Top 12: cosa aspettarsi dalla settima giornata?

La rivincita della finale scudetto 2018 e molto altro nel fine settimana di Top 12

ph. Luigi Mariani

Nonostante l’impegno della nazionale, domani a Firenze, il Top 12 non si ferma, proponendo nel fine settimana il settimo turno della stagione. Sei partite (da seguire in streaming qui su onrugby), tutte in programma domenica pomeriggio alle 15 (tranne Viadana v Fiamme Oro alle 15.30), che andranno a delineare con maggior precisione una graduatoria, sin qui, estremamente equilibrata, ben oltre le aspettative della vigilia.

Zone alte

Il big match è senza ombra di dubbio rappresentato dalla sfida di Padova, tra i padroni di casa del Petrarca ed il Calvisano, rivincita della finale scudetto del 2018. I campioni d’Italia, guidati da Andrea Marcato, sono l’unica squadra ancora  imbattuta del campionato nazionale e guardano la classifica dall’alto in basso (primi a quota 25), pur non essendo riusciti a scavare un solco rispetto alle inseguitrici. I veneti, infatti, solo una volta hanno archiviato un successo con punto di bonus offensivo, nel derby d’esordio sul campo di Verona. Da quel pomeriggio di fine estate in poi, i neri hanno messo in mostra, in Italia, concretezza e cinismo degni della grande squadra, riuscendo a vincere tutte le partite disputate anche senza entusiasmare, come settimana scorsa, in casa contro la Lazio, sconfitta 15-12. Calvisano, invece, dopo un avvio di torneo con qualche difficoltà in più del previsto, con le sconfitte a San Donà ed in casa contro le Fiamme, è reduce da due trasferte trionfali sui campi di Lazio e Valsugana, che hanno permesso ai bresciani, ora terzi a quota 22, di accorciare la classifica. La scossa, in casa giallonera, è arrivata grazie al successo in terra georgiana, al debutto in Continental Shield, prima delle 4 vittorie consecutivi con cui Calvisano si presenta a Padova, per provare a vendicare la sconfitta dello scorso maggio.

Le Fiamme Oro, in grado di battere Rovigo lo scorso weekend e prime inseguitrici del Petrarca, vanno a Viadana per provare ad approfittare dello scontro diretto, sognando il primo posto. Per la squadra cremisi, tuttavia, il test lombardo è di quelli molto probanti. Il team di Filippo Frati, infatti, è reduce da due successi filati e molto convincenti, in casa contro l’ambizioso Valorugby e sul campo dei Medicei. Se i capitolini dovessero passare indenni anche dallo Zaffanella, porrebbero con forza la loro candidatura anche per la lotta al primo posto al termine della stagione regolare. Vuole continuare a sognare anche il Valorugby (per ora quarto), che affronta la trasferta di San Donà a caccia di punti preziosi per restare in alto. I veneti, però, dopo un avvio scintillante, sono reduci da tre sconfitte consecutive (non vincono dal 29 settembre contro Calvisano) e vogliono tenersi lontani dalla zona calda.

Le altre

Fa specie trovare Rovigo, sempre protagonista assoluta nell’ultimo lustro, lontana dai vertici della classifica. Una situazione non abituale anche per la dirigenza veneta, che, però, nonostante le difficoltà in graduatoria, ha confermato fiducia in staff tecnico e giocatori. Il derby casalingo contro l’ultima della classe Valsugana si prospetta come un’occasione da non perdere per rialzare la testa, rimettendosi in moto verso la zona playoff. Chi, invece, sta andando alla grande è l’ottimo Mogliano (quinto) di Andrea Cavinato, atteso dall’insidiosa trasferta di Roma, contro la Lazio. Una gara da provare a vincere per non sganciarsi dal trenino della post season, anche se i ragazzi di Daniele Montella hanno dimostrato, in giornata singola, di poter essere un osso duro per tutti. In zona salvezza, infine, Verona ospita al Payanini Center I Medicei. Entrambe le compagini, in questi due mesi iniziali, hanno fatto intravedere sprazzi di buon rugby e ottenuto risultati super (come la vittoria a Rovigo dei toscani), mancando in termini di continuità, anche all’interno dello stesso match. La gara in veneto, dunque, assume contorni importanti per ambo i team, in ottica graduatoria ed in termini di autostima.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Umberto Casellato potrebbe svolgere degli allenamenti con una squadra di richiedenti asilo

Lo ha detto Francesco Zambelli, il presidente del Rovigo, confermando un'ipotesi circolata dopo la squalifica per insulti razzisti

18 gennaio 2019 Campionati Italiani / TOP12
item-thumbnail

Padova: anche per Romulo Acosta arrivano 8 settimane di squalifica

Il provvedimento punisce il pilone dei campioni d'Italia dopo lo sputo, verso un avversario, al termine della partita

17 gennaio 2019 Campionati Italiani / TOP12
item-thumbnail

Rovigo: per Umberto Casellato sono previste 8 settimane di squalifica

Gli insulti razzisti, a cui sono seguite le immediate scuse, avrebbero convinto l'EPCR a uno sconto della pena

16 gennaio 2019 Campionati Italiani / TOP12
item-thumbnail

Gli insulti razzisti di Umberto Casellato in Petrarca-Rovigo

L'allenatore dei rodigini li ha rivolti al samoano Jeremy Su'a. Nel post partita si è scusato: "Queste parole non fanno parte del mio essere"

13 gennaio 2019 Campionati Italiani / TOP12
item-thumbnail

Top 12: il momento delicato di San Donà

I veneti stanno rendendo sotto le attese di inizio stagione

10 gennaio 2019 Campionati Italiani / TOP12
item-thumbnail

Top 12: l’australiano Angelo Leaupepe è un nuovo trequarti del Petrarca

Il club veneto si rinforza in vista della seconda parte di campionato

9 gennaio 2019 Campionati Italiani / TOP12