World Rugby esprime la sua posizione sulla World League tramite un comunicato

La Federazione Mondiale fa chiarezza sui possibili sviluppi per l’introduzione del nuovo torneo nel calendario internazionale

Da quando la notizia è diventata di dominio pubblico, c’è stato un rincorrersi di notizie e dichiarazioni assai veloce. La World League – il nuovo torneo che dovrebbe essere riservato alle nazioni facenti parte del Sei Nazioni e del Rugby Championship, a cui sommare USA e Giappone – sembra possa diventare realtà a partire dal 2020 e questo non sembra essere cosa particolarmente gradita ai giocatori che, tramite le parole di Jonathan Sexton, Kieran Read e Owen Farrell, hanno esplicitato il loro punto di vista critico sulla questione.

A distanza di poche ore da tutto il tam-tam mediatico sollevatosi, anche World Rugby ha voluto esprime la sua posizione, tramite un comunicato apparso sul suo sito ufficiale:

“World Rugby riconosce e apprezza l’importanza delle considerazioni dei giocatori, che contribuiscono alle discussioni annuali sull’attività internazionale. Tuttavia, il modo in cui l’International Rugby Players (IRP) ha espresso queste opinioni è sorprendente; visto il regolare impegno durante questo processo in corso. L’impegno di World Rugby nei confronti del welfare dei giocatori è immutato e continueremo a impegnarci e a dare piena considerazione al benessere dei rugbisti all’interno delle discussioni in corso.

È inopportuno commentare “le specifiche”, mentre è in corso una consultazione più ampia delle parti interessate, fra cui anche l’IRP. Tuttavia, è importante notare che alcune ipotesi formulate nelle dichiarazioni riguardanti la struttura della competizione proposta sono imprecise e che questioni importanti come il “sovraccarico da utilizzo” e le opportunità delle nazioni emergenti sono al centro del dialogo costruito sulla base del concetto generale.

Le ricerche effettuate sui fruitori confermano che una competizione annuale strutturata (intesa come una competizione con una struttura ben precisa, ndr) aumenterebbe le possibilità di interesse per nuovi fan che abbiano così la possibilità di partecipare e interagire a partite di caratura internazionale, aprendo il nostro sport a nuovi fan in tutto il mondo. Non vi è inoltre alcun dubbio che una competizione internazionale annuale strutturata produrrebbe entrate globali a lungo termine significativamente maggiori, per il reinvestimento nel gioco globale. Questo progetto ha a cuore la crescita e la stabilità a lungo termine, non le vittorie a breve termine e ciò include anche maggiori opportunità per i giocatori.

Come richiesto dal nostro Comitato Esecutivo e dai Sindacati, continuiamo a impegnarci in un processo di dialogo costruttivo con tutte le parti interessate, inclusa l’IRP, per fornire un modello che garantisca la migliore concorrenza possibile e risultati commerciali per tutti: un torneo annuale, con partite internazionali, con una struttura competitiva e che riesca a fornire opportunità ai giocatori, alle squadre, ai club, ai tifosi e anche alle parti sindacali”.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: calendario e orari del torneo iridato

Le informazioni essenziali da conoscere sui Mondiali in Giappone per chi non vuole perdersi nemmeno una partita

17 Settembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Tonga, Rugby World Cup 2019: Nasi Manu potrebbe essere titolare nella partita contro l’Inghilterra

Il recupero del terza linea procede nella maniera migliore

17 Settembre 2019 Rugby Mondiale
item-thumbnail

All Blacks, si pensa al post Rugby World Cup: è corsa a due per la panchina

Soluzione interna o scelta di rottura? In Nuova Zelanda sono iniziate le discussioni sul ruolo

17 Settembre 2019 News
item-thumbnail

La Rugby World Cup 2019 avrà numeri da record?

Il fatturato della competizione dovrebbe superare i 3,1 miliardi di euro del 2015. La copertura tv riguarderà circa 800 milioni di case

17 Settembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Galles, verso la Rugby World Cup: il primo allenamento in Giappone ha richiamato 15.000 persone

La squadra di Warren Gatland è una delle formazioni più attese e amate della rassegna iridata

16 Settembre 2019 Foto e video
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019 – Le squadre: Giappone

I nipponici hanno grandi ambizioni, ma basteranno la determinazione e il fattore casa per centrare lo storico passaggio del turno?

16 Settembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019