Dean Budd si è ritirato

Il seconda linea ha deciso di appendere gli scarpini al chiodo, lo ha annunciato tramite i suoi profili social

ph. Sebastiano Pessina

Dean Budd si è ritirato dal rugby con effetto immediato.

Dopo la conclusione del contratto con il Benetton Rugby e l’annuncio del ritiro dall’attività internazionale, il seconda linea neozelandese era in dubbio se proseguire o no una carriera che lo ha visto giocare in Nuova Zelanda, fra NPC e Super Rugby, nella Top League giapponese, nel torneo celtico in biancoverde e partecipare a Sei Nazioni e Rugby World Cup con la maglia azzurra dell’Italia, di cui ha avuto anche l’onore di essere designato come capitano (oltre ad aver giocato per cinque mesi in Canada in una squadra amatoriale).

La decisione finale è stata quella di appendere gli scarpini al chiodo, topos su cui ha ironizzato nel suo post su Instagram con cui ha annunciato la decisione: “Non c’è bisogno di una partita d’addio, ho vissuto al meglio e amato ogni momento della mia carriera. Grazie a tutti coloro che ho incontrato lungo la stada, dai campi d’allenamento ai pub, porterò con me incredibili ricordi di questo gioco.”

Come sempre diretto e conciso, Budd, che ha sempre preferito lasciar parlare il campo rispetto alle dichiarazioni fuori dallo stesso, compito che pur non poche volte ha dovuto assolvere.

Compirà 34 anni alla fine di luglio, gli ultimi otto li ha vissuti a Treviso: arrivato nel 2012 tra le fila della squadra allenata allora da Franco Smith, diventerà con il tempo un punto fermo della squadra, attraversandone i momenti più alti e quelli più bassi. In totale ha giocato 114 partite con i Leoni, segnando 14 mete.

Diventato eleggibile per l’Italia nel 2015, è stato convocato per la prima volta da Conor O’Shea nel 2017. Ha giocato 29 volte in Azzurro, segnando due mete: una a Firenze, contro la Georgia, nel 2018; l’altra al mondiale in Giappone, contro il Canada.

La storia della carriera di Dean Budd, raccontata da lui stesso

 

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Ange Capuozzo è nel XV ideale di Planet Rugby per le Autumn Nation Series 2022

Menzioni d'onore anche per Michele Lamaro e Ignacio Brex

29 Novembre 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Lorenzo Cannone: “Con l’Italia è stato un novembre positivo. Ora testa alle gare col Benetton”

L'avanti ripensa al mese internazionale appena concluso proiettandosi verso il futuro

item-thumbnail

Grazie Italrugby, e adesso al lavoro verso il Sei Nazioni 2023

Qualche riflessione su cosa ci lascia il novembre azzurro

21 Novembre 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

World Rugby Awards: Ange Capuozzo premiato “Rivelazione dell’anno”

L'estremo azzurro ha ricevuto il premio durante la cerimonia ufficiale di Montecarlo

20 Novembre 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia: le parole di Lorenzo Cannone e Pierre Bruno dopo Italia-Sudafrica

I due azzurri analizzano il match di Marassi e il percorso azzurro in queste Autumn Nations Series

20 Novembre 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia-Sudafrica: le pagelle degli Azzurri

I giudizi sulle prestazioni degli Azzurri in Italia-Sudafrica, ultima gara delle Autumn Nations Series della Nazionale, finita 21-63

20 Novembre 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale