La nuova scuola aperta dai Saracens a Londra

Accoglierà 156 studenti che inizieranno la loro secondary school. È il primo club di rugby ad impegnarsi in un’iniziativa del genere

ph. Reuters

A Londra, giovedì 7 settembre, i Saracens hanno aperto la loro “Saracens High School” nel quartiere di Barnet, nel Nord della città. 156 studenti di undici anni inizieranno la scuola secondaria (in cui studiano i ragazzi dagli 11 ai 16 anni nel sistema del Regno Unito), dove «le aspirazioni di ciascunosono sostenute dai valori fondamentali dei Saracens: lavoro duro, disciplina, umiltà e onestà».

Nel comunicato diffuso dal club campione d’Inghilterra, si legge che «molti dei ragazzi più emarginati o svantaggiati della capitale beneficeranno dei programmi educativi e vedranno aumentare notevolmente le loro possibilità di migliorare il proprio potenziale accademico e personale». Il progetto legato all’High School dei Saracens è legato al desiderio del governo britannico di assicurare il maggior numero di scuole pubbliche alla società, in modo da assicurare l’accesso all’istituzione a tutte le famiglie.

La società londinese diventa così il primo club professionistico di rugby a portare avanti un’iniziativa del genere, annunciata nel luglio del 2017 e che prevederà entro il 2020 la costruzione di una struttura ad hoc per la Saracens High School nella zona di Colindale, sempre a Barnet.

“È una grande sfida e un grande privilegio essere in grado di aprire una scuola, per provare a fare qualcosa di davvero importante per i ragazzi delle comunità più in difficoltà – ha dichiarato il presidente dei Saracens, Nigel Wray – ll nostro obiettivo è di aiutare ogni ragazzo a raggiungere il suo meglio, come per i nostri giocatori […] Far prosperare la comunità locale è il cuore di tutto quello che facciamo, e siamo estremamente orgogliosi di poter sfruttare la nostra posizione per contribuire in maniera positiva a dei cambiamenti, attraverso la forza dello sport”.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

RWC Best XV: il miglior tallonatore è Keven Mealamu

Il tallonatore è il sesto All Blacks scelto in formazione. Via alla scelta dell'ultimo giocatore

18 Settembre 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

RWC Best XV: il miglior pilone destro è Adam Jones

Spezzata l'egemonia degli All Blacks nel pacchetto di mischia. Mancano solo due ruoli per completare la formazione

15 Settembre 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Gareth Thomas ha rivelato di essere positivo all’HIV

L'ex capitano del Galles ha comunicato di propria volontà alla stampa inglese di aver scoperto di aver contratto il virus: "Volevo essere io a dare la...

15 Settembre 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Sei nuovi nomi verranno inseriti nella Hall of Fame

Due neozelandesi, un sudafricano, un uruguaiano, un samoano e un giapponese: la cerimonia si terrà il 3 novembre

13 Settembre 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

In Giappone c’è chi pensa che la nazionale di rugby perderà con la Russia

Lo dicono le previsioni di due polpi in una piscina di plastica per bambini ad Hokkaido. Chi siamo noi per dubitarne?

13 Settembre 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

RWC Best XV: Le migliori secondo linee sono Brodie Retallick e Sam Whitelock

Il duo neozelandese riempie gli spot numero 4 e 5, si passa a votare il miglior pilone destro

9 Settembre 2019 Terzo tempo
  1. massimiliano 7 Settembre 2018, 12:46

    grandissima iniziativa! Bisognerebbe prendere spunto da idee come questa

  2. onit52 7 Settembre 2018, 13:26

    Sono senza parole per l’iniziativa è per le motivazioni che la supportano.
    Che dire. possono qualche volta anche essere antipatici, ad alcuni,sti inglesi. ma nello specifico sono veramente grandiosi.

  3. aries 7 Settembre 2018, 19:47

    Che dire…
    Complimenti!
    …e un fondo di invidia!
    Bravi

Lascia un commento