Francia: Fabien Galthié è sempre più vicino alla panchina della nazionale. Si delinea anche il suo staff

Il presidente Bernard Laporte ha fatto capire che si stanno limando i dettagli, prima dell’annuncio ufficiale

ph. Michael Regan/Action Images

La Coppa del Mondo nel mirino ma non quella del 2019 bensì quella del 2023, da giocare in casa e da non sbagliare. E’ lo strano paradosso della Francia, che praticamente ha già dato il ben servito a Jacques Brunel e attende dal prossimo mese di dicembre che Fabien Galthie prenda possesso della panchina dei Bleus.
L’ex allenatore di Stade Francais, Montpellier e Tolone è praticamente stato annunciato da Bernard Laporte che ha dichiarato al Berry Republicain: “Ho scelto Galthie”. Insieme a lui, va definendosi contestualmente lo staff che dovrebbe seguirlo: Laurent Labit come allenatore dei trequarti, che quindi lascerà il Racing 92, William Servat, nei panni del coach degli avanti, e Shaun Edwards, guru della fase difensiva del Galles in questi anni.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: gli arbitri per le partite dell’Italia

C'è Nigel Owens per la sfida contro il Canada, che dirigerà anche la partita inaugurale. Anche un australiano e due inglesi per gli azzurri

19 luglio 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

La nuova maglia della Scozia per la Rugby World Cup

Tornano gli inserti in tartan sulla divisa che gli scozzesi indosseranno ai Mondiali in Giappone

19 luglio 2019 Foto e video
item-thumbnail

Le divise dell’Argentina per la Rugby World Cup 2019

Per i Pumas una prima maglia albiceleste dall'effetto vintage

19 luglio 2019 Foto e video
item-thumbnail

Un ex nazionale gallese nella Major League Rugby

Si tratta di Dominic Day, che dopo due anni ai Saracens si trasferirà in California

18 luglio 2019 Rugby Mondiale
item-thumbnail

Speciale Rugby World Cup 2019: città e stadi – Toyota e Osaka

Quarta puntata del nostro viaggio nelle strutture e nelle località che ospiteranno la RWC 2019

18 luglio 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

L’Inghilterra a Treviso: tutte le informazioni per seguire la nazionale di Eddie Jones

Allenamenti a porte aperte con ingresso libero e gratuito e un grande Terzo Tempo in città

16 luglio 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
  1. fracassosandona 30 aprile 2019, 10:42

    A volte vorrei avere la grande capacità di Brunel di fare buon viso a cattivo gioco…
    come fai a non dimetterti se sai che non c’è fiducia nei tuoi confronti?
    è una dote anche quella…

    • SilverShadow 30 aprile 2019, 11:48

      Credo che senza una buona dose di senso del dovere non avrebbe mai accettato l’incarico a suo tempo e si sarebbe dimesso da tempo

      • madmax 30 aprile 2019, 15:43

        probabilmente glielo avranno chiesto, sapendo che le sue dimissioni avrebbero creato un problema enorme in quanto nessuno a pochi mesi del mondiale prenderebbe in mano una situazione così “radioattiva”… meglio assistere al rogo e poi ricostruire dalle ceneri. Detto ciò se non ricordo male una Francia semi-ammutinata arrivò in finale e lo stesso fece l’Inghilterra un’altra volta…
        Non dimentichiamo poi come pecunia non olet, un ulteriore incentivo a rimanere magari gli è stato promesso.

    • Obelix-it 1 maggio 2019, 12:54

      Si chiama professionalità..

  2. Mr Ian 30 aprile 2019, 14:57

    mamma mia che staff….
    nel frattempo McBryde va ad allenare gli avanti del Leinster

  3. Gremo 30 aprile 2019, 18:00

    I francesi non hanno più scuse. Hanno uno dei bacini (numericamente) più ampi, il campionato più ricco, una u20 molto competitiva, delle regole che incitano sempre più i club ad usare giocatori di formazione francese, uno staff di alto livello. Se nei prossimi anni riusciranno a preservare i loro giocatori e ad alleggerire il calendario potranno finalmente ambire a vincere qualcosa.

Lascia un commento