Pro14: tutti i cambi delle quattro irlandesi

Il movimento più importante è quello di Joey Carbery a Munster, ma c’è molto altro

ph. Reuters

DUBLINO – A poche settimane dall’inizio del Pro14, diamo un’occhiata al nuovo roster delle quattro province irlandesi.

Alla vigilia della delicatissima stagione della conferma, Leinster ha cambiato molto, ma solo perché è stata costretta. Heaslip, Strauss e capitan Nacewa si sono ritirati, Carbery e Jordy Murphy come noto si sono trasferiti ad altre squadre irlandesi. Tutto questo causerà una crescita di minutaggio e responsabilità per Ross Byrne e Ciaran Frawley, la coppia che sarà alle spalle di Sexton. Per il resto i boys in blue si affidano alla loro Accademia, scelta finora più che vincente.

L’unica vera mossa di mercato è Joe Tomane da Montpellier, la cui versatilità (può vestire tutte le maglie da 11 a 14) sarà importante. Leinster infatti à la squadra che contribuisce maggiormente alla nazionale, perciò avrà molti assenti per lunghi periodi della stagione. Leo Cullen ha preso la prima decisione importante della stagione: il nuovo capitano sarà Johnny Sexton. Secondo qualche commentatore locale è una nomina che precede quella a capitano della nazionale.


Munster ha salutato Zebo (Racing 92) sostituendolo con il 23enne Mike Haley, che ha lasciato i Sale Sharks anche in virtù dell’eleggibilità come nazionale irlandese (ha una nonna di Tralee). Gli altri innesti importanti sono Joey Carbery (che formerà un’attesa coppia di registi con Conor Murray), Tadhg Beirne dagli Scarlets e Arno Botha dai London Irish.
Il capitano di Munster Peter O’Mahony ha accolto Carbery nel camp prestagionale con grande fiducia: “Per un ragazzo di 22 anni, gioca certamente come uno che ne ha quasi 30. Non si agita, è in grado di guidare una squadra e la bellezza di tutto è appunto che ha solo 22 anni”.


Ulster ha perso per ritiro Bowe, Payne e Trimble, oltre a Jackson e Olding per la nota vicenda processuale. Simon Easterby guiderà la squadra fino a quando Dan McFarland non potrà liberarsi dagli impegni con la Scozia. A Belfast, intanto, sono arrivati Marty Moore (Wasps), Jordi Murphy (Leinster), l’eleggibile Will Addison (Sale Sharks), Billy Burns (Gloucester) e in prestito per qualche mese Henry Speight (Brumbies). Dall’Accademia arriva qualche prospetto molto interessante (Michael Lowry su tutti), ma all’orizzonte sembra esserci una stagione di ricostruzione.


Connacht ha cambiato molto, chiamando innanzitutto l’esperto coach Andy Friend per guidare la prossima fase del club. John Muldoon ha chiuso la carriera da giocatore raggiungendo l’ex coach Pat Lam a Bristol, dove allenerà la difesa dei Bears. Il ventitreenne David Horwitz (ex Rebels) sfiderà Jack Carty per la maglia numero 10, Kyle Godwin (25 anni, dai Brumbies) è un centro, mentre il 21enne fijiano Sevu Reece è un prezioso jolly nei ruoli dietro.
Cian Kelleher ha perso una parte consistente della scorsa stagione a causa di un infortunio; Coby Fainga’a (27 anni) è il fratello più giovane dei gemelli internazionali ex Wallabies Anthony e Saia.
Robin Copeland è stato senza dubbio il più impressionante interprete di Munster negli ultimi due mesi della scorsa stagione ed è un’aggiunta eccellente, mentre il nativo di Ulster Jonny Murphy arriva dai Rotherham Titans e la seconda linea Joe Maksymiw (22) è stato reclutato da Leicester.

di Damiano Vezzosi

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Fiamme Oro, il ds Gaudiello tra campionato, giovani e una precisazione sulla rosa

Abbiamo scambiato qualche parola con il direttore sportivo della squadra cremisi, al termine della prima parte di preparazione

19 agosto 2018 Campionati Italiani / TOP12
item-thumbnail

Top 12: vittoria per il Petrarca nell’amichevole contro Verona

Sui campi di Parona i campioni d'Italia hanno inaugurato il pre campionato contro una delle neopromosse

19 agosto 2018 Campionati Italiani / TOP12
item-thumbnail

Rugby Championship: tre assenze di lusso per il ritorno della Bledisloe Cup

L'Australia dovrà fare a meno della propria punta di diamante, mentre alla Nuova Zelanda mancherà il fosforo in mezzo al campo

19 agosto 2018 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Rugby Championship 2018: le parole del dopo-partita

Erasmus non del tutto contento dei suoi, mentre Hansen applaude. Cosa hanno detto i quattro head coach dopo la prima giornata

19 agosto 2018 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Qualificazioni mondiali: il quadro dei partecipanti al torneo di ripescaggio

Con la sconfitta del Kenya si definisce il programma complessivo del quadrangolare di scena a novembre in Francia

19 agosto 2018 Rugby Mondiale / Rugby World Cup
item-thumbnail

Rugby Championship 2018: Gli highlights della vittoria casalinga degli Springboks

Il Sudafrica ha regolato l'Argentina a Durban per 34 a 21 nella prima giornata del Rugby Championship. Ecco le migliori azioni

19 agosto 2018 Foto e video