La nuova scuola aperta dai Saracens a Londra

Accoglierà 156 studenti che inizieranno la loro secondary school. È il primo club di rugby ad impegnarsi in un’iniziativa del genere

ph. Reuters

A Londra, giovedì 7 settembre, i Saracens hanno aperto la loro “Saracens High School” nel quartiere di Barnet, nel Nord della città. 156 studenti di undici anni inizieranno la scuola secondaria (in cui studiano i ragazzi dagli 11 ai 16 anni nel sistema del Regno Unito), dove «le aspirazioni di ciascunosono sostenute dai valori fondamentali dei Saracens: lavoro duro, disciplina, umiltà e onestà».

Nel comunicato diffuso dal club campione d’Inghilterra, si legge che «molti dei ragazzi più emarginati o svantaggiati della capitale beneficeranno dei programmi educativi e vedranno aumentare notevolmente le loro possibilità di migliorare il proprio potenziale accademico e personale». Il progetto legato all’High School dei Saracens è legato al desiderio del governo britannico di assicurare il maggior numero di scuole pubbliche alla società, in modo da assicurare l’accesso all’istituzione a tutte le famiglie.

La società londinese diventa così il primo club professionistico di rugby a portare avanti un’iniziativa del genere, annunciata nel luglio del 2017 e che prevederà entro il 2020 la costruzione di una struttura ad hoc per la Saracens High School nella zona di Colindale, sempre a Barnet.

“È una grande sfida e un grande privilegio essere in grado di aprire una scuola, per provare a fare qualcosa di davvero importante per i ragazzi delle comunità più in difficoltà – ha dichiarato il presidente dei Saracens, Nigel Wray – ll nostro obiettivo è di aiutare ogni ragazzo a raggiungere il suo meglio, come per i nostri giocatori […] Far prosperare la comunità locale è il cuore di tutto quello che facciamo, e siamo estremamente orgogliosi di poter sfruttare la nostra posizione per contribuire in maniera positiva a dei cambiamenti, attraverso la forza dello sport”.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Slow Motion #15: la cavalcata di Jordan Williams

La meta della settimana è un pezzo di bravura dell'estremo dei Dragons, che ha mandato a gambe all'aria la difesa del Leinster

18 settembre 2018 Terzo tempo
item-thumbnail

Slow Motion #14: allo Stade Toulousain piacciono le bollicine

Il Tolosa di Huget, Ntamack e Ramos torna protagonista nella nostra rubrica, dopo la splendida meta contro La Rochelle

11 settembre 2018 Terzo tempo
item-thumbnail

Racconti di rugby: la disciplina ferrea di Mike Brewer a L’Aquila

Ovvero: giocare per 40 minuti effettivi senza far mai cadere la palla a terra. Per Mazzantini&co. non fu proprio semplice

11 settembre 2018 Terzo tempo
item-thumbnail

Slow Motion #13: E se fosse meglio la Premiership?

Il passaggio di Danny Cipriani a Charlie Sharples è impossibile da ignorare: ecco la meta della settimana

4 settembre 2018 Terzo tempo
item-thumbnail

Il coach quasi novantenne che continua a vincere

Dunstan Henry ha 88 anni e ha perso il conto dei campionati vinti. Un uomo al servizio del gioco da oltre sessant'anni

4 settembre 2018 Terzo tempo
item-thumbnail

Slow Motion #12: Bentornato Top 14

Torna il campionato francese ed è subito spettacolo: Cheslin Kolbe accende la luce e le gambe per la meta di Yoann Huget

28 agosto 2018 Terzo tempo