Francia, dopo la vittoria con la Scozia, ci si chiede: è merito di Galthié?

Una domanda dell’opinione pubblica a cui il presidente federale Laporte ha tenuto a rispondere

Jacques Brunel ct Francia

ph. Sebastiano Pessina

Una Francia così spettacolare, unita e concreta non la si vedeva da anni e il 32-3 rifilato alla Scozia nel Test Match di sabato scorso a Nizza ne è stata la riprova.

A poche settimane dall’inizio della World Cup, dopo un quadriennio piuttosto difficile, al pubblico transalpino sembra venuta voglia di stare più vicino ai Bleus per vivere l’avventura iridata in Giappone.

Qualcuno però vuole sempre cogliere il lato “oscuro” delle cose e così fra l’opinione pubblica e la stampa d’Oltralpe ha cominciato a circolare una domanda strana e per certi versi curiosa: dal punto di vista tecnico, di chi è figlia l’affermazione contro i “Braveheart”? Di Brunel o di Galthié, suo prossimo successore e già entrato nello staff per comprendere meglio i meccanismi della nazionale?

La formazione della Francia per il test in Scozia

Questioni a cui il presidente federale Bernard Laporte, non si è voluto sottrarre rispondendo in maniera decisa: “Chi parla con i giocatori è Brunel – ha affermato – il risultato non è frutto dell’apporto di Galthié”.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Galles: vicino il rientro di un giocatore internazionale dopo 645 giorni di assenza

Wayne Pivac è pronto a riabbracciare una pedina strategica fra i trequarti

item-thumbnail

All Blacks: tutti quanti vogliono fare l’estremo

La maglia numero 15 dei tre volte campioni del mondo è molto ambita: tanta profondità nel ruolo

item-thumbnail

Test Match Estivi 2021: ecco il calendario degli All Blacks

Un "luglio isolano" per i tre volte campioni del mondo

item-thumbnail

Argentina: c’è Thomas Gallo nella lista preliminare per l’estate

Oltre al giovane del Benetton anche il prossimo arrivo in casa biancoverde Nahuel Tetaz Chaparro

item-thumbnail

All Blacks: Kieran Read si ritira dal rugby

Una leggenda dei 'tuttineri' dice basta a 35 anni

item-thumbnail

Inghilterra: dopo il difficile Sei Nazioni cambia lo staff tecnico

Due assistenti di Eddie Jones lasciano il loro incarico con la Nazionale, che dunque dovrà cercare nuove figure specializzate per attacco e skills