Australia: Raelene Castle si è dimessa

Lascia il ruolo di CEO della federazione australiana dopo due anni e sei mesi

Raelene Castle

Rugby Australia chief Raelene Castle watches the captain’s run training session of Australian team in Auckland on August 16, 2019, ahead of a Bledisloe Cup game against the New Zealand’s All Blacks. (Photo by Greg Bowker / AFP)

A poche ore di distanza dalla controversa lettera aperta mandata da 11 capitani Wallabies alla federazione, in cui veniva chiesto alla dirigenza attuale – senza mezzi termini – di farsi da parte, nella mattinata odierna – prima serata australiana -, Raelene Castle, CEO di Rugby Australia, sotto enorme pressione da diverse settimane, ha rassegnato le proprie dimissioni, dopo che nelle scorse ore il direttivo le ha fatto presente di non aver più fiducia nel suo operato da Chief Officer.

Leggi anche: la federazione USA ha presentato istanza di fallimento

“Amo il rugby a tutti i livelli e ricorderò sempre con affetto tutte le persone con cui ho avuto l’onore di lavorare da quando ho assunto l’onore e l’onere di questo ruolo (CEO di Rugby Australia, ndr). Ho chiarito di fronte al consiglio che avrei lavorato al meglio delle mie possibilità per servire agli interessi di tutti.

Nelle ultime due ore, però, mi è stato fatto presente come il consiglio di amministrazione ritenesse che la rimozione della mia figura dal ruolo di amministratore delegato sarebbe stata utile per dare loro la chiarezza di cui dicono di aver bisogno. Il gioco è più grande di una singola persona, quindi stasera ho riferito alla Presidenza la decisione di dimettermi”, ha chiarito la Castle, con un comunicato stampa consegnato all’ABC.

Come si è arrivati a questa separazione?

Il rugby australiano sicuramente sta attraversando alcune difficoltà di lungo periodo legate ad una amministrazione non perfetta durante un arco di tempo prolungato, non del tutto ascrivibili solamente all’operato di Castle. Problemi aggravati dalla attuale situazione, alla quale l’ex CEO non ha saputo trovare particolari contromosse in tempi brevi, anche se è impresa ardua a tutte le latitudini.

Tuttavia, sono meritevoli di citazione diversi risultati ottenuti in tempi recenti da Rugby Australia – sotto la guida di Castle – che negli ultimi anni ha riportato alcuni dei migliori risultati a livello giovanile della sua storia, sul campo, senza dimenticare che – fuori dal rettangolo verde – la candidatura per ospitare la Rugby World Cup 2027 è ottimamente posizionata nella corsa al Mondiale.

E’ attivo il canale Telegram di OnRugby. Iscriviti per essere sempre aggiornato sulle nostre news.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

All Blacks? Nessuno sconto ad hoc per loro

Le parole di Jacinda Hardern "gelano" la NZRU, che però può ancora sperare che i tuttineri trascorrano il Natale in famiglia

28 Settembre 2020 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Wallabies: Dave Rennie e il dilemma terza linea

Così simile eppur diverso da quello che attanaglia Ian Foster dall'altra parte del mare di Tasman

24 Settembre 2020 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Rugby Championship 2020: All Blacks, neri di rabbia. Natale in isolamento per loro?

I neozelandesi critici col calendario del torneo, ma la SAANZAR risponde per le rime

24 Settembre 2020 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Rugby Championship 2020: il calendario del torneo

Si parte il 7 novembre per concludere il 12 dicembre: nel mezzo sfide ad alta tensione ovale

24 Settembre 2020 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Argentina, verso il Rugby Championship 2020: i convocati

Mario Ledesma compie la prima scrematura riducendo il gruppo a 33 unità

22 Settembre 2020 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Rugby Championship 2020: Argentina, la marcia d’avvicinamento

Lo staff tecnico dei Pumas ha fatto il punto della situazione dal ritiro di Buenos Aires

18 Settembre 2020 Emisfero Sud / Rugby Championship