Test Match 2020: il probabile calendario dell’Italia, tra luglio e novembre

Per gli azzuri, tour americano in estate e sfide di lusso a novembre

italia rugby 2019

Italia, l’inno di Mameli prima del Test Match di agosto 2019 contro la Russia (ph. Ettore Griffoni)

Andata definitivamente in archivio la Rugby World Cup 2019, caratterizzata, in chiave azzurra, dai larghi successi su Namibia e Canada, dal k.o. contro i Campioni del Mondo del Sudafrica e dal surreale pari contro la Nuova Zelanda, per l’Italia del rugby è già tempo di pensare ad un 2020, primo anno del nuovo quadriennio, ormai già dietro l’angolo.

Un anno solare che, tra febbraio e marzo, si aprirà ovviamente con il Sei Nazioni 2020. Un’edizione, la 21esima da quando gli azzurri partecipano alla più importante e prestigiosa competizione dell’Emisfero Nord, che vedrà l’Italia disputare tre gare in trasferta (Galles, in apertura di torneo, Francia ed Irlanda) e due tra le mura amiche dell’Olimpico, contro Scozia ed Inghilterra (qui il calendario completo).

– Leggi anche: Il brillante debutto di Matteo Minozzi, e tanto altro, nella terza giornata di Premiership

Dopo gli impegni primaverili con i rispettivi club (la cui stagione terminerà a fine giugno), gli azzurri torneranno in campo nel corso della finestra internazionale estiva, collocata integralmente nel mese di luglio. Anche se i dettagli legati a luoghi, date ed orari degli incontri non sono ancora definiti in via ufficiale, l’Italia tornerà in America, quattro anni dopo l’ultimo tour nel continente, per sfidare Argentina, Canada e USA.

Il 2020 ovale in salsa azzurra si chiuderà, poi, a novembre, con la consueta finestra autunnale, caratterizzata da tre incontri, tutti da disputare in Italia. Manca ancora l’ufficialità, ma, in base a quanto appreso da OnRugby, la squadra italiana dovrebbe vedersela con i Campioni del Mondo del Sudafrica e con l’Australia, per quanto concerne le due gare contro nazionali Tier 1. Ancora da stabilire, invece, l’avversario Tier 2, anche se, come riportato pure da ‘El Observador’, l’Uruguay dovrebbe essere la compagine in pole position per una gara contro l’Italia.

– Leggi anche:  World Rugby Ranking: la classifica Mondiale post Rugby World Cup 2019

Un finale di anno solare, dunque, che sarà leggermente diverso dal solito per le compagini Tier 1. Il nuovo calendario di World Rugby per le annate dal 2020 al 2032, infatti, prevede che tutte le formazioni di ‘prima categoria’, nell’ottica di sviluppare la crescita globale del movimento, oltre a giocare i classici Test Match tra squadra di Sei Nazioni e Rugby Championship, ospitino un Tier 2 tra le mura amiche.

Probabile calendario in pillole

febbraio/marzo: Sei Nazioni
luglio: Argentina, Canada, USA
novembre: Sudafrica, Australia, Tier2 (Uruguay candidata principale)

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Italia: Conor O’Shea si è dimesso con effetto immediato

L'allenatore irlandese non guiderà gli azzurri al Sei Nazioni 2020. "Spero di aver lasciato il rugby italiano in una posizione migliore"

16 Novembre 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Come sarà l’Italia della Rugby World Cup 2023?

Abbiamo provato a immaginare delle liste di 31 convocati per il prossimo Mondiale. Ecco cosa ne è uscito fuori

13 Novembre 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

80° minuto: la Rugby World Cup dell’Italia vista con gli occhi di Mattia Bellini

Intervista all'ala che nella rassegna iridata giapponese è stato uno dei migliori del gruppo azzurro

1 Novembre 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Conor O’Shea dovrebbe ricoprire un ruolo all’interno della RFU a partire dal 2020

Secondo il 'Daily Telegraph', l'allenatore irlandese avrebbe già raggiunto un accordo con la federazione britannica

27 Ottobre 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

80° minuto: il mondiale di Braam Steyn attraverso le sue parole

Intervista al terza linea della nazionale dopo l'avventura in Giappone, fra numeri, ruoli e risultati

25 Ottobre 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Sergio Parisse continuerà a giocare per l’Italia

Il capitano azzurro lo ha confermato una volta per tutte in un'intervista a Midi Olympique: "Il mio finale con l'Italia è ancora da scrivere"

15 Ottobre 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale