Rugby mondiale: dal 2020 potrebbe nascere una World League a 12 squadre

Stati Uniti e Giappone si unirebbero alle squadre del Sei Nazioni e del Rugby Championship in questo nuovo torneo

irlanda all blacks 2016

ph. Reuters

La rivoluzione ovale sembra essere più vicina di quanto si pensi. Dopo averla ipotizzata negli scorsi mesi infatti, World Rugby sarebbe prossima ad annunciare – partendo dal 2020 – la creazione della World League: un torneo internazionale che comprenderebbe le 12 nazionali più importanti del panorama ovale.

Le parole di Pichot: “Lavoriamo per la Nations League. I Test Match non riscuotono più interesse”

Sei Nazioni+Rugby Championship+USA e Giappone
Inghilterra, Irlanda, Galles, Scozia, Francia, Italia, Nuova Zelanda, Australia, Sudafrica, Argentina a cui aggiungere USA e Giappone. Queste le formazioni coinvolte nel nuovo format, che è ancora in fase di studio ma che avrebbe il sostegno universale delle 12 compagini coinvolte. Le squadre del Tier1, a cui aggiungere gli States e il team nipponico: due mercati inevitabilmente nel mirino di World Rugby per valore e potenziale espansione dei ricavi, che ovviamente andrebbero ad escludere il valore puramente rugbistico delle realtà isolane di Tonga, Fiji e Samoa.

Il format
Non ci saranno nè promozioni nè retrocessioni e tutte le squadre si dovranno affrontare almeno una volta all’anno una contro l’altra: quindi tutto ruoterà intorno alle finestre estive ed autunnali dei Test Match, che a questo punto verranno rimpiazzati dalle partite della World League. Il Sei Nazioni resta immutato, mentre il Rugby Championship diventa un Round Robin che includerà anche USA e Giappone. A Luglio e a Novembre invece le squadre dell’Emisfero Nord e dell’Emisfero Sud si scambieranno i ruoli per volare negli opposti emisferi e completare il calendario, che al termine della stagione regolare vivrà i suoi playoff a dicembre: le migliori quattro della classifica disputeranno semifinali e finali, con location individuate fra Europa e Stati Uniti.

World League, le prime reazioni: Sexton guida il coro dei critici (clicca qui)

Diritti TV
Secondo quanto riporta l’Herald neozelandese, pare che un’emittente – ancora sconosciuta – abbia presentato un’offerta per gestire i diritti tv globali della World League, ovviamente poi con possibilità di rivenderli a emittenti nazionali di ogni singolo Paese, i quali garantirebbero un incasso a ogni nazione partecipante stimato fra 6 e 8 mln di euro.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Gli Stati Uniti all’assalto della Rugby World Cup

Candidatura per i mondiali maschili del 2027 o del 2031 e per i femminili del 2029

21 Ottobre 2021 Rugby Mondiale / Rugby World Cup
item-thumbnail

Mondiale femminile 2022: completato il girone dell’Italia, ecco la terza avversaria

Ecco il calendario completo delle azzurre nella Rugby World Cup femminile del prossimo anno in Nuova Zelanda

20 Ottobre 2021 Rugby Mondiale / Rugby World Cup
item-thumbnail

Test Match: novembre di fuoco per Clara Munarini

Anche altri 7 italiani impegnati nell'autunno internazionale a vario titolo

16 Ottobre 2021 Rugby Mondiale
item-thumbnail

World Rugby approva la regola: i leggins potranno essere utilizzati anche in campo maschile

La federazione internazionale tutela così i giocatori dal rischio di abrasioni e altri impatti

13 Ottobre 2021 Rugby Mondiale
item-thumbnail

“Il rugby sui campi in sintetico? Sembra quasi un altro sport”

La dichiarazione di un tecnico che per molti sta diventando un grido d'allarme

11 Ottobre 2021 Rugby Mondiale
item-thumbnail

Quali sono le dieci squadre che hanno sempre partecipato alla Rugby World Cup?

L'elenco completo e "un'insospettabile assente"

11 Ottobre 2021 Rugby Mondiale / Rugby World Cup