Sei Nazioni: il XV ideale scelto da Andrea Masi

L’ex giocatore azzurro ha composto la sua formazione, dove non mancano alcuni compagni di squadra

ph. Sebastiano Pessina

Una carriera in azzurro fatta di 95 caps, di cui 45 nel Sei Nazioni e il titolo di Player of the Championship conseguito nell’edizione 2011 del torneo: Andrea Masi è sicuramente uno dei giocatori più rappresentativi della recente storia azzurra.

Stimolato dal sito ufficiale della competizione più antica e prestigiosa dell’Emisfero Nord, all’ex trequarti abruzzese è stato chiesto di stilare il suo XV ideale della kermesse. Ecco che cosa ne è venuto fuori.

Leggi anche, Andrea Masi: continuo a lavorare (da casa) per i miei ragazzi e per i prossimi obbiettivi

Best XV Andrea Masi: 15 Jason Robinson (Inghilterra), 14 Vincent Clerc (Francia), 13 Brian O’Driscoll (Irlanda), 12 Yannick Jauzion (Francia), 11 Shane Williams (Galles), 10 Jonny Wilkinson (Inghilterra), 9 Dimitri Yachvili (Francia); 1 Cian Healy (Irlanda), 2 Leonardo Ghiraldini (Italia), 3 Tadhg Furlong (Irlanda), 4 Alun Wyn Jones (Galles), 5 Paul O’Connell (Irlanda), 6 Thierry Dusautoir (Francia), 7 Sean O’Brien (Irlanda), 8 Sergio Parisse (Italia)

Sono quindi 5 gli irlandesi scelti, poi vi sono 4 francesi, 2 inglesi, 2 gallesi e 2 italiani: Ghiraldini e Parisse.

Del tallonatore si legge: “Leonardo ha molta esperienza è un vero guerriero. Aveva una mentalità molto tosta, ha ottenuto molto giocando ha più di 100 caps con l’Italia. Dev’essere il mio tallonatore”.

Del numero 8, capitano di Masi in tante battaglie, invece dice: “Qui ci metto Sergio! Era un giocatore fenomenale, con abilità incredibili e una forte personalità. Al suo apice è stato probabilmente il miglior giocatore del mondo”.

Gli altri “Best XV”
Andrea Masi non è il primo giocatore o ex giocatore che si è cimentato con questo giochino sul sito del Sei Nazioni. Prima di lui David Flatman e Tom Shanklin, Mike Phillips, Jamie Heaslip, Tim Visser, Lee Byrne e Kenny Logan hanno fornito le loro formazioni.

Fra i più selezionati vi sono Brian O’Driscoll, Jason Robinson, Shane Williams, Jonny Wilkinson, Alun Wyn Jones, Sean O’Brien e lo stesso Parisse.
Mike Phillips dal canto suo nell’eleggere la formazione ha scelto in prima linea Andrea Lo Cicero come simbolo di una mischia, quella italiana, che è stata per tanti anni eccellente. Il Barone coi suoi 103 caps ha incarnato quel pacchetto.

E’ attivo il canale Telegram di OnRugby. Iscriviti per essere sempre aggiornato sulle nostre news.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Sei Nazioni, Laporte: “CVC acquisirà il 14,5% del Torneo”

Il vicepresidente di World Rugby ha reso nota l'operazione durante l'assemblea generale della federazione francese

item-thumbnail

Il Sei Nazioni non si tocca, parola del CEO dell’Irlanda

"Dobbiamo preservare ciò che abbiamo. Niente miglioramenti con la Georgia al posto dell'Italia", ha spiegato al Podcast 'Off the Ball'

30 Maggio 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Conor O’Shea: “Per poco Danny Care non scoprì i piani per la Fox”

L'ex tecnico azzurro racconta il piccolo, curioso retroscena che coinvolge Ugo Monye e un barbiere di Londra

26 Maggio 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Scozia: John Jeffrey nuovo presidente federale

Lo Squalo Bianco nominato per il momento ad interim. Intanto Dave Rennie lascia Glasgow con un mese di anticipo

26 Maggio 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Il board del Sei Nazioni prende posizione sulla possibilità di un “4 Nazioni” senza Italia e Francia in autunno

Definite "inaccurate speculazioni" le voci giornalistiche circolate nelle scorse ore in UK

18 Maggio 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni