Rugby Australia in perdita: Raelene Castle si dimezza lo stipendio

La federazione australiana ha chiuso il bilancio 2019 con una perdita di oltre 5 milioni di euro. E il 2020 non promette di meglio

Australia

ph. Sebastiano Pessina

Si è tenuto lo scorso 29 marzo, ovviamente in modalità virtuale, l’incontro generale di Rugby Australia, con all’ordine del giorno l’approvazione del bilancio annuale della federazione. Il 2019 ha fatto registrare pesanti perdite per quella che è una union già in crisi nel corso degli ultimi anni: i conti saranno in rosso per più di 9 milioni di dollari australiani, corrispondenti a circa 5 milioni di euro.

Una situazione figlia di spese straordinarie e di mancati incassi: la federazione sapeva già di dover far fronte a una stagione difficile, visti i minori test match organizzati a causa della Rugby World Cup 2019, ma l’insorgere della battaglia legale con Israel Folau ha ulteriormente portato via risorse economiche.

Il 2020 non si preannuncia migliore, con l’attuale emergenza sanitaria in grado di mettere in crisi l’intero sistema economico e che colpirà duramente l’industria dello sport.

Leggi anche: Bigi: “Siamo alla ricerca di una decisione condivisa sugli stipendi”

Una mossa esemplare è allora arrivata dalla CEO di Rugby Australia Raelene Castle, che ha deciso di tagliare il proprio compenso del 50% a partire dal mese di marzo. Tutti i suoi collaboratori, inoltre, si decurteranno lo stipendio del 30%. Il provvedimento avrà effetto per i prossimi tre mesi e verrà poi ridiscusso di mese in mese.

“E’ un buon punto di partenza per offrire un esempio sull’importanza di questo momento” ha commentato Castle.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Gli Springboks organizzano una lotteria di beneficenza con i cimeli della Rugby World Cup 2019

I campioni del mondo voglio aiutare il loro Paese in questo momento di difficoltà

25 Maggio 2020 Emisfero Sud
item-thumbnail

I Pumas lavorano già per la RWC 2023

Mario Ledesma ha stilato una lista di 59 giocatori per far parte del nuovo ciclo mondiale della nazionale argentina

24 Maggio 2020 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Michael Cheika: “Avrei dovuto lasciare i Wallabies prima”

In un'intervista al Times l'ex coach dell'Australia ha detto che avrebbe dovuto lasciare la nave già nel 2018

24 Maggio 2020 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

La squadra tongana intrappolata in Nuova Zelanda

Da oltre due mesi ci sono 29 rugbysti bloccati nella zona di Auckland, ecco la loro incredibile storia

23 Maggio 2020 Emisfero Sud
item-thumbnail

Sam Whitelock ammette: “Mi sarebbe piaciuto fare il capitano degli All Blacks”

Il veterano spiega le sue ragioni rispetto alla mancata nomina. A essere scelto è stato Sam Cane

22 Maggio 2020 Emisfero Sud
item-thumbnail

Rugby mercato sempre ricco di novità

Un Campione del Mondo cambia squadra, contratti rinnovati in Premiership e una partenza pesante da Glasgow

21 Maggio 2020 Emisfero Nord