ho incontrato lungo la stada, dai campi d’allenamento ai pub, porterò con me incredibili ricordi di questo gioco.”

Come sempre diretto e conciso, Budd, che ha sempre preferito lasciar parlare il campo rispetto alle dichiarazioni fuori dallo stesso, compito che pur non poche volte ha dovuto assolvere.

Compirà 34 anni alla fine di luglio, gli ultimi otto li ha vissuti a Treviso: arrivato nel 2012 tra le fila della squadra allenata allora da Franco Smith, diventerà con il tempo un punto fermo della squadra, attraversandone i momenti più alti e quelli più bassi. In totale ha giocato 114 partite con i Leoni, segnando 14 mete.

Diventato eleggibile per l’Italia nel 2015, è stato convocato per la prima volta da Conor O’Shea nel 2017. Ha giocato 29 volte in Azzurro, segnando due mete: una a Firenze, contro la Georgia, nel 2018; l’altra al mondiale in Giappone, contro il Canada.

La storia della carriera di Dean Budd, raccontata da lui stesso

 

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Sei Nazioni 2020, Italia: i convocati della Nazionale italiana rugby per il raduno pre Irlanda

Sono 32 gli atleti a disposizione di Franco Smith, in quel di Roma

19 Ottobre 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia, Troncon: “Fasi statiche e gioco aereo per essere competitivi con l’Irlanda”

L'assistente allenatore della Nazionale traccia un ritratto dei punti di forza degli avversari e di come disinnescarli

19 Ottobre 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Sei Nazioni 2020: il rimborso dei biglietti per Italia-Inghilterra

Dal 3 novembre si potrà richiedere il rimborso o un voucher per le partite della nazionale maggiore maschile del prossimo futuro

16 Ottobre 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Nazionale Italiana di Rugby: un positivo fra i giocatori

E' il mediano di mischia Stephen Varney, che è asintomatico

13 Ottobre 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia: tre nuovi convocati per il raduno azzurro di Roma

Franco Smith ha rimpolpato il gruppo al lavoro da oggi nella capitale

11 Ottobre 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia, via al raduno: i convocati ed i temi nella “bolla” romana

Al via due mesi intensi di Test Match, tra Sei Nazioni e Autumn Nations Cup

11 Ottobre 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale